keystone-sda.ch / STF (NABIL MOUNZER)
+12
LIBANO
05.08.20 - 18:470
Aggiornamento : 21:04

Beirut, una tragedia che si sarebbe potuta evitare?

Le indagini sul disastro avvenuto nella capitale libanese indicano per ora la negligenza quale causa principale

Nell'hangar esploso erano immagazzinate da anni 2'750 tonnellate di nitrato d'ammonio. L'esplosione ha provocato almeno 135 morti e oltre 5'000 feriti.

BEIRUT - Beirut oggi conta le sue vittime e cerca una spiegazione per quella tragedia che, con ogni probabilità, si sarebbe potuta evitare. L'esplosione di ieri pomeriggio ha ucciso almeno 135 persone e provocato oltre 5'000 feriti, stando all'ultimo aggiornamento fornito dal ministro della Salute Hassan Hamad.

Le prime inchieste in corso, riporta oggi l'agenzia Reuters, si stanno concentrando sul fattore negligenza quale causa primaria del disastro. Nell'hangar esploso erano immagazzinate 2'750 tonnellate di nitrato d'ammonio. E se ne stavano li da oltre sei anni, senza particolari misure di sicurezza, nonostante i ripetuti tentativi da parte delle autorità doganali per farle rimuovere.

Il carico, lo ricordiamo, era giunto al porto della capitale libanese nel settembre del 2013, su una nave cargo di proprietà russa diretta verso il Mozambico.

Le fonti ufficiali citate dall'agenzia britannica spiegano che un incendio è divampato all'interno dell'hangar numero 9, propagandosi poi anche al numero 12. Quello in cui era conservato il nitrato d'ammonio. E non solo. Il deposito sarebbe infatti stato ispezionato appena sei mesi fa. Il verdetto del team? Se il materiale in questione non fosse stato rimosso «avrebbe potuto far esplodere tutta Beirut».

E così in un certo senso è stato. L'onda d'urto generata dalla deflagrazione si è propagata nel raggio di centinaia di metri, danneggiando tutto ciò che si è trovata di fronte. I danni, stando alle stime fornite questa mattina dal governatore della città, ammontano a circa 3,5 miliardi di dollari mentre le persone rimaste senza casa solo oltre 300mila.

keystone-sda.ch / STF (WAEL HAMZEH)
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BELGIO
30 min
Preoccupazioni da Liegi, «la Lombardia della seconda ondata»
L'allarme è lanciato da un dottore del reparto di terapia intensiva di un ospedale locale
ITALIA
2 ore
Organizzano la partitella di soppiatto, ma alla fine i carabinieri li pizzicano
E scatta la multona. È successo in quel di Castellanza (VA) a un gruppetto che proprio non ce la facevano a non giocare
FRANCIA
3 ore
L'assassino di Samuel Paty era in contatto con la Jihad
Il 18enne sarebbe stato in contatto diretto con un terrorista, forse suo connazionale, di stanza in Siria
STATI UNITI
3 ore
Con Facebook Dating, Zuckerberg sfida Tinder
L'app di appuntamenti sbarca in 32 paesi dopo una lunga fase di test, riuscirà a convincere?
STATI UNITI
5 ore
«Incapace», «bugiardo», «pazzo»: Obama scatenato contro Trump
L'ex Presidente degli USA, Barack Obama, ha attaccato duramente l'attuale Presidente Donald Trump
STATI UNITI
6 ore
Trump sta pensando di silurare il capo dell'FBI
Secondo l'attuale presidente, Christopher Wray avrebbe dovuto mettere sotto inchiesta i Biden
MONDO
8 ore
Il volo più lungo al mondo è "guarito" dal Covid
E con il cambiamento di aeroporto negli Stati Uniti, sarà anche un poco più lungo di prima
ITALIA
16 ore
È finito in manette il gruppo di giovani che violentò le turiste minorenni nel Materano
Erano in otto e per trovarli tutti quanti gli inquirenti hanno dovuto ingegnarsi. La loro arma, un gin tonic “corretto”
BRASILE
18 ore
Vaccino AstraZeneca: morto un volontario
Dopo attenta revisione e valutazione del caso si è deciso di proseguire con la sperimentazione
RUSSIA
20 ore
Il vaccino russo anti-Covid può fatturare 100 miliardi di dollari
«Le persone ne hanno bisogno, questo è un buon business» afferma il presidente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile