Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (Redazione Telenews)
Una «corsia preferenziale» in Italia per i giovani che si vogliono vaccinare.
ITALIA
09.08.21 - 17:450

Il piano italiano per raggiungere l'immunità di gregge: «corsie preferenziali» per il vaccino ai giovanissimi

Sono 2,7 milioni quelli che non l'hanno ancora ricevuto, ma preoccupano di più gli over 50 non immunizzati

ROMA - Il raggiungimento dell'immunità di comunità (o di gregge), fissato alla soglia dell'80% della popolazione italiana, dipende dalla vaccinazione dei giovani. Per questo motivo le autorità sanitarie italiane puntano tutto su una "corsia preferenziale" per i giovani, specialmente gli under 30.

Le corsie preferenziali - Il commissario straordinario per l'attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e contrasto dell'emergenza epidemiologica COVID-19, il generale Francesco Paolo Figliuolo, punta a «coinvolgere i giovani anche in modo attivo e mirato, con iniziative quali corsie preferenziali presso gli hub senza prenotazioni, e attraverso figure importanti come i medici di base, i pediatri di libera scelta e i farmacisti», si legge sul Corriere della Sera. I vaccini non sono un problema, spiega Figliuolo: le scorte sono consistenti e ulteriori forniture sono destinate ad arrivare «subito dopo Ferragosto».

Giovanissimi vaccinati (e non) - In base ai dati del Financial Times l'Italia è terza al mondo per vaccini somministrati nella fascia d'età 12-18 anni. «Anche in questo periodo, maggiormente dedicato alle vacanze, la propensione alla vaccinazione tra i giovani è rimasta alta. È proprio nella classe tra i 12 e i 29 anni che stiamo registrando il maggior numero di prime somministrazioni». Nella sola giornata di domenica oltre 64mila adolescenti hanno ricevuto la prima dose, riferisce il quotidiano italiano.

Quella dei giovanissimi è l'ultima fascia d'età per la quale è partita la campagna vaccinale, quindi il numero di persone non immunizzate è ancora molto alto: sono più di 2,7 milioni. Ma in quasi un milione hanno ricevuto sia la prima che la seconda dose. Tra i 20 e i 29 anni più di due milioni sono "scoperti", mentre in 2,7 milioni hanno completato il ciclo vaccinale. La Lombardia è la regione più virtuosa, con solo il 24% di non vaccinati in questa fascia.

Over 50 "scoperti" e rischio di ospedalizzazione - A preoccupare maggiormente, però, sono i 4,4 milioni di over 50 che non hanno ancora ricevuto il vaccino. Il timore delle autorità sanitarie è che, alla luce della contagiosità della variante Delta, tra di essi ci possa essere un buon numero di persone a rischio di ricovero in caso d'infezione. E, con l'aumento del grado di occupazione degli ospedali, in alcune regioni la zona bianca potrebbe tramutarsi in gialla. Le due più a rischio sono Sicilia e Sardegna, ma ben 14 regioni non rispettano il parametro dei 50 positivi su 100mila abitanti. Sale la pressione ospedaliera in Liguria e Lazio, mentre a livello nazionale si è assistito a una lieve frenata della curva del contagio.

Vaccino agli adolescenti, la pediatra: «Bisogna farlo subito» - «Non c'è nessuna ragione che tenga, bisogna farlo subito». Non usa giri di parole la professoressa Chiara Azzani, immunologa e direttore scientifico didattico dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. «Il vaccino prima si fa, meglio è. Per raggiungere la protezione completa sono necessarie due dosi, una sola non basta e fra l’una e l’altra devono passare da 3 a 4 settimane. Altro che aspettare. Bisogna sbrigarsi. L’inizio delle scuole è vicino».

I rischi della salute, in caso di Covid-19, sono presenti anche per i giovanissimi. Ma per quanto riguarda gli effetti collaterali del vaccino, sono molto sopravvalutati. «Si è fatto tanto chiasso per i casi di miocardite e pericardite osservati in ragazzi meno che ventenni dopo il vaccino. È importante essere informati, la paura però è davvero esagerata. La probabilità di avere un’infiammazione al cuore o alla membrana cardiaca è inferiore a una su un milione». Una percentuale identica a quella di reazioni gravi a farmaci comuni come antibiotici, antinfiammatori e antipiretici. «Alcuni di questi farmaci sono responsabili in 4-5 casi ogni milione di reazioni gravissime come la sindrome di Stevens Johnson. Si può finire in rianimazione. E morire. Eppure nessuno si sogna di negare un antibiotico o un antinfiammatorio al figlio influenzato. E poi si mette in discussione la sicurezza del vaccino anti Covid che al massimo provoca rarissimamente una miocardite guaribile» conclude Azzari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
17 min
I "dimenticati" del vaccino. Lì dove la dose è un miraggio
Nei paesi poveri solo il 9,5% delle persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid.
MONDO
17 min
«Fate copia incolla», "nuova" regola e vecchia bufala
L'aggiornamento delle normative di Facebook ha riportato in vita il post. Ne parliamo con l'esperto Alessandro Trivilini
MONDO
8 ore
La massa di plastica ora è più pesante di tutti i mammiferi viventi
Una delle ricercatrici che ha contribuito a un nuovo studio ha dichiarato che «siamo nei guai, ma si può intervenire»
INDONESIA
11 ore
Giacarta sprofonda? L'Indonesia costruisce la sua nuova capitale
I funzionari del governo si trasferiranno in una città che al momento non esiste ancora
STATI UNITI
13 ore
Vaccini, effetto placebo in due eventi avversi su tre
Sono i risultati emersi da uno studio pubblicato sulla rivista Jama Network Open
ITALIA
16 ore
Ma quanto ci vuole a eleggere il presidente della Repubblica?
Da meno di tre ore a oltre due settimane. Le ultime elezioni però si sono sempre concluse in un paio di giorni.
FOTO
NORVEGIA
19 ore
Oggi Breivik ha chiesto la libertà condizionale
Gli osservatori norvegesi si aspettano che la richiesta venga respinta
CINA
20 ore
Luci accese sui diritti umani, soprattutto durante le Olimpiadi
La richiesta di Amnesty International in vista dei Giochi di Pechino
FOTO
NUOVA ZELANDA
23 ore
Cenere, acqua e distruzione: le prime immagini da Tonga
Le hanno scattate gli aerei di soccorso neozelandesi e i satelliti. Al momento però atterrare è impossibile
FOCUS
1 gior
Sportivi e campioni, segni particolari: no vax
Non solo Djokovic. L'elenco degli sportivi che rifiutano di vaccinarsi o criticano le misure contro il Covid, è lungo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile