ITALIA
31.07.17 - 19:010

Raoul Bova rompe il silenzio dopo la condanna

L'attore è stato condannato per reati di natura fiscale

ROMA - «Il silenzio, in alcuni casi, suona come una condanna ed è per questo che voglio precisare alcuni fatti». Raoul Bova ha rotto per la prima volta il silenzio dopo la condanna ad un anno e sei mesi per reati di natura fiscale. Le parole dell'attore sono state diffuse attraverso il suo profilo Instagram.

«È da anni che subisco continui controlli, sequestri preventivi, interrogatori e richieste di pagamento da parte dell'Agenzia delle Entrate, risultate e giudicate poi infondate. Preciso che ho sempre pagato il dovuto e non sono stato condannato per evasione fiscale (nè per altri reati), ma sono stato condannato in primo grado semplicemente a causa di un contratto che ho stipulato con la mia società di produzione che curava e gestiva, in assoluta trasparenza, la mia immagine: contratto lecito e utilizzato da moltissimi protagonisti del mondo dello spettacolo in Italia e all'estero», ha fatto sapere Raoul.

«Il tribunale penale di Roma ha ritenuto tale contratto, suggerito e gestito dal mio commercialista dell'epoca, illecito, mentre altri giudici, quelli tributari di Roma, lo hanno considerato a tutti gli effetti lecito e valido. Sono colpevole solo di non essermi laureato in Economia e Commercio e di non essere stato in grado di gestirmi da solo la contabilità. Mi sono affidato ad un professionista che ha operato, per quanto nelle mie conoscenze, in completa trasparenza. Vedremo quello che succederà nei prossimi gradi di giudizio», ha spiegato il sex symbol italiano.

«Spero che i giudici dell'Appello restituiranno spazio alla certezza del diritto. Così come spero che la mia dignità, ingiustamente trascurata e addirittura calpestata, ritorni ad avere il rispetto che merita anche da parte dei poteri mediatici, che mi hanno trattato come fossi un delinquente comune e un truffatore fiscale, coinvolgendo nel disonore la mia famiglia e provocando la rottura di miei importanti contratti pubblicitari», ha aggiunto il romano.

Poi la conclusione con un augurio: «Malgrado tutto ho fiducia nella giustizia e attendo che i miei diritti e la mia immagine vengano ripristinati da una giusta sentenza nel rispetto dei tempi e delle regole».

 

Il silenzio, in alcuni casi, suona come una condanna ed è per questo che voglio precisare alcuni fatti. È da anni che subisco continui controlli, sequestri preventivi, interrogatori e richieste di pagamento da parte dell'Agenzia delle Entrate, risultate e giudicate poi infondate. Preciso che ho sempre pagato il dovuto e non sono stato condannato per evasione fiscale (nè per altri reati), ma sono stato condannato in primo grado semplicemente a causa di un contratto che ho stipulato con la mia società di produzione che curava e gestiva, in assoluta trasparenza, la mia immagine: contratto lecito e utilizzato da moltissimi protagonisti del mondo dello spettacolo in Italia e all'estero. Il Tribunale penale di Roma ha ritenuto tale contratto, suggerito e gestito dal mio commercialista dell'epoca, illecito, mentre altri Giudici, quelli Tributari di Roma, lo hanno considerato a tutti gli effetti lecito e valido. Sono colpevole solo di non essermi laureato in Economia e Commercio e di non essere stato in grado di gestirmi da solo la contabilità. Mi sono affidato ad un professionista che ha operato, per quanto nelle mie conoscenze, in completa trasparenza. Vedremo quello che succederà nei prossimi gradi di giudizio. Spero che i giudici dell'Appello restituiranno spazio alla certezza del diritto. Così come spero che la mia dignità, ingiustamente trascurata e addirittura calpestata, ritorni ad avere il rispetto che merita anche da parte dei poteri mediatici, che mi hanno trattato come fossi un delinquente comune e un truffatore fiscale, coinvolgendo nel disonore la mia famiglia e provocando la rottura di miei importanti contratti pubblicitari. Malgrado tutto ho fiducia nella giustizia e attendo che i miei diritti e la mia immagine vengano ripristinati da una giusta sentenza nel rispetto dei tempi e delle regole.. Non smetterò di Vivere nel rispetto delle regole e del prossimo non smetterò di aiutare chi ha bisogno e non me ne andrò ,anche se qualcuno lo vorrebbe da questo paese che Amo .

Un post condiviso da Raoul Bova (@raoulbovareal) in data:

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Microsoft: pronti 7,5 miliardi per acquistare Bethesda
Con l'acquisto dell'azienda sviluppatrice di videogiochi, Microsoft intende dare un forte boost al business di Xbox
AMERICA LATINA
3 ore
In quarantena «senza cibo, acqua, o assistenza medica»
Amnesty International denuncia le spaventose condizioni di quarantena in alcuni Stati dell'America Latina
GERMANIA
5 ore
Lufthansa "atterra" 150 aerei
I tagli sono più pesanti del previsto: a rischio oltre 22mila posti
STATI UNITI
6 ore
Coronavirus, possibile la trasmissione attraverso aerosol?
Lo sostengono i Centri per il controllo delle malattie (CDC) degli USA
INDIA
7 ore
Crolla un edificio a Mumbai: almeno 10 morti, tra cui 7 bambini
Il crollo di un palazzo, che ha coinvolto centocinquanta persone, ha scosso l'India
EUROPA
8 ore
Timori Covid, lunedì nero per le Borse
La paura di nuovi lockdown ha causato il peggior calo da luglio
EUROPA
8 ore
La pandemia torna a fare paura
Contagi in netta crescita in Belgio, particolarmente colpita la fascia d'età tra 10 e 19 anni.
FOTO
ECUADOR
10 ore
Eruzione del vulcano Sangay, la cenere ricopre sei province
Allarme per le coltivazioni, le riserve idriche e il bestiame. L'aeroporto di Guayaquil è rimasto chiuso per diverse ore
ITALIA
11 ore
Quasi 300 migranti in poche ore sulle coste siciliane
Nella notte dodici barche hanno raggiunto Lampedusa, questa mattina un'altra è arrivata sulla spiaggia di Fungiteddri
INDIA
12 ore
Il Taj Mahal riapre nonostante il coronavirus
Le visite dovranno sottostare a regole di distanziamento sociale e il numero giornaliero di visitatori sarà limitato
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile