Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STR (Dinesh Joshi)
+9
INDIA
14.05.22 - 09:010

Caldo estremo e incendi, l'India brucia

Un rogo divampato in un edificio di Delhi ha provocato la morte di 27 persone.

Intanto nella regione si toccano picchi fino a 46 gradi, mentre le minime non scendono sotto i 28 da giorni.

DELHI - Sono 27 le vittime accertate in un incendio scoppiato ieri sera a Delhi est, vicino alla fermata della metropolitana di Mundka. Decine di persone sono state trasferite in ospedale gravemente ustionate, e il bilancio delle vittime sembra destinato a salire.

Il rogo ha coinvolto un edificio di quattro piani che ospitava negozi e uffici, risultato privo di scale di sicurezza e di ogni altro requisito antincendio.

La Polizia ha fatto sapere di aver arrestato i due proprietari; una decina di squadre di pompieri ha continuato a combattere contro le fiamme tutta la notte, mentre i familiari delle persone che si trovavano nel palazzo al momento dell'incendio si affollavano attorno all'area.
 
Caldo da record 
Intanto non accenna a placarsi il calore estremo che da settimane coinvolge il nord dell'India e la capitale Delhi. Dopo alcuni giorni di relativa tregua, ieri il termometro ha raggiunto nuovamente i 46 gradi in varie zone. Le minime non sono scese mai sotto i 28, indica il Dipartimento Meteorologico che prevede un ulteriore innalzamento nel corso del fine settimana fino a 48 gradi.

Nel frattempo, il governo indiano ha bloccato l'export di ogni tipo di grano. La decisione è stata resa nota a 24 ore dalla pubblicazione dei dati sull'inflazione annuale, salita all'8,38%, con i prezzi al dettaglio che, nel mese di aprile, hanno toccato il massimo storico da otto anni.

Lo stop alle esportazioni segna una brusca svolta rispetto a orientamenti anche molto recenti. Ancora a metà febbraio, il Ministero all'Agricoltura aveva previsto che il raccolto della stagione avrebbe toccato il record di 111,3 milioni di tonnellate e che le esportazioni sarebbero decollate.

Il Ministro al Commercio e Industria Piyush Goyal, il 15 aprile, in un tweet, aveva scritto: «Gli agricoltori indiani hanno messo da parte un eccesso di riserve e sono pronti a sfamare il mondo».
 
 

keystone-sda.ch / STF (Shonal Ganguly)
Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
5 ore
«Sto per sparare in una scuola elementare»
I messaggi su Facebook del 18enne di Uvalde. Nella strage sono morti 19 bambini e due insegnanti
STATI UNITI
10 ore
Strage in Texas, una bambina tentò di chiamare la polizia
Cominciano ad emergere i primi nomi e le prime storie delle vittime della sparatoria di Uvalde
REGNO UNITO
12 ore
«Partygate, molti comportamenti lasciano sgomenti»
Johnson si è assunto la «piena responsabilità», ma si è detto anche «sorpreso e deluso»
RUSSIA / SVIZZERA
15 ore
«Temo per la mia vita»
Boris Bondarev aveva rassegnato le sue dimissioni in segno di protesta contro l'aggressione all'Ucraina voluta da Putin.
SEGUI IL LIVE
UCRAINA
LIVE
Kuleba al WEF: «La Nato non fa letteralmente nulla»
«Bisogna uccidere la politica dell'export della Russia» ha aggiunto il ministro degli Esteri ucraino.
STATI UNITI
19 ore
Sparatoria alle elementari: almeno 19 i bambini morti
Si contano inoltre anche due vittime adulte. Il killer, il 18enne Salvador Ramos, era un ex allievo.
RUSSIA
19 ore
La sorte di chi ha deluso Putin
Spariti, silurati, arrestati: sono diversi i comandanti e politici al fianco dello "zar" che non si sono più visti
UNIONE EUROPEA
20 ore
Sempre più pesticidi pericolosi nella frutta europea
La denuncia arriva da un rapporto del Pesticide Action Network che ha analizzato quasi 100'000 campioni
STATI UNITI
1 gior
Sparatoria alle elementari: morti 14 bambini
School shooting in Texas. La strage è tra le più gravi nella storia recente degli Stati Uniti
SVIZZERA/MONDO
1 gior
«Parlare con Putin? Non vale la pena discutere con un malato»
Il sindaco di Kiev era ospite in remoto del Wef: «Ogni euro dato alla Russia è sporco di sangue ucraino»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile