keystone-sda.ch / STF (NABIL MOUNZER)
+12
LIBANO
05.08.20 - 18:470
Aggiornamento : 21:04

Beirut, una tragedia che si sarebbe potuta evitare?

Le indagini sul disastro avvenuto nella capitale libanese indicano per ora la negligenza quale causa principale

Nell'hangar esploso erano immagazzinate da anni 2'750 tonnellate di nitrato d'ammonio. L'esplosione ha provocato almeno 135 morti e oltre 5'000 feriti.

BEIRUT - Beirut oggi conta le sue vittime e cerca una spiegazione per quella tragedia che, con ogni probabilità, si sarebbe potuta evitare. L'esplosione di ieri pomeriggio ha ucciso almeno 135 persone e provocato oltre 5'000 feriti, stando all'ultimo aggiornamento fornito dal ministro della Salute Hassan Hamad.

Le prime inchieste in corso, riporta oggi l'agenzia Reuters, si stanno concentrando sul fattore negligenza quale causa primaria del disastro. Nell'hangar esploso erano immagazzinate 2'750 tonnellate di nitrato d'ammonio. E se ne stavano li da oltre sei anni, senza particolari misure di sicurezza, nonostante i ripetuti tentativi da parte delle autorità doganali per farle rimuovere.

Il carico, lo ricordiamo, era giunto al porto della capitale libanese nel settembre del 2013, su una nave cargo di proprietà russa diretta verso il Mozambico.

Le fonti ufficiali citate dall'agenzia britannica spiegano che un incendio è divampato all'interno dell'hangar numero 9, propagandosi poi anche al numero 12. Quello in cui era conservato il nitrato d'ammonio. E non solo. Il deposito sarebbe infatti stato ispezionato appena sei mesi fa. Il verdetto del team? Se il materiale in questione non fosse stato rimosso «avrebbe potuto far esplodere tutta Beirut».

E così in un certo senso è stato. L'onda d'urto generata dalla deflagrazione si è propagata nel raggio di centinaia di metri, danneggiando tutto ciò che si è trovata di fronte. I danni, stando alle stime fornite questa mattina dal governatore della città, ammontano a circa 3,5 miliardi di dollari mentre le persone rimaste senza casa solo oltre 300mila.

keystone-sda.ch / STF (WAEL HAMZEH)
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
«I palazzi non vengono giù da soli»
Sotto le macerie del condominio crollato a Miami Beach sono sepolti diversi misteri. E non si sa quante persone
GERMANIA
5 ore
L'ultimo discorso di Angela
La cancelliera tedesca ha parlato al Bundestag per l'ultima volta (forse). Un addio dopo 16 anni
REGNO UNITO
6 ore
Malato di Covid per 10 mesi consecutivi
Dave Smith ha avuto 42 test PCR positivi ed è stato ricoverato sette volte, ma è ancora vivo
UNIONE EUROPEA
8 ore
Orban marcato stretto a Bruxelles per la legge “omofoba”
I leader uniti: «Posizioni incompatibili con l'Ue», lui però si difende: «È pensata per difendere bambini e famiglie»
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
8 ore
«Ci stiamo preparando a ricevere cattive notizie»
Le operazioni di soccorso dopo il crollo della palazzina in Florida potrebbero proseguire per una settimana.
ETIOPIA
9 ore
Bombardato un mercato, muoiono in 64, colpiti anche diversi bambini
Un nuovo massacro di innocenti nel Tigray, ma l'Esercito nega: «Erano ribelli travestiti da civili»
FOTO
STATI UNITI
13 ore
Dalle macerie di Miami estratta la prima vittima
I soccorsi ancora al lavoro dopo il crollo nella notte di un palazzo di 12 piani a Miami Beach
STATI UNITI
14 ore
Quelle tracce del Covid prima del dicembre 2019 pubblicate sul Cloud
Erano state postate e poi cancellate da un team cinese, uno studioso americano però le ha ritrovate
FOTO
STATI UNITI
16 ore
Crolla un palazzo a Miami Beach: «È stato prima come una bomba e poi come un terremoto»
Soccorsi sul posto in forze, si temono diverse vittime ma non è ancora chiaro come sia capitato
STATI UNITI
18 ore
«Chiedo scusa... Me ne vergogno»
Una 49enne dell'Indiana si è mostrata pentita davanti al giudice
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile