Keystone
GERMANIA
15.07.19 - 08:400

«Salvini cancelli le sue menzogne dai social»

Così la comandate della Sea Watch 3 Carola Rackete durante un'intervista in cui spiega le ragioni della causa intentata nei confronti di Matteo Salvini

BERLINO - «Io penso che non sia possibile sopportare tutto. Salvini ha diffuso falsità, io voglio che le sue menzogne siano cancellate da Facebook e Twitter. E che un giudice gli ordini di non farlo più». Lo dice Carola Rackete, comandante della Sea Watch, spiegando in un'intervista alla Bild le ragioni della causa che ha intentato nei confronti del ministro dell'Interno italiano.

Dalle pagine del quotidiano tedesco Rackete chiede inoltre che l'Ue accolga tutti i rifugiati che si trovano in Libia e l'accoglienza dei cosiddetti rifugiati "climatici".

«Quelli che sono in Libia - dice la comandante - devono uscire immediatamente da lì per essere portati in un Paese sicuro. Sentiamo parlare di mezzo milione di persone nelle mani dei contrabbandieri o nei campi profughi libici che dobbiamo mandare via. Dobbiamo aiutarli immediatamente per un passaggio sicuro verso l'Europa. Devono andare in un Paese sicuro, come ha detto la cancelliera Merkel. Che operò non dice come si dovrebbe fare, e questo è il problema».

Per Rackete l'Europa ha una responsabilità speciale nei confronti dell'Africa. «L'asilo non conosce limiti. Al momento stiamo parlando di numeri molto piccoli, ma la situazione si sta facendo più difficile. Il cambiamento climatico causa rifugiati climatici, che dobbiamo naturalmente assorbire. In alcuni Paesi africani, per colpa dei Paesi industrializzati in Europa, la base nutrizionale viene distrutta».

Rackete ha inoltre affermato: «La Germania e altri Stati europei hanno una responsabilità storica per le circostanze in Africa anche dall'era coloniale. Le relazioni di potere di oggi sono state determinate dall'Europa. L'Europa sta sfruttando l'Africa, ed ecco la spirale che porta alla fuga. Pertanto, vi è una responsabilità storica di accettare i rifugiati che non possono più vivere nei loro Paesi a causa della povertà o anche della situazione climatica».
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Paura alle Hawaii, uomo sfrattato uccide due agenti di polizia
Poi, non contento, ha dato fuoco all'abitazione, e le fiamme hanno raggiunto altre undici case
FOTO
PARAGUAY
1 ora
76 detenuti evadono grazie a un tunnel
C'è il «forte sospetto» che le autorità carcerarie fossero in combutta
STATI UNITI
3 ore
Spari in un locale in Texas, due morti e cinque feriti
Al momento la polizia non ha effettuato alcun arresto
HONDURAS
3 ore
Dal Ticino all'Honduras che fugge: «Il Paese è in un circolo vizioso»
Delegato della Croce Rossa Svizzera, il malcantonese Fabio Baiardi ci ha parlato delle sfide che affronta lo Stato centroamericano, dal quale è partita una nuova carovana di migranti
LIBIA
12 ore
Eni riduce la produzione a El Feel
La chiusura dell'oleodotto sta causando per ora solo «tagli alla produzione», e non una completa chiusura, anche nel campo di Sharara
ITALIA
12 ore
Tifoserie di paese si scontrano e ci scappa il morto
Rionero e Melfi sono le due più importanti cittadine del Vulture, nel cuore della Basilicata. Da sempre le due tifoserie sono acerrime nemiche
ITALIA
13 ore
Sciatore trovato senza vita fuori pista
Si tratta di un inglese di 60-70 anni. Altri due incidenti in Valle d'Aosta
STATI UNITI
16 ore
Trump boccia l'idea di un Mose per New York: «Meglio stracci e secchi»
«È un'idea costosa, folle, non rispettosa dell'ambiente e probabilmente non funzionerebbe» ha twittato il presidente statunitense
REGNO UNITO
18 ore
Nel 2020 la spesa per la tecnologia sfiorerà i 4mila miliardi di dollari
A trainare l'aumento saranno in particolare i software per le imprese. +1% anche per personal computer e smartphone
GERMANIA
18 ore
Al via il vertice sulla Libia di Berlino: Putin accolto da Merkel
Cessate il fuoco, embargo sulle armi e ripresa del processo politico tra gli obiettivi. I gheddaffiani dissuadono Haftar
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile