keystone-sda.ch (Claudio Furlan)
ITALIA
30.10.20 - 21:120

La curva non si piega: superati i 30mila casi in un giorno

L'Istituto superiore di sanità italiano: «Rischio di criticità importanti a breve termine in numerose regioni»

ROMA - Con i contagi che per la prima volta superano la soglia dei 30mila casi in 24 ore, toccando quota 31.084, e con 199 vittime in un giorno, l'epidemia di Covid-19 segna un «rapido peggioramento» e proietta l'Italia verso lo scenario 4, quello più grave e con rischio di tenuta dei servizi sanitari nel breve periodo.

Il quadro che emerge dall'ultimo monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità e ministero della Salute (relativo alla settimana 19-25 ottobre), conferma una situazione «complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale, con rischio di criticità importanti a breve termine in numerose regioni e province autonome».

Lo indica chiaramente l'indice di trasmissibilità Rt, salito a 1,7 a livello nazionale. Allarmante la fotografia delle regioni: il carico di lavoro, si legge nel documento, «non è più sostenibile sui servizi sanitari territoriali con evidenza di impossibilità di tracciare in modo completo le catene di trasmissione». Inoltre, questa settimana, per la prima volta, è stato segnalato il superamento in alcuni territori della soglia critica di occupazione in aree mediche (40%) ed esiste un'alta probabilità che 15 Regioni e Province autonome superino le soglie critiche di terapia intensiva e/o aree mediche nel prossimo mese. Complessivamente, il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è salito da 750 (18/10) a 1.208 (25/10), mentre il numero di persone ricoverate in aree mediche è passato da 7.131 (18/10) a 12.006 (25/10).

Regioni a rischio - Sono 11 le regioni classificate a rischio elevato di una trasmissione non controllata di SarsCov2 ed altre 8 Regioni e Province autonome sono classificate a rischio moderato con una probabilità elevata di progredire a rischio alto nel prossimo mese. Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, più la provincia di Bolzano, sono già nello scenario 4. Va però precisato che Emilia Romagna e Bolzano, rientrano nella classificazione delle Regioni a rischio moderato, ma compaiono anche nella classificazione dello scenario 4. Ciò perché il calcolo di quest'ultimo valore, realizzato sulla base di una ventina di indicatori, può divergere da quello del livello di rischio.

La curva, dunque, non accenna a piegarsi a fronte di un nuovo record di tamponi effettuati in un giorno (215.085) mentre sono 16.994 i ricoverati nei reparti ordinari degli ospedali e nelle terapie intensive ci sono oggi 1.746 persone, 95 più di ieri. La speranza è che le misure dell'ultimo dpcm possano cambiare il trend: «Gli effetti li vedremo alla fine della prossima settimana, a queste misure però si possono e si debbono inserire ulteriori misure che possono essere e a livello nazionale e a livello locale»., ha spiegato il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa sull'analisi della situazione epidemiologica tenuta insieme al presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli. E se la trasmissione del virus continua ad avvenire soprattutto in famiglia, «saranno fatti tutti gli sforzi per mantenere aperta la scuola», ha detto Locatelli ricordando che l'ambito scolastico rappresenta il 3,8% di tutti i focolai.

Tuttavia la prospettiva che l'intero Paese scivoli a breve nello scenario peggiore appare sempre più concreta. In questo caso, le misure saranno più drastiche e chiusure e zone rosse «in uno scenario 4 avanzato - ha aggiunto il direttore del Dipartimento Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza - potrebbero essere addirittura automatiche». Intanto, da Iss e ministero giungono due raccomandazioni forti: è «fondamentale» che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo e rimanga a casa il più possibile. Mentre le Regioni, dal canto loro, sono invitate a considerare un «tempestivo innalzamento delle misure di mitigazione nelle aree maggiormente affette in base al livello di rischio».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
VIDEO
FRANCIA
2 ore
Pestato (in video) dalla polizia
Botte e insulti razzisti ripresi dalle telecamere per 15 minuti. Gli agenti sono stati sospesi e posti in stato di fermo
ARGENTINA
5 ore
«L'ho sentito muoversi nella sua stanza alle 7.30»
Gli inquirenti indagano sulle ultime ore di vita di Maradona. Le parole dell'infermiera di turno quella mattina
ITALIA
5 ore
Lombardia arancione, pronta a riaprire i negozi
In Italia restano ancora vietati gli spostamenti fra le regioni. Le prime indiscrezioni sul nuovo Dcpm per le Feste
FRANCIA
8 ore
«Non più di 30 in chiesa per il Covid», ma i vescovi fanno ricorso
La nuova decisione del governo Macron non piace alla Chiesa che si oppone: «È un grave errore»
STATI UNITI
10 ore
Amazon stanzia 500 milioni per premiare i dipendenti a Natale
«Vogliamo dimostrare il nostro ringraziamento a tutti i dipendenti della nostra rete logistica»
STATI UNITI
10 ore
Ecco perché Donald Trump perde migliaia di follower su Twitter ogni giorno
Negli ultimi quattro giorni ben 46'000 persone hanno deciso di non più seguirlo, tra persone reali e bot
FOTO
ARGENTINA
13 ore
Un fiume di persone per i funerali di Maradona: «Sono immagini mai viste»
L'addio alla leggenda del calcio, fra la commozione e gli scoppi d'ira di chi non ha potuto partecipare alla cerimonia
STATI UNITI
13 ore
«Se il Collegio elettorale vota Biden, io lascio»
Per la prima volta Donald Trump ha aperto a un possibile abbandono della carica: «Sarà dura, ma lo farò»
MONDO
14 ore
Quelli per cui il Black Friday è solo un venerdì nerissimo
Sotto pressione crescente, sorvegliati ed esposti al virus, la situazione dei dipendenti Amazon denunciata da Amnesty
FOTO
ARGENTINA
23 ore
Caos ai funerali di Maradona a Baires
Gli esclusi dalla processione hanno reagito attaccando gli agenti con bastoni, sassi e bottiglie.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile