keystone-sda.ch / STF (ANDREJ CUKIC)
MONDO
05.10.21 - 07:410
Aggiornamento : 07.10.21 - 13:28

Il lunedì in cui sparì Facebook

Le applicazioni social che fanno capo al colosso di Menlo Park sono rimaste offline ieri per circa sette ore.

I vertici di Facebook si sono scusati e hanno fatto chiarezza sulla causa: alcune modifiche alla configurazione dei router dei propri centri dati che hanno avuto un «effetto a cascata» bloccando tutti i servizi.

MENLO PARK - In futuro forse, ripensando al 4 ottobre 2021, qualcuno dirà "io c'ero" ricordando la giornata più nera (finora) nella storia di Facebook. Anche in un mondo digitale come il nostro, che reca sul proprio volto i lineamenti del suo sottile paradosso: non essere in grado di dimenticare nulla e, al contempo, l'essere rapidissimo nel riuscire a farlo comunque.

Se un buon giorno, come suggerisce uno di quei vecchi proverbi che hanno raccolto sul campo i propri meriti, si vede dal mattino, quello dei social di Mark Zuckerberg ieri si era annunciato disastroso, dopo le durissime accuse da parte di Frances Haugen, ex product manager di Facebook. Le prime avvisaglie della vera e propria tempesta però hanno preso il via qualche ora dopo, attorno alle 17.30, ora svizzera. I primi "impossibile aggiornare il feed" comparsi qua e là su Instagram. Facebook che iniziava a caricare a singhiozzo post e contenuti multimediali, lasciando in bianco parte delle sue applicazioni. E i messaggi rimasti "in canna" su WhatsApp, in perenne tentativo di connessione. Sarà una questione di qualche minuto, avranno pensato i più. E invece il "buio" social si è protratto per sette lunghe ore.

Il "down" prolungato del triumvirato social capitanato da Zuckerberg avrebbe così, stando alle cifre della piattaforma Netblocks.org, provocato un impatto negativo a nove zeri sull'economia globale. Nel dettaglio: 1 miliardo e 129 milioni di dollari. E mentre in quel di Menlo Park i tecnici della grande F si arrovellano per risolvere il disastro, le sue creature colonizzavano l'intera lista delle tendenze di Twitter, dove nella serata di lunedì milioni di utenti si sono riversati, chi con la speranza di sapere quando tutto sarebbe tornato alla normalità, chi per sbeffeggiare il colosso a colpi di caustici meme e qualche immancabile nostalgico che ha rievocato i mitici trilli del vecchio messenger di MSN, un "relitto" dell'Internet che fu.

Ma quale è stata la vera causa della lunga panne di ieri? I vertici del colosso social non hanno immediatamente fatto chiarezza. E da quel «Siamo a conoscenza che alcune persone stanno avendo difficoltà nel riuscire ad accedere alle nostre applicazioni. Ci stiamo lavorando» al successivo «A tutta la comunità di persone e aziende in tutto il mondo che dipendono da noi: scusateci», gli analisti hanno provato a ricostruire cosa sia effettivamente accaduto, scartando subito l'ipotesi di un attacco hacker e accreditando invece un possibile problema al Domain Name System. In parole povere, è come se Facebook avesse oscurato il proprio indirizzo. Come se questo fosse quindi sparito. O mai esistito del tutto.

Alla fine però ci ha pensato Santosh Janardhan, vice presidente delle infrastrutture di Facebook ad accendere la luce, spiegando che l'effetto domino è stato innescato da alcune modifiche effettuate alla configurazione dei router responsabili dell'instradamento del traffico dati nei propri data center. «Questa interruzione ha avuto un effetto a cascata sulla comunicazione dei nostri centri, bloccando i nostri servizi». Esatto, i router. Una "piccolezza". Un tipo di disagio che, su una scala ristretta alle pareti di casa nostra, abbiamo con ogni probabilità avuto il dispiacere di conoscere un po' tutti. Come a voler dire che, in fondo, anche Facebook almeno un po' umano lo è.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Ma questo è solo il preludio di quello che può succedere ad affidarsi ai famosi social, anche per cose importanti. In pochi possono chiudere la bocca a tutto il mondo, in quanto abbiamo dimenticato come ci si parla. E quando il problema toccherà le reti mobili e internet in generale, sarà la grande catastrofe.
volabas56 1 mese fa su tio
Mamma mia, un lunedi senza FB; l'abbiamo scampata davvero davvero bella. Quante vittime ci sono state?
emib53 1 mese fa su tio
Che dramma ieri per i novax che non hanno potuto informarsi sui loro siti!
Mattiatr 1 mese fa su tio
@emib53 Mamma mia questa è una vera fissa, mica gira tutto attorno al covid ;-)))
Renfibbioli@gmail.com 1 mese fa su tio
Chris El Suizo azzeccato in pieno!! sempre più articoli dove il commento è out limits...grazie per questa notizia importantissima sui social
ceresade36@gmail.com 1 mese fa su tio
Sucede quasi mai questo In fino nessuno muore perche nofunzionano queste app Che grade buffonata😡💩
Chris El Suizo 1 mese fa su tio
Talos63 come darti torto! Le trasmissioni in HF non conoscono attacchi hacker e in SSB fai il giro del mondo con poche decine di watt, oltretutto è un informazione pulita, libera dalla censura dei governi, la non esiste il politically correct! 👍🏼
Markinoooo 1 mese fa su tio
Che articolo ridicolo più bello di una serata senza social
Talos63 1 mese fa su tio
Tutti dicono che i Radioamatori sono “sorpassati”. Ebbene ecco un altro esempio di quando le comunicazioni dei Radioamatori sono invece utili e funzionanti (malgrado tutto)
Chris El Suizo 1 mese fa su tio
TIO é ai livelli della stampa sovietica in quanto a libertà di opinioni, permette di commentare degli articoli spazzatura come questo di facebook poi però l’articolo che tratta l’odio fra i vaccinati e non vaccinati guai, altro che liberi e Svizzeri, fra un po’ parleremo di glasnost!
Eimco104 1 mese fa su tio
@Chris El Suizo Sono d'accordo, avevo scritto a suo tempo a questo proposito alla redazione, senza ovviamente ricevere una risposta.
Amir 1 mese fa su tio
Una giornata meravigliosa...magari ci fosse così tutti i giorni...almeno ci si torna a parlare tra le persone invece di stare tutto i giorno con cellulare in mano a scrivere ca.....tte su Facebook..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Long Covid, uno su due si sente sempre stanco
Uno studio evidenzia i sintomi più comuni per chi ha contratto il Covid: dolori, depressione e fatica a respirare
FOCUS
Cina
2 ore
Denuncia e poi scompare, il misterioso caso di Peng Shuai
La tennista, svanita dopo un'accusa di stupro alle alte sfere, è poi riapparsa. Ma i dubbi su quanto successo restano
STATI UNITI
4 ore
Omicron e vaccini: «calo sostanziale» dell'efficacia oppure no?
Il Ceo di Moderna Bancel prevede che la risposta sarà inferiore rispetto alla Delta. Più ottimismo, invece, da BioNTech
ISRAELE / ITALIA
22 ore
Respinto il ricorso del nonno: il piccolo Eitan rientra in Italia
La conferma della Corte Suprema israeliana: il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone sarà presto in Italia
SUDAFRICA
23 ore
«Omicron? Sintomi più lievi, ma anziani e casi a rischio stiano attenti»
Le parole della dottoressa sudafricana che ha scoperto la nuova variante: «Preoccupati? No. Sul chi vive? Sì»
REGNO UNITO
23 ore
Bufera di neve: 60 persone bloccate per due giorni in un pub
Una bufera legata alla tempesta Arwen ha isolato completamente il Tan Hill Inn, impedendo ai presenti di tornare a casa
STATI UNITI
1 gior
Minorenni reclutate per Epstein? Ghislaine Maxwell a processo
La 59enne ex compagna di Epstein si è dichiarata non colpevole di tutti i capi d'accusa
FRANCIA
1 gior
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
1 gior
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
ITALIA
2 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile