Keystone
FRANCIA
03.01.20 - 20:440

Accoltella e uccide urlando Allah Akbar

Alle porte di Parigi è tornata la paura cinque anni dopo l'attacco alla redazione di Charlie Hebdo

di Redazione
ats ansa

PARIGI - Cinque anni dopo l'inizio della più sanguinosa ondata di attentati terroristici in Francia con l'attacco alla redazione di Charlie Hebdo, il Paese comincia il nuovo anno all'insegna della paura: a Villejuif, alle porte di Parigi, un giovane con problemi psichiatrici - sembra convertito di recente all'islam - ha accoltellato diversi passanti vicino a un centro commerciale.

La polizia lo ha ucciso ma non ha potuto evitare che il giovane, Nathan, che indossava una djellaba e che secondo alcuni testimoni avrebbe gridato Allah Akbar, uccidesse un uomo e ferisse altre due persone, una in modo grave.

Non era schedato il giovane Nathan, 23 anni, residente a Parigi, ma la polizia lo aveva fermato per comportamento sospetto nel 2018 e lui aveva spiegato di essere affetto da una forma di schizofrenia. Al momento non sembra fosse in cura ma gli inquirenti stanno indagando sull'eventualità che fosse sotto l'effetto di farmaci.

Oggi alle 14, senza alcun preavviso, ha accoltellato diverse persone nel parco delle Hautes-Bruyeres, vicino a un supermercato Carrefour e a un centro commerciale di Villejuif. Coltello in mano, Nathan ha cominciato ad aggredire diverse persone, alcune delle quali hanno evitato i colpi e si sono date alla fuga, gridando.

L'uomo ucciso, abitante a Villejuif, «aveva 56 anni. Stava passeggiando con la moglie, e quando la donna è stata presa di mira dall'assalitore, ha tentato di proteggerla. E si è preso la coltellata al suo posto», ha spiegato il sindaco Franck Le Bohellec. I coniugi abitavano a poche centinaia di metri. La donna, 47 anni, è stata ricoverata all'ospedale di Kremlin-Bicetre in gravi condizioni. La terza vittima è una donna di 30 anni, ricoverata per ferite alla schiena, ma non è in condizioni preoccupanti.

Il ministro dell'Interno, Christophe Castaner, ha espresso «riconoscenza» alle forze dell'ordine per la loro «reattività, il sangue freddo, la professionalità». Chiamate sul posto dai passanti terrorizzati, gli agenti sono arrivati, hanno tentato di utilizzare le pistole di servizio per fermare Nathan, che stava fuggendo in direzione della vicina Hay-les-Roses ma che rischiava di finire nel centro commerciale, affollatissimo a quell'ora. Non riuscendoci, due di loro sono tornati verso l'auto di servizio, hanno preso il fucile d'assalto e hanno fatto fuoco 5 volte, uccidendo il fuggiasco.

Al momento, l'inchiesta è stata affidata alla procura di Creteil, vicino a Parigi, ma il procuratore antiterrorismo, Jean-Francois Ricard, è arrivato sul posto dopo pochi minuti, insieme con il sottosegretario all'Interno, Laurent Nunez. In serata il presidente Emmanuel Macron ha espresso sostegno alle vittime di fronte a una «violenza cieca».

Nell'aprile 2015, all'inizio dell'ondata di attentati di matrice islamica, Villejuif fu al centro del caso di Sid Ahmed Glam, studente di informatica algerino, sospettato di aver ucciso una donna e di star preparando un attentato contro una chiesa. Nell'anno appena trascorso, 3 sono stati i casi finiti sul tavolo del procuratore antiterrorismo: l'accoltellamento di due secondini da parte di un detenuto radicalizzato, l'attentato all'esplosivo nel centro di Lione che fece 14 feriti a maggio e la strage nella questura di Parigi, a ottobre, da parte di un dipendente convertito all'islam e radicalizzato. In 5 anni, gli attentati commessi in Francia hanno provocato la morte di 255 persone.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
18 min
«Non accadrà quello che è avvenuto con la variante inglese»
Le autorità sono alla ricerca di un caso "disperso" di variante brasiliana. L'esperto esclude una larga diffusione
STATI UNITI
1 ora
In 27 nel Suv, poi l'incidente: almeno 15 morti
È tragico il bilancio dopo lo scontro con un autoarticolato nel sud della California
MONDO
1 ora
«È un inizio d'anno davvero difficile»
L'associazione delle compagnie aeree IATA ha confermato le difficoltà, dovute in particolar modo alle varianti
ROMANIA
2 ore
Migliaia di euro promettendo un futuro: sette arresti
Europol e autorità rumene hanno smantellato un gruppo di trafficanti di migranti
POLONIA
3 ore
Assolte le attiviste LGBT che hanno messo un'aureola arcobaleno alla Madonna
Non volevano «offendere» i sentimenti religiosi, ma «difendere» gay e lesbiche discriminati. Erano accusate di blasfemia
STATI UNITI
4 ore
Apple fiduciosa, riapre tutti i suoi negozi
I 270 store americani della Mela non erano aperti contemporaneamente dall'inizio della pandemia
STATI UNITI
5 ore
Prima di lasciare Trump e signora si sarebbero fatti vaccinare
E lo avrebbero fatto lontano dai riflettori, mentre Pence e Biden lo facevano in pubblico
UNIONE EUROPEA
6 ore
Vaccini, l'Ue non tira le orecchie ad Austria e Danimarca. Anzi
«È sempre bene imparare dalle pratiche di altri Paesi» ha dichiarato un portavoce della Commissione europea
MONDO
7 ore
Entro il 2050, una persona su 4 avrà problemi d'udito
L'allarme lanciato dall'OMS, con il primo rapporto mondiale sull'udito
MONDO
9 ore
Lo stalkerware, quando il partner spia il cellulare: più di 50'000 casi nel 2020
Il fenomeno è piuttosto diffuso soprattutto in Russia e Brasile, ma anche in Italia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile