Depositphotos (photographee.eu)
ITALIA
11.08.20 - 17:060
Aggiornamento : 18:31

«Non devi pesare più di 47 chili», mamma in tribunale

La donna, del Comasco, è accusata di aver vessato la figlia 15enne. Lei e il marito però negano

COMO - Avrebbe costretto la figlia, all'epoca dei fatti quindicenne, a un regime alimentare rigidissimo per evitare che ingrassasse eccessivamente, dove per "eccessivamente" la mamma intendeva sopra i 47 chili di peso. Per questo, secondo le accuse, una comasca, cinquantenne, comparirà davanti al gup in ottobre per rispondere di maltrattamenti.

L'udienza preliminare si presenta fin d'ora come combattuta perché da un lato vi sono le accuse della ragazza (rese e confermate durante un incidente probatorio) confermate dalla zia, medico, che aveva denunciato la vicenda in Procura. Dall'altro la madre nega completamente, sostenuta dal marito. In mezzo c'è l'incidente probatorio e una serie di perizie disposte dal pm Massimo Astori, che ha chiesto il rinvio a giudizio della donna.

La vicenda risale al 2018 quando la zia della ragazza, medico, presentò un esposto in Procura descrivendo il disagio della quindicenne, costretta a mangiare poco. Un esposto corredato dal racconto di episodi, circostanze, ma anche da fotografie e file audio in cui la madre rimproverava la figlia del peso eccessivo, ossessionata dal timore che ingrassasse.

«Sei brutta, devi dimagrire». «Non vedi quanto sei grassa?», «Pesati, se non ti pesi sulla bilancia è perché sai che hai mangiato» sono alcune delle frasi riportate nella denuncia.

Sulla base dell'esposto, la Procura chiese e ottenne dal giudice l'allontanamento della madre dal nucleo familiare con il divieto assoluto di avvicinare la figlia in qualsiasi luogo e di contattarla con qualsiasi mezzo. E l'intervento dei servizi sociali per porre fine a quello che era stato definito come un clima vessatorio nei confronti della minorenne.

Dopo l'incidente probatorio e la sostanziale conferma delle accuse da parte della ragazza, sei mesi dopo, la madre fece ritorno a casa, dove le tensioni sull'alimentazione sarebbero terminate.

Da parte sua la donna, e con lei il marito, ha sempre negato di avere proibito alla figlia di mangiare e tanto meno di averle rivolto insulti o ingiurie legate al peso.

Nel frattempo l'indagine preliminare ha fatto il suo corso e, forte del materiale probatorio presentato dalla zia, integrato da una serie di perizie concluse anche in tempi più recenti, il pm ha chiesto il rinvio a giudizio della donna per il reato di maltrattamenti, lasciando sostanzialmente inalterato il quadro accusatorio iniziale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
NUOVA ZELANDA
13 min
Vai al fast food e ricevi il vaccino
È quanto sta pensando di attuare il governo della Nuova Zelanda, in trattative con KFC
NORVEGIA
3 ore
L'abbraccio liberatorio: «Torniamo alla vita normale»
Niente più distanziamento sociale, basta limiti agli eventi. Una decisione possibile «grazie alla campagna vaccinale»
GERMANIA
4 ore
«Nessuno sta facendo abbastanza per la crisi climatica»
La giovane attivista si è rivolta ai manifestanti dal palco, esortandoli ad andare a votare
AFGHANISTAN
7 ore
Parla uno dei leader talebani: «Tornano esecuzioni ed amputazioni»
Il Ministro responsabile delle carceri ha giustificato le due misure: «Necessarie per la sicurezza»
STATI UNITI
10 ore
Caso Floyd, l'ex agente Chauvin contesta la condanna
L'ex ufficiale, lo ricordiamo, è stato condannato a 22 anni e sei mesi di prigione
STATI UNITI
13 ore
Entra al supermercato e apre il fuoco: un morto e 12 feriti
Per gestire la situazione sono intervenuti gli agenti speciali SWAT, il killer sarebbe morto
MONDO
15 ore
Oggi ripartono gli scioperi per il clima
Fridays for Future torna in piazza con lo slogan #Sradica il sistema
FOTO
SPAGNA
23 ore
La promessa di Felipe agli abitanti di La Palma
Prosegue l'eruzione del vulcano Cumbre Vieja
ITALIA
1 gior
Trattativa Stato-Mafia, ribaltata la sentenza di primo grado
Assolti gli alti ufficiali dei Carabinieri e anche Marcello Dell'Utri
REGNO UNITO
1 gior
L'immunità renderà il Covid simile a una comune sindrome influenzale?
«Il peggio dovrebbe essere passato», assicurano due esperti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile