Keystone
FRANCIA
22.12.18 - 16:030
Aggiornamento : 20:35

Gillet gialli, ancora disordini a Parigi

I manifestanti si sono scontrati con la polizia. Intanto uno dei portavoce più noti del gruppo è stato fermato per possesso d'armi e partecipazione a raduno mirante a violenze e danneggiamenti

PARIGI -Mobili, organizzati, determinati: i gilet gialli sono sempre meno ma neppure il Natale imminente li spinge a rinunciare a un sabato di caos. La protesta - appena 38'000 i manifestanti in tutta la Francia oggi al sesto sabato - prende la forma di blitz imprevedibili sul territorio.

Anche i social network, il luogo prescelto dal movimento per autorganizzarsi - vengono ormai usati come trappole per le forze dell'ordine: il raduno di oggi era stato annunciato da Eric Drouet, il portavoce più popolare poi fermato dalla polizia, a Versailles, ma la celebre reggia è rimasta inutilmente circondata dai blindati della polizia. In tutta tranquillità i gilet gialli, svestito temporaneamente il loro indumento di battaglia, hanno deviato su Montmartre, il quartiere storicamente più turistico di Parigi.

Pur con una mobilitazione in forte ribasso - 38.000 contro 66.000 del sabato scorso, già in forte flessione - i gilet gialli sono sempre presenti sul territorio. La parola d'ordine della giornata di oggi era «bloccare le frontiere» e gruppi di manifestanti in giallo hanno bloccato strade e autostrade verso la frontiera con l'Italia - a Ventimiglia e al traforo del Monte Bianco - con la Spagna sui Pirenei e con il Belgio. La flessione nella mobilitazione ha interessato meno il dispiegamento sul territorio, dove si segnala la 10/a vittima, un automobilista di 36 anni che stanotte si è schiantato con la sua vettura contro un camion fermo ai blocchi stradali a Perpignan.

Disertata Versailles, minicortei pacifici partiti da Montmartre hanno invaso Parigi, dove i gilet gialli non erano più di 2.000, la metà di sabato scorso. Nella prima parte della giornata, soltanto qualche tensione isolata e un brutto episodio sulla spianata della basilica del Sacré-Coeur, dove un folto gruppo di manifestanti ha intonato la famigerata "Quenelle", la canzoncina dell'antisemita Dieudonné, assortita dal gesto omonimo ispirato al saluto nazista. Il video circola abbondantemente su Internet.

Come da copione, via via che "il VI atto" della protesta si prolungava, la violenza ha fatto la sua comparsa. Luogo prescelto, gli Champs-Elysees, fino ad allora tranquilli, con i caffé e i negozi finalmente aperti dopo un mese di sabati di guerriglia. All'improvviso, piccoli gruppi di casseur e di gilet gialli arrivati nel quartiere da diverse direzioni, hanno disceso la celebre avenue gridando i loro slogan in favore del RIC, il Referendum di iniziativa cittadina, e cantando la Marsigliese. Quando la polizia li ha fermati e respinti prima della Concorde, sono cominciati gli scontri: lanci di pietre e oggetti di ogni tipo contro lacrimogeni e idranti. Fa sensazione il video di tre poliziotti assaliti da un centinaio di gilet gialli in una strada adiacente gli Champs-Elysees: i tre agenti si salvano a stento dopo aver tentato di reagire armi alla mano, inseguiti dai manifestanti. Il sabato di guerriglia prenatalizia si è concluso con 81 fermi in tutta la Francia.

E la giornata si è chiusa anche con il fermo di Drouet, il portavoce della frangia del movimento non intenzionata a mollare, nonostante le aperture del governo Macron che proprio ieri ha iniziato ad approvare le misure annunciate dal presidente dopo l'inizio della protesta.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Dal Mondo
GIAPPONE
48 min
Il Giappone pagherà parte delle spese solo ai viaggiatori nazionali
Le informazioni circolate nelle scorse ore sono state rettificate dall'Agenzia del turismo
REGNO UNITO
1 ora
EasyJet vuole tagliare il 30% della forza lavoro
Le trattative con i dipendenti e le parti sociali inizieranno nei prossimi giorni
STATI UNITI
1 ora
Accusa ingiustamente un afroamericano: licenziata
Il video della scena è diventato virale e ha avuto conseguenze pesanti sulla vita della donna
STATI UNITI
3 ore
Boeing annuncia la ripresa della produzione del 737 Max
Non è ancora noto se la Federal Avion Administration sia vicina a concedere l'autorizzazione sulla sicurezza
ITALIA
4 ore
Una strage che oggi sarà commemorata nel silenzio
Quella di Piazza della Loggia di Brescia di cui oggi ricorre un 46esimo toccato dal Covid-19
MONDO
10 ore
In crociera con il Covid-19, l'81% non aveva sintomi
Secondo gli studiosi, la prevalenza dell'infezione sulle navi è stata probabilmente «sottostimata in modo significativo»
STATI UNITI
12 ore
Lo spazio può attendere
A dieci minuti dal lancio la decisione di annullare tutto per le condizioni meteo sfavorevoli. Ma è tutto solo rimandato.
ARGENTINA
12 ore
Il pappagallo ripete le ultime parole della padrona prima di essere uccisa
La frase verrà considerata come prova durante il processo. Dietro le sbarre si trovano già due suoi coinquilini
FOTO
BRASILE
15 ore
Centinaia di nuove tombe per le vittime del Covid
Le immagini riprese dall'alto del campo di Vila Formosa. La città di San Paolo è la più colpita nel Paese sudamericano
DANIMARCA
17 ore
Rilasciati in mare 35 miliardi di litri di acque di scarico non filtrate
La notizia shock arriva da Copenhagen, città leader nella lotta al cambiamento climatico
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile