Immobili
Veicoli
AFP
GERMANIA
26.01.22 - 18:160

La Germania non ci sta: Telegram «deve collaborare con le autorità»

È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale

L'idea di una completa censura dell'applicazione, però, sta facendo storcere molti nasi

BERLINO - Teorie cospirative, organizzazione e vendita di Green pass, violenza, insurrezioni e piani per assassinare qualcuno.

Il servizio di messaggistica criptata Telegram, definito un vero e proprio ambiente dove si propagano il crimine e l'odio, è ora nel mirino delle autorità tedesche, che temono una nuova recrudescenza di episodi violenti con la discussione in parlamento sulla vaccinazione obbligatoria.

La Ministra dell'interno tedesca, Nancy Faeser, vuole presentare un piano d'azione al più presto per convincere la piattaforma a cancellare i messaggi d'odio e identificare i loro autori. Se i proprietari dell'app non dovessero collaborare in nessun caso, la politica non ha escluso un divieto assoluto dell'applicazione in Germania.

«Nessuna collaborazione con le autorità»
In Germania, lo ricordiamo, è in vigore dal 2017 una legge che rafforza il potere dello Stato contro le minacce online. I social network come Facebook, ad esempio, devono rimuovere i contenuti pericolosi e segnalarli alla polizia. Telegram invece non collabora con le autorità giudiziarie, nemmeno su argomenti riprovevoli come la pornografia infantile. 

L'Ufficio federale della polizia criminale tedesca (BKA) ha dichiarato di aver inviato numerose richieste alla piattaforma per rimuovere determinati contenuti, ma senza mai ottenere una risposta. 

Un divieto? «Un pessimo segnale»
Se si arrivasse davvero alla decisione radicale di vietare del tutto l'applicazione, sarebbe il primo Paese occidentale a farlo. Divieti e regolamenti rigidi esistono finora in altre realtà come la Cina, la Russia e l'India, ma non in Europa.

Secondo il giornalista tedesco esperto di realtà digitali Markus Reuters, una simile decisione «invierebbe un pessimo segnale». Da un lato, la Germania «celebra la mancanza di censura e la sua importanza per la democrazia», criticando Paesi come Bielorussia ed Iran. D'altra parte, ora, «vogliamo disabilitare questo servizio qui da noi».

Lo stesso cancelliere tedesco Olaf Scholz ha però recentemente promesso di condurre una battaglia senza quartiere contro una «minoranza di estremisti» attiva principalmente su Telegram. Fino a che punto si arriverà? Lo potremo scoprire solo nei prossimi mesi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
Telegram è un sistema di comunicazione, diciamo la lettera del nuovo millennio. Supponiamo che si presume o si ha scoperto che alcune persone si scambiano foto pedopornografiche per posta, chi punisci, la ditta o le persone? Non mi pare che qualcuno abbia proposto di chiudere la posta in seguito a fatti analoghi (quali foto inopportune per le persone civili, furti monetari, ...)
Moga 3 mesi fa su tio
La gente un modo per comunicare SENZA CENSURE lo troverà sempre. Chiuso Telegram se spunteranno 10
Fkevin 3 mesi fa su tio
Fosse il telegram il problema. La causa è lo stato, siccome grazie ai media ha incitato l'odio e il litigi tra famiglie e amici (categoria a e B). Quindi mi chiedo: e lo stato? 😂😂😂😂 Mamma mia, no comment
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE
MONDO
LIVE
«Non mi sono mai vergognato tanto del mio Paese», e si dimette
Boris Bondarev, diplomatico all'ONU, non ce l'ha più fatta: «La guerra è anche un crimine contro il popolo russo»
UCRAINA
3 ore
Quei bombaroli siriani che Putin è pronto a schierare in Ucraina
Si tratta del corpo di artificieri che ha inventato le strazianti “barrel bombs” usate da Assad per far strage di civili
TONGA
10 ore
Tonga distrugge, ma resta intatto
Le pareti del vulcano non sono andate distrutte, pur trattandosi della più forte eruzione negli ultimi 30 anni
MONDO
13 ore
Vaiolo delle scimmie: «Contenerlo è possibile»
L'Oms vuole bloccare la trasmissione da uomo a uomo. E capire se il virus abbia subito una mutazione
SLOVACCHIA
15 ore
Il fiume s'è fatto arancione: «I pesci stanno morendo»
Il chirurgo locale Tibor Varga: «Ho assistito alla lenta morte della fauna selvatica» a causa di ferro e zinco
MONDO
17 ore
Turkmenistan, l'ultimo "zero" della pandemia
Incredibile ma soprattutto improbabile. Il Paese asiatico è l'unico a non aver mai confermato un solo caso di Covid-19
ITALIA
20 ore
Tragedia del Mottarone, «ci hanno abbandonati»
A un anno dallo schianto di una cabina della funivia con 15 persone a bordo, la commemorazione e la prima udienza
TAIWAN
23 ore
«Difenderemo Taiwan, in caso di invasione cinese»
Lo ha dichiarato il Presidente statunitense Joe Biden durante la sua visita in Giappone
MONDO
1 gior
Siamo «a un singolo incidente dalla apocalisse»
L'Ucraina è il terreno sul quale si sta consumando la «sfida finale» tra Mosca e Washington
ITALIA
1 gior
La strage di Capaci, trent'anni di buchi neri
Il 23 maggio 1992 moriva Giovanni Falcone, ucciso con la moglie e gli agenti della scorta in un attentato da Cosa nostra
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile