Keystone
REGNO UNITO
03.02.19 - 22:460
Aggiornamento : 04.02.19 - 07:14

Trovato l'aereo su cui viaggiava Emiliano Sala

Il mezzo è stato localizzato nella Manica. I corpi non sono stati ancora individuati

LONDRA - L'esperienza di un 'cacciatore' di relitti marini, David Mearns, ha permesso ieri il rapidissimo ritrovamento, dopo poche ore dall'inizio delle ricerche, della posizione in fondo al mare nella Manica, di un piccolo velivolo inabissatosi il 21 gennaio scorso con a bordo il calciatore italo-argentino Emiliano Sala ed il pilota, David Ibbotson.

L'aereo, un Piper Malibu, era partito da Nantes ed era diretto a Cardiff, dove l'attaccante avrebbe dovuto giocare nella Premier League, dopo essere stato ceduto per 17 milioni di euro.

Si trattava di un breve trasferimento realizzato fra l'altro in condizioni meteorologiche normali, ma improvvisamente, nella notte, la torre di controllo di Jersey, che seguiva il volo, ha segnalato che il Piper era scomparso dai radar, una ventina di chilometri a nord dell'isola di Guernesey.

Subito cominciate, le ricerche delle autorità britanniche sono proseguite per tre giorni, ma poi sono state sospese per decisione della capitaneria di porto dell'isola, secondo cui «dopo aver perlustrato con unità marine e con aerei una superficie di 1.700 miglia nautiche senza trovare nulla, si sono esaurite le speranze che vi possano essere superstiti».

Intanto, dall'Argentina, veniva diffusa l'ultima comunicazione inviata da Sala alla famiglia quando sembrava che le cose si stessero mettendo male: «Ragazzi, sono in aereo, sembra che stia per cadere a pezzi... se fra un'ora e mezzo non ci saranno mie notizie, non so neppure se manderanno qualcuno a cercarmi, perché non mi ritroveranno, ma voi lo saprete. Papà, ho una paura...».

Senza più sostegno da parte dei governi britannico e francese, la famiglia del calciatore non si è persa d'animo e, grazie anche all'aiuto di calciatori britannici e di amici, è riuscita a raccogliere 420.000 euro, che hanno permesso di stipulare un contratto con Mearns, conosciuto per aver localizzato decine di relitti in fondo ai mari del pianeta.

Operando ieri su una superficie marina di quattro miglia nautiche, le più probabili come centro dell'incidente, Mearns, da bordo della nave FPV Morven, ed in coordinamento con una unità della Marina britannica, ha annunciato ufficialmente nel giro di quattro ore la localizzazione dell'aereo.

Dopo il ritrovamento le operazioni sono subito passate alla nave 'Geo Ocean III' che dispone di un minisommergibile con cui cercherà di raggiungere i resti del Piper.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
2 ore
Laboratori chiusi per ferie: e i tamponi chi li fa?
Anche chi lavora nel sanitario ha diritto alle ferie, ma c'è ora carenza di personale per effettuare i tamponi richiesti
LIBANO
4 ore
«È come se volessero che morissimo»
Gli investigatori hanno posto agli arresti domiciliari vari membri delle autorità portuali.
GERMANIA
5 ore
Lufthansa sempre più giù: persi altri 1,5 miliardi
Per un totale di 3,6 miliardi nella prima metà dell'anno e malgrado le misure di risparmio. A rischio 22'000 posti
FOTO
LIBANO
6 ore
Beirut dal cielo: prima e dopo l'esplosione
L'epicentro del disastro osservato dall'occhio del satellite. Ecco tutte le foto
VIDEO
LIBANO
7 ore
Beirut: l'esplosione investe la sala travaglio, ma il piccolo George sta bene
Il bimbo è nato un'ora e mezza dopo la deflagrazione che ha sconquassato la città: «La mamma era coperta di vetri».
INDIA
7 ore
Incendio nel reparto Covid, otto morti
I pompieri hanno tratto in salvo altri 40 ammalati
IRLANDA
7 ore
TikTok apre il suo primo centro di raccolta dati in Europa
Finora tutto - compresi video e messaggi - veniva archiviato negli Usa e in backup a Singapore
VIDEO
LIBANO
9 ore
Beirut, i morti sono almeno 137
Stanno arrivando in Libano i primi contingenti internazionali con aiuti, personale tecnico e medico
GIAPPONE
9 ore
Il ricordo del Giappone a 75 anni dalla bomba atomica
Cerimonia in forma ridotta causa Covid-19, ma non mancano gli hibakusha, i sopravvissuti al disastro
STATI UNITI
9 ore
Prestiti a Trump, Deutsche Bank nel mirino della procura di New York
L'azione verso la banca, volta a raccogliere carte e documenti, risale allo scorso anno ma la notizia è trapelata ora
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile