Immobili
Veicoli
Nobel Pace
NORVEGIA
08.10.21 - 11:090
Aggiornamento : 12:33

Il Nobel per la pace va a Maria Ressa e Dmitry Muratov

I due sono stati premiati per i loro sforzi in favore della libertà di espressione

OSLO - Il tanto atteso Nobel per la pace è stato assegnato a Maria Ressa e Dmitry Muratov per «i loro sforzi volti a salvaguardare la libertà di espressione, una condizione preliminare per la democrazie a la pace duratura». 

Tra i nomi più papabili c'erano invece quelli dell'attivista Greta Thunberg (tra i favoriti anche lo scorso anno), la leader dell'opposizione bielorussa Svetlana Tikhanovskaya, l'Oms per la gestione della pandemia, Reporter senza frontiere e il Comitato per proteggere i giornalisti. 

In totale per il premio erano in lizza 329 candidati. 

L'anno scorso il riconoscimento era andato al Programma alimentare mondiale per il suo impegno nella lotta contro la fame nel mondo.

Chi sono i due giornalisti vincitori del 2021?

Giornalista in Asia per 35 anni, Maria Ressa, 58 anni, ha co-fondato Rappler, il principale sito di notizie esclusivamente digitali che sta conducendo la lotta per la libertà di stampa nelle Filippine.

In qualità di CEO e presidente di Rappler, Maria ha subito continue vessazioni politiche e arresti da parte del governo Duterte, costretta a pagare dieci volte la cauzione per rimanere libera. La battaglia di Rappler per la verità e la democrazia è l'argomento del documentario del Sundance Film Festival 2020, "A Thousand Cuts". Per il suo coraggio e il suo lavoro sulla disinformazione e le fake news, Maria Ressa, nominata Persona dell'anno 2018 da Time Magazine, è stata tra le 100 persone più influenti del 2019 ed è stata anche nominata una delle donne più influenti del secolo.

Nel 2020 ha ricevuto il premio Journalist of the Year, il John Aubuchon Press Freedom Award, il Most Resilient Journalist Award, il Tucholsky Prize, il Truth to Power Award e il Four Freedoms Award.

Dmitry Muratov, 59 anni, è un giornalista russo tra i fondatori del quotidiano russo Novaya Gazeta, lo stesso in cui lavorava Anna Politkovskaja. Muratov lo ha diretto tra il 1995 e il 2017. Novaya Gazeta è stato definito "l'unico giornale veramente critico con influenza nazionale in Russia oggi" dal Comitato per la protezione dei giornalisti . Il giornale è noto per i suoi reportage approfonditi su argomenti delicati come la corruzione governativa e le violazioni dei diritti umani.

Nel 2007, Muratov ha vinto un Premio Internazionale per la Libertà di Stampa dal Comitato per la Protezione dei Giornalisti. Il premio viene assegnato ai giornalisti che dimostrano coraggio nel difendere la libertà di stampa di fronte ad attacchi, minacce o carcerazione. Nel 2010 ha ricevuto l' ordine della Legion d'onore , la più alta decorazione di Francia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Bocciato l'obbligo di mascherina a New York
Un bimbo di 10 anni morto di Covid in Piemonte, non aveva gravi patologie pregresse.
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
3 ore
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
ITALIA
5 ore
Da Amadeus, a Vasco e Siffredi: i non "quirinabili" votati
Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.
COREA DEL NORD
7 ore
La Corea del Nord testa nuovi missili
Il Sud avvisa: «Dobbiamo condurre un'analisi dettagliata»
UCRAINA/RUSSIA
15 ore
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
17 ore
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
20 ore
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
22 ore
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
1 gior
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
ITALIA
1 gior
Via la scadenza di sei mesi dal Green Pass dei vaccinati?
Il governo dovrebbe procedere in tal senso, in attesa di una decisione sull'eventuale quarta dose
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile