Immobili
Veicoli
Reuters
NUOVA ZELANDA
14.06.21 - 09:300

Film sulla strage di Christchurch? «Non deve parlare di me»

Le parole della premier Jacinda Ardern, dopo il fiume di polemiche

Nel frattempo, uno dei produttori ha dato le dimissioni

WELLINGTON - La premier neozelandese Jacinda Ardern si è infine espressa riguardo al discusso film che riassume la sua risposta agli attacchi alla moschea di Christchurch del 2019, dichiarando che trova il film «incentrato sull'argomento sbagliato» e che «è ancora troppo presto».

Riavvolgendo il nastro degli eventi, la pellicola annunciata venerdì dal nome 'They Are Us' è subito stata bersagliata da un'ondata di critiche, scatenando in particolare le reazioni tra i musulmani neozelandesi e tra i familiari delle vittime, che accusano di aver promosso una narrativa da 'salvatore bianco'. In molti hanno definito la scelta di concentrarsi sulle azioni della premier «insensibile» e «oscena». Una petizione per fermare la produzione del film ha già ottenuto circa 60'000 firme. 

Nella strage di Christchurch, lo ricordiamo, un suprematista bianco armato ha sparato in due moschee uccidendo 51 persone e ferendone in modo grave altre 40. «Ci sono così tante storie che dovrebbero essere raccontate e non considero la mia come una di queste: sono le storie della comunità, le storie delle famiglie», ha detto Ardern.

Nel frattempo, come riporta il Guardian, uno dei produttori del film si è dimesso dal progetto dopo le critiche. Si tratta della produttrice neozelandese Philippa Campbell: «Ho ascoltato le preoccupazioni sollevate negli ultimi giorni e ho sentito la forza delle opinioni delle persone. Sono d'accordo che gli eventi del 15 marzo 2019 siano troppo crudi per un film in questo momento e non voglio essere coinvolta in un progetto che sta causando una tale angoscia», ha detto in una dichiarazione rilasciata ai media.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
4 ore
Il vaccino dopo il virus, per scongiurare il Long Covid
Secondo un ampio studio una dose in seguito all'infezione riduce del 13% il rischio di sintomi di lunga durata
ITALIA
5 ore
L'auto piomba nel cortile dell'asilo, morto un bimbo
Altri sei piccoli sono rimasti feriti nell'incidente e sono ricoverati in ospedale, di cui uno in prognosi riservata
SPAGNA
7 ore
Rilevati 20 casi di vaiolo delle scimmie, «basse probabilità di diffusione»
I tre focolai riguardano soprattutto uomini che si identificano come gay, bisessuali o uomini hanno rapporti con uomini
REGNO UNITO
10 ore
Inflazione alle stelle in Regno Unito, un inglese su quattro salta i pasti
Con un'inflazione superiore al 9% molte le famiglie, e le aziende, alla canna del gas. Londra però indugia
MOLDAVIA
13 ore
«Qualcuno vuole trascinarci in una guerra indesiderata»
La premier moldava Natalia Gavrilita su neutralità, le bombe in Transnistria e le tensioni nel Paese
INDIA
17 ore
«Sorvegliati a ogni passo, anche a far la spesa»
Kashmir: gli occhi del Governo hanno raggiunto tutte le attività commerciali, a spese dei negozianti
REGNO UNITO
22 ore
Sui pescherecci britannici che diventano prigioni
L'industria del pesce si avvale di un visto che non permette ai lavoratori migranti di licenziarsi o di scendere a terra
REGNO UNITO
1 gior
Una morte su sei è causata dall'inquinamento
Nel 2019 nove milioni di persone sono morte a causa dell'aria tossica. «Chiediamo una transizione rapida e massiccia»
MONDO
1 gior
2020-21: l'Oms non ha lottato solo contro il Covid-19
L'impegno gigantesco per fronteggiare il coronavirus non ha impedito i successi in altri ambiti
AFGHANISTAN
1 gior
I Talebani e quei passi indietro sempre più grandi
Alcuni dipartimenti governativi sono stati eliminati, a causa della difficile situazione economica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile