Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (NABIL MOUNZER)
+12
LIBANO
05.08.20 - 18:470
Aggiornamento : 21:04

Beirut, una tragedia che si sarebbe potuta evitare?

Le indagini sul disastro avvenuto nella capitale libanese indicano per ora la negligenza quale causa principale

Nell'hangar esploso erano immagazzinate da anni 2'750 tonnellate di nitrato d'ammonio. L'esplosione ha provocato almeno 135 morti e oltre 5'000 feriti.

BEIRUT - Beirut oggi conta le sue vittime e cerca una spiegazione per quella tragedia che, con ogni probabilità, si sarebbe potuta evitare. L'esplosione di ieri pomeriggio ha ucciso almeno 135 persone e provocato oltre 5'000 feriti, stando all'ultimo aggiornamento fornito dal ministro della Salute Hassan Hamad.

Le prime inchieste in corso, riporta oggi l'agenzia Reuters, si stanno concentrando sul fattore negligenza quale causa primaria del disastro. Nell'hangar esploso erano immagazzinate 2'750 tonnellate di nitrato d'ammonio. E se ne stavano li da oltre sei anni, senza particolari misure di sicurezza, nonostante i ripetuti tentativi da parte delle autorità doganali per farle rimuovere.

Il carico, lo ricordiamo, era giunto al porto della capitale libanese nel settembre del 2013, su una nave cargo di proprietà russa diretta verso il Mozambico.

Le fonti ufficiali citate dall'agenzia britannica spiegano che un incendio è divampato all'interno dell'hangar numero 9, propagandosi poi anche al numero 12. Quello in cui era conservato il nitrato d'ammonio. E non solo. Il deposito sarebbe infatti stato ispezionato appena sei mesi fa. Il verdetto del team? Se il materiale in questione non fosse stato rimosso «avrebbe potuto far esplodere tutta Beirut».

E così in un certo senso è stato. L'onda d'urto generata dalla deflagrazione si è propagata nel raggio di centinaia di metri, danneggiando tutto ciò che si è trovata di fronte. I danni, stando alle stime fornite questa mattina dal governatore della città, ammontano a circa 3,5 miliardi di dollari mentre le persone rimaste senza casa solo oltre 300mila.

keystone-sda.ch / STF (WAEL HAMZEH)
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La vaccinazione in Austria diventa obbligatoria
La misura entrerà in vigore dal prossimo 4 febbraio. È il primo Paese europeo a introdurla
BRASILE
7 ore
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
11 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
12 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
13 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
14 ore
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
STATI UNITI
15 ore
«Un'invasione dell'Ucraina? Putin la pagherà a caro prezzo»
L'ipotesi di Joe Biden è che la Russia stia per entrare in Ucraina, ma «sarà una decisione che pagherà a caro prezzo»
FOTO
NUOVA ZELANDA
16 ore
Quel che resta di Tonga, nelle prime foto da terra
I soccorsi sono infine riusciti ad arrivare, altri arriveranno presto, mentre sull'isola l'acqua inizia a scarseggiare
SRI LANKA
18 ore
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
23 ore
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile