ARCHIVIO KEYSTONE
ARGENTINA / PARAGUAY
05.09.20 - 15:360

Uccisi due "guerriglieri": erano bambine di 11 anni

Il Coordinamento dei diritti umani del Paraguay parla di un crimine di stato

BUENOS AIRES - Ha suscitato sorpresa in Argentina che un annuncio in Paraguay sull'uccisione in uno scontro a fuoco giorni fa di due "guerriglieri" dell'Esercito del popolo paraguaiano (Epp) riguardava in realtà la morte di due bambine di nazionalità argentina di undici anni.

La verità sull'accaduto, scrive l'agenzia di stampa Telam, è emersa quando le autorità di Asuncion hanno chiesto informazioni a Buenos Aires sulle due persone uccise. In un comunicato il ministero degli esteri argentino ha confermato la nazionalità e precisato che si tratta di bambine nate rispettivamente il 29 ottobre 2008 e il 5 febbraio 2009.

I vertici militari del Paraguay avevano annunciato tre giorni fa lo scontro a fuoco, precisando che era avvenuto fra una unità della Forza operazionale congiunta (Ftc) paraguaiana e un commando dell'Epp, in una zona selvatica nel distretto di Yby Yaú (dipartimento settentrionale di Concepcion).

Il generale paraguaiano Héctor Grau ha sostenuto che i documenti delle due bambine sarebbero falsi, aggiungendo che le minori sarebbero state registrate in modo irregolare in Argentina dai genitori (Magna Meza e Osvaldo Villalba), leader della guerriglia, attiva anche nel dipartimento di San Pedro. Il ministero degli esteri argentino ha però «respinto con forza le dichiarazioni ingiustificate del generale Grau», negando anche un'altra delle sue affermazioni, e cioè che l'Argentina «sia una sorta di asilo nido dell'Epp».

Da parte sua, infine, il Coordinamento dei diritti umani del Paraguay (Codehupy) ha avvertito che lo scontro a fuoco presenta caratteristiche inquietanti di un crimine di Stato, vista anche «l'ingiustificabile velocità» con cui i cadaveri delle bambine sono stati sepolti prima della definitiva identificazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ARABIA SAUDITA
2 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
4 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
6 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
8 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
8 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
10 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
13 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
17 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
23 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
1 gior
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile