Keystone
REGNO UNITO
23.09.21 - 09:000

Boris Johnson deciso: «La Cop26 è l'ultima chance per l'umanità»

I Paesi devono assumersi la responsabilità «per la distruzione che affliggono, non solo al pianeta ma anche a sé stessi»

Johnson ha poi paragonato il problema al coronavirus: «Come ci ha insegnato il Covid, bisogna ascoltare gli scienziati»

NEW YORK - Il vertice sul clima previsto a novembre a Glasgow - la Cop26 - sarà «l'ultima occasione per l'umanità».

Lo ha detto, categorico, il premier britannico Boris Johnson, durante un discorso all'Assemblea generale dell'Onu. Per Johnson, l'incontro tra i leader mondiali deve assolutamente essere «il punto di svolta per l'umanità», per far sì che il pianeta non venga più trattato come «un giocattolo indistruttibile».

Il Primo ministro ha poi aggiunto che tutti i Paesi devono assumersi la propria responsabilità per «la distruzione che stiamo infliggendo, non solo al nostro pianeta ma a noi stessi». Sebbene sia cosciente che l'aumento della temperature globale è ormai inevitabile, Johnson ha chiesto ai leader d'impegnarsi in «grandi cambiamenti» per impedire di peggiorarlo ulteriormente.

«Come per il Covid, ascoltate la scienza»
Secondo il premier tory, è tempo di ascoltare gli avvertimenti degli scienziati. «Guardate il Covid, se volete vedere un esempio di scienziati - considerati inizialmente pessimisti e cupi - che hanno poi avuto ragione».

Lanciando il summit di novembre, Johnson ha poi aggiunto che gli Stati devono mettere in atto «cambiamenti sostanziali» entro la fine del decennio. In particolare, citando quattro aree di focus: «carbone, auto, soldi, e alberi».

A tal riguardo, il Primo Ministro ha anche detto di non vedere alcun conflitto tra il movimento verde e il capitalismo, dicendo che «l'intera esperienza della pandemia ci ha mostrato che si può risolvere il problema attraverso la scienza e l'innovazione, grazie agli investimenti che sono resi possibili dal capitalismo e dal libero mercato». Insomma, ci sono «gli strumenti per una rivoluzione industriale verde, ma il tempo è disperatamente breve», ha aggiunto.

Cina? Bene, ma non troppo
Johnson ha poi elogiato il Presidente cinese Xi Jinping per il suo recente impegno a fermare la costruzione di nuovi impianti a carbone all'estero.

Tuttavia, ha invitato il gigante asiatico, produttore del 28% delle emissioni globali, a fare di più, e porre fine anche all'uso interno di carbone. «Il Regno Unito è la prova che si può fare», ha poi aggiunto, citando l'esempio del proprio Paese, sceso dal 25% al 2% di energia legata al carbone in cinque anni. Ed entro il 2024, «sparirà del tutto».

In generale, il mondo deve frenare l'aumento delle temperature medie globali, sulla base degli obiettivi fissati dalle Nazioni Unite nell'accordo di Parigi del 2015 (massimo 1,5°C). «Se continuiamo sulla strada attuale, le temperature saliranno di 2,7 gradi o più entro la fine del secolo» ha detto Johnson, annunciando conseguenti «desertificazioni, siccità, raccolti distrutti, e spostamenti di massa dell'umanità».

«Tutto a causa nostra, a causa di ciò che stiamo facendo ora, e i nostri nipoti sapranno che siamo noi i colpevoli e... che siamo stati avvertiti, e si chiederanno che tipo di persone siamo stati, così egoisti e così poco lungimiranti» ha concluso il premier.

I cambiamenti richiesti da Boris Johnson

  • Permettere che solo veicoli a zero emissioni siano in vendita in tutto il mondo entro il 2040
  • Tagliare le emissioni di carbonio del 68% entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990
  • Impegnarsi collettivamente a raggiungere la neutralità del carbonio - o net zero - entro la metà del secolo
  • Porre fine all'uso del carbone nei Paesi in via di sviluppo entro il 2040 e nel mondo sviluppato entro il 2030
  • Fermare e invertire la perdita di biodiversità entro il 2030.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Moga 1 mese fa su tio
È il loro prossimo cavallo di battaglia per il post-covid
Dalu 1 mese fa su tio
E che allora si faccia davvero qualcosa!!! Sempre solo parole al vento politici inutili!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
TURKMENISTAN
3 ore
Doppio zero. Perché il Covid in Turkmenistan non esiste?
Ufficialmente non sono mai stati registrati casi o decessi. Ma per alcune fonti i morti sarebbero almeno 25'000.
STATI UNITI
11 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
15 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
17 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
20 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
22 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
1 gior
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
1 gior
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
1 gior
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
1 gior
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile