Imago (foto d'archivio)
EGITTO
29.07.21 - 17:150

Patrick Zaki dal carcere: «Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna»

L'attivista ha consegnato alla famiglia una lettera per la sua ragazza: «Non posso prometterti che uscirò presto».

IL CAIRO - In carcere in Egitto da quasi 18 mesi, l'attivista egiziano e studente di master in Italia Patrick Zaki ha lanciato un raro messaggio da dietro le sbarre. Scrivendo una lettera in arabo alla sua ragazza, il 30enne ha aggiunto un post scriptum in italiano: «Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna», ha assicurato, disegnando un cuore dopo il nome dell'antica città universitaria.

«So che non ci immaginavamo neanche questo scenario e che tra i sogni condivisi che abbiamo fatto prima che partissi per l'Italia e mi allontanassi da te c'era, innanzitutto, quello che tu mi facessi visita laggiù e che vedessimo insieme le città italiane», scrive Zaki alla fidanzata nella missiva. «Purtroppo non posso prometterti che ciò avverrà presto perché la situazione peggiora giorno dopo giorno», aggiunge.

Il 30enne continua poi spiegando che, per lui, sono ripresi gli interrogatori e ciò potrebbe significare un possibile processo, «presto o tardi». «Potrebbe essere peggio di quanto mi aspettassi. Dopo un anno e mezzo mi dicevo che sarei uscito quanto prima, ma ora è chiaro che ciò non accadrà presto», confessa, scusandosi con la compagna per la pazienza e la forza che ha dovuto dimostrare.       

A diffondere la lettera, presa in consegna dalla famiglia di Zaki nel corso di una visita in carcere, è stata la pagina Facebook "Patrick Libero". Il movimento chiede l'immediato rilascio dell'attivista, il suo proscioglimento da tutte le accuse, un'indagine sulla sua detenzione e garanzie che né lui né la sua famiglia siano oggetto di persecuzioni in futuro. Il 30enne, che si occupa di diritti umani, è accusato, tra le altre cose, di incitamento alla protesta e diffusione di notizie false.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
1 ora
A caccia di streghe
Non siamo più nel medioevo ma il sospetto e la superstizione uccidono e mutilano ancora, migliaia di persone ogni anno
FOTO
ISRAELE
2 ore
Eitan per ora resterà in Israele
Lo hanno deciso in tribunale questa mattina le due famiglie che si contendono il piccolo, il processo al via a ottobre
REGNO UNITO
4 ore
«È l'ultima chance per l'umanità»
I Paesi devono assumersi la responsabilità «per la distruzione che affliggono, non solo al pianeta ma anche a sé stessi»
MONDO
7 ore
Aria inquinata? Più pericolosa del previsto
L'Organizzazione mondiale della sanità ha ridotto i livelli massimi di sicurezza di varie sostanze
BRASILE
14 ore
Un suo ministro è positivo: Bolsonaro in isolamento
All'Onu stanno cercando di tracciare i contatti di Marcelo Queiroga. Ci sarebbe anche Boris Johnson
STATI UNITI
18 ore
Perché il caso di Gabby Petito ha lasciato tutta l'America con il fiato sospeso
Fra teorie e ipotesi su TikTok e Instagram, la storia della 22enne scomparsa ha catalizzato la curiosità di una nazione
Italia
20 ore
Le mafie stanno sfruttando l'emergenza Covid per arricchirsi
L'Antimafia lancia un appello ai governi: «Bisogna far fronte comune e trattare questa emergenza come quella sanitaria»
GERMANIA
23 ore
Se non sei vaccinato e finisci in quarantena, il datore non deve pagarti
In Germania sarà così dal 1 novembre, conferma il Governo. Il motivo è che «esiste un vaccino che funziona»
AFGHANISTAN
23 ore
I talebani: «Fateci parlare alle Nazioni Unite»
Suhail Shaheen avrà il ruolo di esporre il punto di vista talebano nello scenario internazionale
LE FOTO
AUSTRALIA
1 gior
A Melbourne trema la terra, e anche la società
Giornata calda a Melbourne: prima, una scossa di terremoto di magnitudo 5.8, poi, le proteste in piazza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile