Immobili
Veicoli
AFP
+6
BRASILE
20.01.22 - 17:180

Centinaia di agenti irrompono nelle favelas di Rio de Janeiro

Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio

Non tutti sono convinti del progetto, e c'è chi teme che possa portare ad altri spargimenti di sangue

RIO DE JANEIRO - Nel quartiere brasiliano di Jacarezinho, parte delle favelas di Rio de Janeiro, è calato ieri il silenzio: centinaia di agenti delle forze di polizia, pesantemente armati, hanno fatto irruzione con tenute mimetiche, giubbotti antiproiettile e veicoli corazzati, prendendo controllo delle strade e mettendo in pratica 42 mandati d'arresto.

Qualche ora dopo, è stato il turno di Muzela, una favela più piccola controllata dai gruppi mafiosi denominati "milícia" (che molti ora considerano una minaccia ancor più grande dei narcotrafficanti). La ripresa del controllo nel quartiere ha portato a trenta arresti.

Nei prossimi giorni, toccherà ad altre comunità, in ciò che è stata definita dalle autorità un'operazione che intende «trasformare» del tutto le favelas, strappando il controllo alle bande narcotrafficanti e alle organizzazioni mafiose.

«È solo l'inizio»
«Le operazioni di ieri sono solo l'inizio di una serie di cambiamenti che vanno ben oltre la sicurezza pubblica», ha detto a riguardo, in un tweet, il governatore di Rio, Cláudio Castro, un alleato del presidente Jair Bolsonaro. «Ci sono voluti mesi per sviluppare un programma che cambierà la vita della popolazione, portando dignità e opportunità».

Il capo della polizia civile, Allan Turnowski, ha detto a riguardo che «un'occupazione permanente» della polizia seguirà l'incursione di mercoledì a Jacarezinho, che l'anno scorso è stata teatro del peggior massacro della polizia nella storia di Rio. «Il bene sconfigge sempre il male», ha scritto Turnowski su Instagram.

Il portavoce della polizia militare Ivan Blaz, interpellato dall'AFP, ha invece spiegato il progetto più nel dettaglio: «La sicurezza è il primo passo, ma saranno quelli successivi a fare la differenza: l'arrivo dei servizi sociali, l'occupazione, la salute, e l'educazione», ha detto Blaz, che ha aggiunto che al momento la situazione tra bande e autorità è «apparentemente calma».

Cambierà qualcosa? Non tutti sono convinti.
Il nuovo progetto ha lasciato gli esperti poco convinti. Per alcuni di loro, interpellati dal quotidiano Oglobo, la proposta assomiglia all'idea dell'Unità di polizia pacificatrice (UPP), realizzata nel 2008, e che non ha ottenuto il successo previsto. Tra di loro c'è ad esempio la specialista di Sicurezza Pubblica dell'Università Federale Fluminense, Ana Paula Miranda, che ritiene inoltre che la città non abbia i fondi necessari per portarlo avanti.

Pablo Nunes, esperto di sicurezza pubblica di Rio, ha espresso al Guardian scetticismo sulla faccenda, in particolare sull'affermazione del governatore di Rio che le operazioni di questa settimana possano essere l'inizio di «un grande processo di trasformazione» delle favelas.

«Le favelas e le periferie di Rio non sono mai state trasformate dalla canna di una pistola», ha detto Nunes, che sospetta che l'iniziativa sia semplicemente una manovra politica per aiutare un governatore politicamente debole ad assicurarsi un secondo mandato alla fine di quest'anno.

«Speriamo»
Blaz ha però respinto le accuse: «Capisco che c'è chi pensa di aver già visto questo film», ha spiegato, affermando che «le autorità sono determinate a combattere i trafficanti e al terrore imposto dalle "milícia"».

Tra coloro che sperano maggiormente che sia davvero così c'è Leandro Souza, un leader della comunità di Jacarezinho. La sua speranza è che l'occupazione militare sia davvero accompagnata da schemi di creazione di posti di lavoro e di formazione, oltre che da progetti sociali volti a risollevare una comunità profondamente in difficoltà.

«Spero che questo non sia semplicemente un altro tentativo malriuscito di portare la pace... che in realtà porta solo a ulteriori spargimenti di sangue».

AFP
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Sparatoria alle elementari: almeno 19 i bambini morti
Si contano inoltre anche due vittime adulte. Il killer, il 18enne Salvador Ramos, era un ex allievo.
RUSSIA
1 ora
La sorte di chi ha deluso Putin
Spariti, silurati, arrestati: sono diversi i comandanti e politici al fianco dello "zar" che non si sono più visti
UNIONE EUROPEA
2 ore
Sempre più pesticidi pericolosi nella frutta europea
La denuncia arriva da un rapporto del Pesticide Action Network che ha analizzato quasi 100'000 campioni
STATI UNITI
9 ore
Sparatoria alle elementari: morti 14 bambini
School shooting in Texas. La strage è tra le più gravi nella storia recente degli Stati Uniti
SVIZZERA/MONDO
10 ore
«Parlare con Putin? Non vale la pena discutere con un malato»
Il sindaco di Kiev era ospite in remoto del Wef: «Ogni euro dato alla Russia è sporco di sangue ucraino»
GERMANIA
10 ore
Schroeder è uscito da Gazprom
L'ex cancelliere lo ha annunciato tramite Linkedin
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Sarà un mese molto difficile per il Donbass
La Commissione Ue: «Putin sta usando il tema alimentare come un'arma». E «l'impatto si sente non solo sull'Ucraina».
GERMANIA
17 ore
«21 giorni d'isolamento per chi contrae il vaiolo delle scimmie»
Lo ha annunciato oggi a Brema il Ministro della Sanità tedesco, Karl Lauterbach
REGNO UNITO
21 ore
Per questa festa Johnson non è stato multato
Emergono nuove foto da Downing Street: l'opinione pubblica mette in dubbio il processo decisionale della polizia
UCRAINA
1 gior
Quei bombaroli siriani che Putin è pronto a schierare in Ucraina
Si tratta del corpo di artificieri che ha inventato le strazianti “barrel bombs” usate da Assad per far strage di civili
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile