Facebook
STATI UNITI
08.03.19 - 17:240

La nazionale di calcio femminile fa causa alla federazione

Le giocatrici denunciano di essere pagate di meno e di avere condizioni di lavoro ritenute peggiori rispetto ai colleghi maschi

LOS ANGELES - La nazionale di calcio femminile degli Stati Uniti, che a giugno parteciperà ai mondiali, ha fatto causa alla federazione accusandola di discriminazione. Le 28 stelle della squadra puntano il dito contro la United States Soccer Federation per essere pagate di meno e per le condizioni di lavoro ritenute peggiori rispetto ai colleghi maschi, nonostante la nazionale femminile sia anche più popolare di quella maschile.

Nell'azione legale presentata presso una corte distrettuale di Los Angeles, le campionesse del mondo in carica - guidate dalla capitana Alex Morgan - accusano la federazione di «discriminazione di genere istituzionalizzata». Una discriminazione - si sottolinea - che non riguarda solo le buste paga ma anche altri aspetti della vita delle atlete, a partire dai campi in cui giocano e dalla frequenza con cui giocano, fino al modo in cui vengono allenate, al trattamento medico e sanitario e persino alle condizioni di viaggio nelle trasferte.

Già il 31 marzo 2016 le top player della nazionale femminile - Megan Rapinoe, Carli Lloyd, Hope Solo, Alex Morgan e Becky Sauerbrunn - avevano lanciato le loro accuse contro la United Soccer Federation con un'azione legale in cui rivendicavano paghe più eque.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora

Prima vittima dello "svapo"

Morto l'americano che aveva contratto una malattia respiratoria legata all'uso delle sigarette elettroniche

ITALIA
1 ora

Disinnesco di una bomba, evacuate 36mila persone

L'ordigno risale alla seconda guerra mondiale ed è stato rinvenuto in un terreno agricolo

ITALIA
5 ore

È morto Carlo Delle Piane, aveva 83 anni

L'attore si è spento a Roma. Aveva da poco festeggiato i 70 anni di carriera

GERMANIA
16 ore

Il bimbo ci è ricascato, ma stavolta ha tamponato un tir in sosta

Il ragazzino di 8 anni è scoppiato in lacrime e ha finito per insultare i poliziotti quando lo hanno messo sull'auto di pattuglia. Ora potrebbero intervenire i servizi sociali

ITALIA
18 ore

"Se non puoi sedurla, sedala". La t-shirt che inguaia il vicesindaco

Loris Corradi l'ha sfoggiata domenica scorsa, salendo sul palco della sagra del paese di Roveré Veronese, per l'estrazione della lotteria

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile