keystone-sda.ch/ (ANGEL HERNANDEZ)
Secondo le prime ipotesi degli inquirenti si tratterebbe di una vendetta tra due gruppi rivali o una spedizione punitiva.
+1
MESSICO
28.08.19 - 20:560

Molotov contro il bar, i morti salgono a 26

Altre 11 persone sono rimaste ferite. L'attacco sarebbe stato compiuto da un gruppo di 5-6 persone

COATZACOALCOS - È salito a 26 morti il bilancio di un attacco armato contro un bar nella città costiera meridionale di Coatzacoalcos, nello stato di Veracruz, in Messico, in un nuovo massacro che flagella il Paese, dove la violenza non cessa da più di 12 anni.

Nell'attacco, 11 persone sono rimaste ferite. L'assalto è avvenuto intorno alle 22 ora locale di ieri (le ore 5 svizzere di oggi) al nightclub White Horse. Tra le cinque e le sei persone sono giunte a bordo di diversi furgoni e hanno lanciato bombe Molotov nel bar, dopo aver sparso carburante, per appiccare il fuoco all'interno del locale.

Le prime ipotesi delle autorità su questo massacro sostengono che sarebbe stata una vendetta tra due gruppi rivali o una spedizione punitiva per il rifiuto dei proprietari del night club di pagare il pizzo. Il governatore di Veracruz, Cuitláhuac García, ha annunciato che è già stato identificato uno dei presunti responsabili, Ricardo "N", alias "La Loca", che era già stato arrestato il mese scorso, ma che era stato rilasciato due giorni dopo.

Degli uccisi nel massacro, il peggiore nel Paese da quando il presidente del Messico Andrés López Obrador è entrato in carica 9 mesi fa, 16 sono uomini e 10 donne, che saranno sottoposti ad analisi forensi per l'identificazione. Il presidente ha condannato il massacro e ha dichiarato in una conferenza stampa di aver chiesto al procuratore generale messicano di farsi carico delle indagini e di andare fino "in fondo" al caso.

Dall'inizio dell'anno, Coatzacoalcos è stata teatro di una sanguinosa disputa tra il Cartello di Jalisco Nuova Generazione e Los Zetas sul controllo dello spaccio di droga e la raccolta del pizzo da bar e ristoranti. Lo scorso aprile, un commando armato ha ucciso 13 persone in una sala per feste a Minatitlan, località vicina a Coatzacoalcos, in un massacro dove è morto il proprietario di un bar che si è rifiutato di pagare il pizzo.

keystone-sda.ch/ (ANGEL HERNANDEZ)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
George Floyd è morto per «asfissia»
La famiglia ha reso noto gli esiti della autopsia sul corpo del 46enne afroamericano.
ITALIA
4 ore
Riapertura della Lombardia: la parola chiave è «cautela»
I dati riguardanti il contagio fanno ben sperare in prospettiva degli allentamenti del prossimo 3 giugno.
STATI UNITI
5 ore
Ecco com'è volare sulla Crew Dragon, parola degli... astronauti!
La navetta di Space X “recensita” dall'equipaggio d'esperienza, una cosa che è piaciuta un sacco? Le tute
STATI UNITI
6 ore
Trump ai governatori: «Dovete dominare i manifestanti»
Lo avrebbe detto durante una videoconferenza con anche i capi delle polizie: «Sbatteteli tutti in galera per 10 anni»
MONDO
6 ore
L'OMS: «Per il coronavirus abbiamo perso più di 370mila persone»
Parola del direttore generale Ghebreyesus, e intanto in Congo si riaffaccia l'ombra dell'ebola
STATI UNITI
8 ore
Non ha agito contro Trump: Facebook in rivolta contro Zuckerberg
Cresce il malumore in azienda per la scelta del ceo di non censurare post del presidente che inciterebbero alla violenza
CINA / STATI UNITI
9 ore
Pechino ferma l'importazione di prodotti agricoli americani
Sullo sfondo ci sono le tensioni per le «ingerenze» degli Stati Uniti su Hong Kong.
STATI UNITI
10 ore
Facebook, 10 milioni per la giustizia razziale
La compagnia si unisce alle altre del settore hi-tech schierate a sostegno della comunità afroamericana
STATI UNITI
10 ore
George Floyd, almeno tre morti durante le proteste
Sono 110 gli agenti del Secret Service rimasti feriti nel corso del fine settimana
STATI UNITI
12 ore
Il figlio di George Floyd chiede che le proteste siano pacifiche
Quincy Mason Floyd dice di essere «toccato dall'affetto» ma invoca lo stop immediato delle violenze
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile