Imago
EGITTO
28.09.21 - 06:050
Aggiornamento : 08:05

«Salvate l'attivista Zaki!». Ore di speranza in carcere

Nuova udienza oggi a Mansura per Patrick Zaki, lo studente dell'università di Bologna accusato di propaganda sovversiva.

Rischia fino a 25 anni di carcere o addirittura l'ergastolo.

MANSURA - "Sono innocente e sono in carcere da 19 mesi. Vi prego di mettere fine alla mia custodia cautelare". Sono le parole di Patrick Zaki all’udienza preliminare del processo che lo vede imputato in Egitto. 28 settembre, save the date e “save” anche Patrick. Si svolge oggi la seconda udienza del processo nei confronti dell’attivista egiziano, studente ricercatore all’Università di Bologna, e in detenzione preventiva da qualcosa come 600 giorni, quasi due anni. Continua a tenere banco la sua vicenda, quella di un uomo che si professa innocente ma che è stato accusato dal Cairo di ben 5 capi di imputazione e che durante il suo arresto, per molti un sequestro, e successiva detenzione, avrebbe subito le violenze più inaudite per un prigioniero. Un caso che mobilita l’Italia ma anche Amnesty International.

Chi è Patrick Zaki - Patrick Zaki è nato il 19 giugno 1991 a Mansura, a un centinaio di chilometri dal Cairo, in Egitto, da una famiglia che appartiene alla minoranza cristiano copta del Paese. È un attivista per i diritti umani e svolge ricerca per Egyptian Initiative for Personal Rights, una Ong egiziana. Da agosto 2019 Zaky vive a Bologna, dove frequenta il master “Gemma” dell’Erasmus Mundus, in studi di genere e delle donne.

L’arresto - Patrick era tornato in Egitto per trascorrere qualche giorno con i genitori a Mansoura, sua città natale, a 130 chilometri a nord del Cairo. Ed è lì che è stato arrestato, all’aeroporto del Cairo, venerdì 7 febbraio. Un arresto avvolto nel mistero, proprio come Zaki di fatto scomparso nel nulla per essere portato, il giorno dopo, davanti alla Procura della sua città, Mansura, in stato di fermo.

Le accuse - Su di lui, al momento del sequestro/arresto, pendevano ben 5 capi d’imputazione: fomentare le manifestazioni e il rovesciamento del governo, pubblicare notizie false sui social media minando l’ordine pubblico, promuovere l’uso della violenza e istigare al terrorismo.

Le violenze subite - Nel corso del sequestro, secondo quanto riferito dal suo avvocato, Zaki viene picchiato, torturato, sottoposto a elettroshock e minacce di ulteriori violenze, anche sessuali. Dopo la prima detenzione a Mansura, Patrick è stato trasferito alla prigione di Tora, al Cairo, nota per ospitare i prigionieri politici, e qui detenuto. Sempre secondo le relazioni dei suoi avvocati e di Amnesty, in condizioni dure e degradanti: nessun contatto con l’esterno, l’impossibilità di vedere nessuno della famiglia, se non il suo avvocato, e poche cure mediche per lui che soffre di asma.

Perché Zaki è stato arrestato - La causa è un articolo scritto nel 2019 per il sito egiziano Darraj, in cui elenca le discriminazioni di cui soffrono i cristiani in Egitto: "Non passa mese senza che vi siano episodi contro i copti in Egitto" è l'incipit. Zaki è rimasto in custodia preventiva per 19 mesi, senza che le accuse contro di lui fossero formalizzate, con proroghe consecutive di 15 giorni, poi di 45 giorni (grazie ad una legge ad hoc per i prigionieri politici).

Gli scenari - Avrebbe potuto rischiare fino a 25 anni di detenzione. Piccola magrissima consolazione, la richiesta del procuratore è stata di 5 anni per diffusione di notizie false. Le altre accuse, specie quella terroristica, sono via via cadute. Questo lo scenario peggiore che potrebbe essere addolcito ad una condanna a poco più di tre considerando i 19 mesi di custodia già scontati. Ma che restano comunque tanti rispetto ad un uomo che si professa innocente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
3 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
6 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
8 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
11 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
12 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
12 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
15 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
17 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
21 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
1 gior
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile