Immobili
Veicoli
Keystone
Intanto in procura si discute della fune traente spezzata
ITALIA
01.06.21 - 16:040

Gestore della funivia scarcerato? «Ringraziate che il sistema sia garantista»

Ritenute troppo poco «dettagliate» le accuse a Nerini del capo servizio Tadini. La GIP: «Smentite da altre risultanze».

VERBANIA - Non sussiste alcun pericolo di fuga né si riscontrano «gravi indizi» di colpevolezza. La giudice per le indagini preliminari (GIP) di Verbania, Donatella Banci Buonamici, ha ribadito oggi ai cronisti le ragioni che l'hanno spinta a rimettere in libertà il gestore della funivia Stresa-Alpino-Mottarone, Luigi Nerini, e il direttore d'esercizio, Enrico Perocchio, dopo che un incidente all'impianto a fune ha causato la morte di 14 persone.

Banci Buonamici ha in particolare sottolineato come le accuse del capo servizio Gabriele Tadini - che ha dichiarato che Nerini e Perocchio erano, come lui, a conoscenza della manomissione dei freni d'emergenza - non sono sufficientemente «dettagliate»: «In fase cautelare la chiamata in correità deve essere dettagliata - ha affermato la giudice -. Questa non lo era ed era smentita da altre risultanze».

Ai giornalisti, che obiettavano come la procuratrice di Verbania, Olimpia Bossi, ritenga poco verosimile che Nerini e Perocchio fossero all'oscuro di tutto, la GIP ha risposto che dovrebbero essere felici di vivere in un sistema «garantista». «Dovete ringraziare che il sistema è così. Dovete essere felici di vivere in uno Stato dove il sistema è una garanzia - ha ribattuto -. E invece sembra che non siate felici. Dovete essere felici di abitare in un Paese democratico».

Sulle conclusioni della PM, la giudice ha però preferito non esprimersi. «Il procuratore fa il suo lavoro bene? Io faccio il mio lavoro credo altrettanto correttamente», si è difesa.

Come riferisce la Stampa, Giorgio Chiandussi, esperto del Politecnico di Torino, ha presentato oggi agli inquirenti i primi risultati del suo sopralluogo sul Mottarone di giovedì. Il tema è in particolare la rottura della fune traente che ha innescato l'incidente. Un guasto che, senza la manomissione volontaria dei freni d'emergenza, non si sarebbe probabilmente trasformato in una strage. Oggi sulla montagna sul Lago Maggiore salgono anche i componenti della commissione d'inchiesta disposta dal ministro dei Trasporti italiano, Enrico Giovannini. 

L'unico sopravvissuto alla tragedia, il piccolo Eitan, di 5 anni, sarà intanto trasferito oggi in reparto dalla terapia intensiva. 

Reo confesso, Tadini resta ai domiciliari. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
51 min
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
VIDEO
ITALIA
3 ore
Quirinale, i "bookmaker" oggi dicono Casini
L'ex presidente della Camera parte in pole. Il centrodestra compatto su Sabino Cassese? Alle 11 via al quarto scrutinio
TAGIKISTAN
6 ore
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
13 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
18 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
20 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
1 gior
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
1 gior
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile