Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (Quique Garcia)
SPAGNA
23.08.21 - 15:300
Aggiornamento : 16:45

In questo momento il coprifuoco per Barcellona è «inutile e sproporzionato»

Il presidente della Generalitat catalana obietta: «Una questione sanitaria, non di ordine pubblico»

BARCELLONA - La Corte Superiore di Giustizia della Catalogna (TSJC) ha nuovamente respinto la proposta della Generalitat catalana di applicare il coprifuoco a Barcellona e in altri 61 comuni con più di 20.000 abitanti. La riduzione dei contagi, secondo i magistrati, rende «inutile e sproporzionato» il provvedimento. Giovedì scorso era stata negata la proroga richiesta per 148 comuni, Barcellona, compresa.

Esistono «mezzi altrettanto efficaci» - Secondo il TSJC, «parte dei comuni con più di 20mila abitanti interessati dal coprifuoco non raggiungono l'indice» d'incidenza cumulativa nell'ultima settimana, fissato in 125 casi positivi. In merito alla questione delle interazioni sociali, trattata nella risoluzione, il TSJC ha osservato che il controllo di questo aspetto «non è una misura che deve essere autorizzata da Corti e Tribunali». Inoltre «per far rispettare le misure di distanza sociale e uso della mascherina, l'Amministrazione dispone di mezzi altrettanto efficaci e meno lesivi dei diritti fondamentali e delle libertà pubbliche» rispetto al richiesto coprifuoco. Il provvedimento resta in vigore dall'una alle 6 in soli 19 comuni catalani, spiegano i media locali.

«Una questione sanitaria, non di ordine pubblico» - Il presidente della Generalitat, Pere Aragonés, ha preso atto della decisione ma ha sottolineato che il coprifuoco «non è una questione di ordine pubblico, è una questione di salute». Le autorità catalane studieranno la risoluzione, «ma non si può chiedere al governo di avere un piano C, D se i tribunali non ci danno gli strumenti. Non possiamo sostituire il TSJC. Continueremo ad assumerci la piena responsabilità in materia di salute» ha aggiunto Aragonés. «Per noi è ancora necessario il coprifuoco per un problema di salute. Quello che non possiamo fare è assumerci le responsabilità» sulla base di quanto deciso dalla Corte. «Continueremo ad agire con il risoluzione attuale», ha concluso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
11 min
Il marito dell'insegnante eroica è morto «dal troppo dolore»
Un attacco cardiaco ha stroncato il marito di Irma García, a soli due giorni dalla sparatoria
UCRAINA:SEGUI IL LIVE
LIVE
Ecco i "bestioni" statunitensi diretti verso Kiev
Biden starebbe preparando l'invio di alcuni MLRS (lanciarazzi multipli) all'Ucraina
MONDO
1 ora
Se il riscaldamento globale ti raggela la camera da letto
L'aumento delle temperature potrebbe avere un'influenza sulla riproduzione della specie umana. L'allarme degli esperti
VERBANIA
9 ore
Errori umani e una fune vecchia
L'inchiesta tecnica sulla tragedia del Mottarone ha portato i primi risultati, a un anno dall'evento
UCRAINA
11 ore
A Mariupol i bambini vengono "de-ucrainizzati"
La denuncia di Kiev: nella città conquistata dai russi è partita la propaganda di massa, anche nelle scuole
UCRAINA
13 ore
I destini paralleli delle fabbriche-bunker in Ucraina
Prima la Azovstal a Mariupol, ora la Azot di Severodonetsk
PERÙ
15 ore
Violenta scossa di terremoto in Perù: magnitudo 7.2
La popolazione è scesa in strada temendo scosse di assestamento
STATI UNITI
16 ore
«È morta a 10 anni, cercando di salvare i suoi compagni»
Mentre si ricostruiscono le azioni dell'omicida di Uvalde, il dolore dei famigliari delle vittime rimbomba nel mondo
INDIA
19 ore
Cinque ore bloccati sull'aereo, senza nessuna informazione
L'ira dei passeggeri che ieri dovevano volare con SpiceJet: «Ci hanno detto solo che c'era un server rotto»
MONDO
22 ore
Vaiolo delle scimmie, più colpito «chi ha più partner sessuali»
Le valutazioni del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC)
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile