keystone-sda.ch (ETTORE FERRARI)
ITALIA
17.11.20 - 10:150
Aggiornamento : 12:22

I 9'000 decessi della seconda ondata sono un prezzo immenso per molte famiglie

Il noto virologo Andrea Crisanti si è espresso sulla situazione coronavirus in Italia

Il Direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco, Nicola Magrini, ha invece parlato della soglia per ottenere l'immunità di gregge

ROMA - «La prossima settimana ci dirà se la curva si è stabilizzata o inizierà a scendere. Ma se non scende, bisogna fare qualche altra cosa. Perché è vero che ci sono sofferenze di carattere economico, ma stiamo facendo pagare un prezzo sociale e emotivo immenso a tantissime famiglie. Sono morte 9 mila persone dall'inizio della seconda ondata, non ce lo dobbiamo dimenticare». Così Andrea Crisanti, direttore di microbiologia e virologia all'Università di Padova, in un'intervista all'emittente RaiTre ha commentato gli ultimi dati della pandemia in Italia.

«Sicuramente le misure hanno avuto l'effetto di rallentare l'andamento della curva», ha proseguito, «e i casi non stanno aumentando al ritmo della settimana scorsa» ma «ci troviamo davanti a piccole variazioni rispetto al numero dei casi». In sostanza, ha concluso, «se volessimo fare le proporzioni e ieri avessero fatto i 210-220'000 tamponi, saremmo arrivati a circa 36-37'000 casi diagnosticati». E «rispetto ai 40'000 della settimana passata, sono quasi stabili».

Crisanti ha aggiunto, commentando l'ipotesi di allentare le misure anti-Covid in vista del Natale: «Stiamo imponendo un sacrificio importante agli italiani e stiamo accettando un sacrificio sociale importantissimo, con 500 morti al giorno, e poi che facciamo, riapriamo a Natale per rifare tutto il casino fatto in Sardegna quest'estate e ricominciare da capo? Questo è moralmente inaccettabile».

L'obiettivo del governo italiano, ha precisato l'esperto, «era smorzare il picco e distribuire l'impatto su un periodo più lungo per non compromettere la componente economica che si vuole preservare per dicembre, ed è un obiettivo che stanno raggiungendo».

La situazione immunitaria - L'Italia potrà dire di essere uscita dalla crisi del coronavirus «quando almeno il 70% delle persone sarà stato immunizzato, la soglia minima che serve a raggiungere la cosiddetta immunità di gregge che impedisce al virus di circolare». Lo ha spiegato Nicola Magrini, direttore generale dell'Aifa (Agenzia italiana del farmaco), in un'intervista al quotidiano La Stampa.

«Sarà un'operazione lunga e difficile» ha poi aggiunto Magrini, «perché parliamo di vaccinare almeno 40 se non 50 milioni di italiani. E per ottenere una piena immunizzazione per tutti servirà un richiamo a distanza di 3 settimane. Quattro nel caso di Moderna. Solo il vaccino dell'americana Merk Sharp & Dohme richiede una sola somministrazione, ma non arriverà prima dell'estate prossima».

Si inizierà a vaccinare «il personale sanitario, perché vogliamo che i nostri ospedali continuino a funzionare. Contemporaneamente somministreremo i vaccini agli anziani delle Residenze sanitarie assistenziali e alle forze dell'ordine. Poi passeremo agli altri anziani, anche se dobbiamo ancora decidere se conterà soltanto l'età o anche la presenza di altre patologie gravi. Via via sarà poi il turno di tutti gli altri. Diciamo che entro il 2021 potremmo aver coperto l'intera popolazione. Si sta già lavorando a un piano. Poi bisognerà mobilitare tutti i centri vaccinali, oltre che medici di famiglia e pediatri».

Parlando dei tre vaccini (Pfizer, Moderna, Astrazeneca), Magrini ha detto di aspettarsi che «per metà dicembre tutti e tre possano consegnare i dossier con i dati completi per avviare la valutazione da parte dell'Ema, l'Agenzia europea del farmaco. Qualche settimana per completare la revisione dei dati sarà necessaria, ma per metà gennaio potremmo arrivare a una valutazione comparativa di tutti e tre in modo da averli contemporaneamente a disposizione».

Una percentuale che varia, in breve misura, tra i Paesi europei. Ad esempio in Svizzera, lo ricordiamo, il Consiglio federale aveva dichiarato che «il vaccino avrà effetto se lo farà almeno il 60% della popolazione».

La situazione in Alto Adige - Il bilancio della pandemia in Alto Adige registra, nelle ultime 24 ore, ancora 9 vittime e 258 nuovi casi positivi. I decessi complessivi, incluse le case di riposo, salgono così a 414. I tamponi valutati dai laboratori dell'Azienda sanitaria provinciale sono stati 1'340, quasi 800 in meno rispetto ad ieri, dei quali 443 nuovi test. Il numero delle persone testate positive dall'inizio dell'emergenza sanitaria è ora di 18'104.

I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri, nella regione confinante con l'Austria, sono 359 (ieri erano 369) ai quali si aggiungono 123 pazienti nelle strutture private convenzionate e 95 (2 in più rispetto ad ieri in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes. In terapia intensiva sono ricoverati invece 44 pazienti (uno in più).

Le persone in isolamento domiciliare sono 9'189, delle quali 5 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. I guariti sono 6'989 (116 in più), ai quali si aggiungono 1'143 persone (2 in più) che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Alessandro 69 11 mesi fa su tio
Ma i 440000 morti da inizio anno per tumori e infarto hiv tabagismo non interessano,no esiste solo il covid
pillola rossa 11 mesi fa su tio
Si muore continuamente e finora mai nessuno è riuscito a impedirlo, checché ne dicano i dogmatici.
lecchino 11 mesi fa su tio
Invece i circa 75'000 morti all'anno per tabagismo in Italia sono moralmente accettabili, tant'è che lo stato (e non solo quello italiano) incassa i proventi del tabacco. Mi verrebbe quasi da dire ut te ipsum!
Don Quijote 11 mesi fa su tio
Facile parlare con la pancia piena.
Zuma 11 mesi fa su tio
Crisanti è un esperto di zanzare. NON È UN VIROLOGO!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
ITALIA
8 ore
"No green pass", nervi tesi a Milano
Cortei, proteste, slogan e qualche scontro con le forze dell'ordine. Migliaia di persone in piazza
STATI UNITI
9 ore
No vax, metà degli agenti di Chicago rischia lo stipendio
La disputa nata tra la linea dura promossa dalla sindaca e i sindacati contrari all'obbligo di mostrare il certificato
FOTO
Italia
14 ore
Proteste contro il fascismo, «è un attacco alla dignità di tutto il Paese»
Centro-sinistra e sindacati chiedono che venga rivista la Costituzione italiana con nuove riforme
Regno Unito
15 ore
Accoltellamento David Amess, «è terrorismo»
L'uomo arrestato figurava tra le persone ritenute a rischio radicalizzazione
STATI UNITI
22 ore
No, l'ivermectina non cura il Covid. Ecco il perché
L'Infectious Diseases Society of America ha pubblicato un'infografica per far chiarezza. E il verdetto non lascia dubbi
GERMANIA
1 gior
Non sei vaccinato? Non fai la spesa
In Assia ogni rivenditore potrà scegliere se far rispettare la regola del 2G o del 3G
REGNO UNITO
1 gior
«Sono scioccato, era un amico e un uomo gentile»
Il premier ha commentato l'aggressione che ha portato alla morte del suo collega di partito Amess
REGNO UNITO
1 gior
Essex, deputato accoltellato a morte da uno sconosciuto
David Amess, 69 anni, è stato colpito più volte dal suo aggressore. La polizia ha già arrestato un 25enne
LE FOTO
ITALIA
1 gior
«No Green Pass!», «Libertà!», in seimila a protestare al porto di Trieste
Nonostante i disagi, per il momento le operazioni portuali proseguono, ha confermato il Presidente della regione
AFGHANISTAN
1 gior
Tre esplosioni in moschea, un'altra strage di sciiti
Un altro massacro tra i fedeli sciiti: la preghiera del venerdì è ormai nel mirino dei terroristi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile