Keystone
Il regista Oleg Sentsov, che in Russia era stato condannato a 20 anni di reclusione.
RUSSIA/UCRAINA
07.09.19 - 22:000

Scambio di prigionieri Kiev-Mosca, un primo passo per la pace

Una settantina di prigionieri, 35 per parte, sono stati imbarcati su due aerei che quasi contemporaneamente sono decollati dalle rispettive capitali

MOSCA - Ucraina e Russia hanno compiuto il primo, attesissimo, passo per riprendere il difficile dialogo e provare a trattare: si sono scambiate una settantina di prigionieri, 35 per parte, imbarcati su due aerei che quasi contemporaneamente sono decollati dalle rispettive capitali.

Un 'primo passo per la pace', si è affrettato a commentare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, salutato come un importante gesto di disgelo da tutta la comunità internazionale.

Dal presidente Trump alla cancelliera Merkel, passando per l'Unione Europea e la Nato, i commenti positivi si sono rincorsi da una parte all'altra del Pianeta. 

Dopo lunghi negoziati, Mosca e Kiev hanno messo così momentaneamente da parte le inimicizie con Zelensky che vede spiragli per "la fine della guerra" nel Donbass, anche se la strada verso la pace è ancora lunga e irta di ostacoli e molto dipende dal Cremlino, che sostiene militarmente i separatisti.

Tra i prigionieri liberati ci sono i 24 marinai ucraini catturati dai russi lo scorso anno dopo uno scontro armato al largo della Crimea. E c'è il regista Oleg Sentsov, che in Russia era stato condannato a 20 anni di reclusione in un processo che molti osservatori ritengono di matrice politica.

Sentsov era stato accusato di aver tentato di "organizzare atti terroristici" in Crimea, ma tanti ritengono che dietro la severa sentenza vi fosse semplicemente l'avversione dell'artista all'occupazione da parte di Mosca della penisola in cui è nato. Per questo l'anno scorso Sentsov aveva fatto uno sciopero della fame di quasi cinque mesi contro la sentenza che riteneva ingiusta chiedendo la sua scarcerazione e quella di altri 64 ucraini rinchiusi nelle prigioni russe.

Ad attendere gli ucraini all'aeroporto Borispyl di Kiev c'era Zelensky, che ha abbracciato e stretto la mano alle persone appena tornate in libertà. Per il nuovo capo di Stato ucraino è un'importante vittoria politica: l'ex cabarettista è stato eletto promettendo di fare tutto il possibile per mettere fine alla guerra e dicendosi disposto a dialogare con Putin pur di raggiungere il suo (ancora lontano) obiettivo.

Mentre gli ucraini scendevano dall'Antonov messo a disposizione dal governo di Kiev, a Mosca la tv di Stato riprendeva lo sbarco dei prigionieri russi che avevano appena fatto il viaggio inverso: dalle carceri ucraine all'aeroporto Vnukovo di Mosca. Tra i rilasciati c'è il giornalista russo-ucraino Kirill Vyshinskiy, a capo della redazione di Kiev dell'agenzia di stampa russa Ria Novosti e accusato dalle autorità ucraine di alto tradimento.

Ma il personaggio più controverso tra quelli tornati in libertà è sicuramente Volodymyr Tsemakh: un separatista filorusso considerato un testimone chiave della strage del Boeing malese, l'MH17, abbattuto nel luglio del 2014 da un missile russo nel Donbass in guerra.

Tsemakh pare che allora comandasse un'unità antiaerea proprio nell'area della sciagura in cui morirono 298 persone, per lo più turisti olandesi e australiani. Per questo alcuni sospettano che il miliziano sia direttamente implicato nella vicenda. Tutti gli indizi finora raccolti sulla tragedia puntano al Cremlino, eppure la Russia continua a negare ogni responsabilità e pare che avesse posto la scarcerazione di Tsemakh come conditio sine qua non per lo scambio.

Il team internazionale a guida olandese che indaga sul disastro del Boeing malese aveva invece chiesto esplicitamente a Kiev di non permettere a Tsemakh di andare in Russia perché altrimenti sarebbe stato impossibile interrogarlo. Per questo i Paesi Bassi hanno espresso rammarico per la scarcerazione del miliziano. In ogni caso, stando ad alcune fonti, gli investigatori avrebbero avuto modo di interrogare Tsemakh prima che fosse liberato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
59 min
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
9 ore
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
20 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
23 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
1 gior
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
1 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
1 gior
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
1 gior
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
1 gior
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
1 gior
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile