immagine d'archivio
ITALIA
30.07.19 - 20:110

Dichiarava 66 euro l'anno, era un boss della 'ndrangheta

Sequestrati anche un ranch con 20 cavalli da monta e da gara, 25 appezzamenti di terreno e due società

MILANO - Aveva beni per un valore stimato di circa 1,7 milioni di euro (1,9 milioni di franchi), nonostante nelle sue dichiarazioni dei redditi dal 1994 ad oggi avesse dichiarato cifre in media irrisorie, fino a 66 euro all'anno.

Beni, tra cui un ranch con 20 cavalli da monta e da gara e 25 appezzamenti di terreno e la società a cui fa capo, poi una vecchia palazzina di tre piani ristrutturata in centro ad Appiano Gentile, nel Comasco, che tra ieri e oggi sono stati sequestrati.

Destinatario del provvedimento di sequestro, disposto dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Milano, su richiesta del pm della Direzione distrettuale antimafia (Dda) milanese Sara Ombra, è Bartolomeo Iaconis, 61 anni, condannato definitivamente a 14 anni per associazione per delinquere di stampo mafioso per essere stato esponete della 'ndrangheta di Fino Mornasco, in provincia di Como - è ritenuto personaggio di spicco del clan Mazzaferro - e ora in carcere per l'omicidio, avvenuto nel 2008 in un paese vicino, di Franco Mancuso, di cui sarebbe stato il mandante.

Gli uomini della polizia giudiziaria in quota alla Dda, tra ieri e oggi, hanno messo "sigilli" a 28 immobili, tra cui la palazzina ad Appiano e un box, e a due società: una che gestisce a Cadorago (Como) una sala di videogiochi formalmente intestata alla moglie di Iaconis e l'altra è l'azienda agricola Bart, titolare del ranch con cavalli e terreni, intestata invece al figlio incensurato.

All'interno dell'allevamento che ha sede a Oltrona San Mamette (Como), che conta 20 cavalli, dei quali solo tre per manifestazioni e corse, sono stati sequestrati pure una piccola abitazione e un trattore e mezzi per il trasporto degli animali, oltre a una 500 e a un furgone da lavoro. Inoltre sono stati bloccati due conti correnti su cui sono depositati circa 15'000 euro.

I giudici delle misure di prevenzione, che hanno nominato un amministratore del patrimonio riconducibile a Iaconis, hanno disposto il sequestro non solo in quanto è stata ravvisata la pericolosità sociale ma anche la sproporzione dei beni rispetto al reddito dichiarato. Infatti, dagli accertamenti, dal 94 a oggi, il reddito ufficiale più alto relativo a una annualità è stato di 30'000 euro è il più basso di 66 euro, e poi dal 2014 al 2018 sono stati dichiarato 959 euro, 924, 1900 e 899.

Se i giudici appureranno che tali beni sono stati accumulati con denaro frutto di attività illecite verrà eseguita la confisca e, quindi, verranno incamerati dallo Stato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
FRANCIA
24 min

La marcia per il clima degenera, Greenpeace lascia il corteo

Sono visibili incendi a boulevard Saint-Michel, danneggiati negozi, banche, agenzie di assicurazione e immobiliari

FOTO E VIDEO
GERMANIA
3 ore

Al via l'Oktoberfest: «Mass a 11.80 euro, ma attendiamo più di 6 milioni di persone»

Per la 186esima edizione della festa saranno mobilitati circa 600 agenti di polizia e molte centinaia di persone del servizio d'ordine. Aumentate anche le telecamere di sorveglianza

FRANCIA
5 ore

Gilet gialli e manifestanti per il clima, Parigi è blindata

Sono 7.500 i poliziotti e gendarmi schierati nella capitale francese in una giornata considerata ad alto rischio per il convergere di diversi cortei. Già i primi scontri sugli Champs-Elysees

ITALIA
6 ore

Ancora sbarchi a Lampedusa

Un barcone con a bordo 92 persone è stato intercettato a poche miglia dall'isola. Altri 16 migranti a bordo di un barchino sono giunti direttamente a terra

STATI UNITI
8 ore

Nuove forze americane in Medio Oriente

La decisione è stata approvata dal presidente Donald Trump dopo una richiesta di sostegno da parte di Riad a seguito degli attacchi agli impianti petroliferi in Arabia Saudita

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile