COREA DEL SUD
19.07.19 - 07:120

Si dà fuoco davanti all'ambasciata giapponese a Seul

L'uomo, 70 anni, è stato subito soccorso e portato in un ospedale

SEUL - Un uomo si è dato fuoco davanti all'ambasciata giapponese a Seul, in un clima sociale esasperato dalle crescenti dispute commerciali tra la Corea del Sud e il Giappone.

La polizia ha affermato che l'uomo, di circa 70 anni, si è dato fuoco all'interno della sua auto parcheggiata di fronte a un edificio che ospita l'ambasciata giapponese. È stato subito soccorso e portato in un ospedale. Non sono state fornite informazioni sulle sue condizioni ma secondo i media locali non sarebbe cosciente. Ignoto anche il movente della sua azione.

I legami tra Seul e Tokyo sono precipitati al loro punto più basso da quando il Giappone ha rafforzato i controlli sulle esportazioni di alcuni materiali high-tech. La polizia dice che nella macchina dell'uomo sono stati trovati materiali infiammabili sospetti.

Si inaspriscono i rapporti diplomatici - Il governo di Tokyo ha convocato l'ambasciatore coreano in forma di protesta dopo il rifiuto di Seul a formare una corte di arbitrato internazionale per la vicenda dei risarcimenti di guerra durante l'occupazione giapponese, che vede i due Paesi contrapposti da settimane.

La Corea del Sud aveva tempo fino a mezzanotte per rispondere alle richieste di Tokyo per la composizione di una giuria di tre nazioni, nel tentativo di trovare una soluzione alle dispute derivanti dall'accordo bilaterale siglato nel 1965, attraverso il quale il Giappone si impegnava a versare 300 milioni di dollari in sussidi, e fino a 200 milioni di prestiti per l'eventuale insorgere di questioni giudiziarie ed eventuali interessi privati dei cittadini.

Tokyo adesso considera di rivolgersi alla Corte Internazionale di Giustizia. Il Giappone ha occupato la penisola coreana nel 1905, che è diventata a tutti gli effetti una colonia del Paese del Sol Levante nel 1910, fino al termine del secondo conflitto mondiale, con la sconfitta dell'esercito imperiale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
7 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
10 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
12 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
15 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
16 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
18 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
1 gior
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
1 gior
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
1 gior
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile