keystone-sda.ch / STR (Peter Morrison)
+3
IRLANDA DEL NORD
11.05.21 - 18:190

È stata una strage di persone «interamente innocenti»

Si è conclusa l'inchiesta sull'uccisione di 10 civili a Ballymurphy da parte dell'esercito britannico

Annunciato il verdetto, famiglie e amici delle vittime sono scoppiati in lacrime (di sollievo) e abbracci

BELFAST - La giustizia britannica ha riconosciuto oggi le colpe dell'esercito di Sua Maestà in uno fatti di sangue più simbolici e tragici della storia dell'Irlanda del Nord: l'uccisione a colpi d'arma da fuoco di 10 persone avvenuta nell'agosto 1971 a Ballymurphy.

Si trattò di un uso «sproporzionato» della forza, ha stabilito infine - a conclusione di una inchiesta 'storica' - la giudice Siobhan Keegan, coroner della Belfast Crown Court.

L'inchiesta, iniziata nel 2018, e protrattasi per un totale di 100 udienze con l'audizione di circa 150 testimoni fra ex soldati, civili e periti, ha permesso alla corte di attribuire nove delle 10 vittime al fuoco dei militari, con un margine di dubbio residuo solo per un decimo individuo caduto nei tre giorni di violenza, terrore e caotiche sparatorie a raffica scatenatesi quell'estate. E di escludere invece l'asserito coinvolgimento di paramilitari o guerriglieri.

La condanna simbolica dei responsabili in divisa, seppure a scoppio ritardato e senza conseguenze al momento per i reduci superstiti, è stata accolta in aula dall'applauso liberatorio di familiari delle vittime e attivisti. Fra i morti, vi fu padre Hugh Mullan, parroco allora 38enne della chiesa finita al centro della vicenda. Con lui altri otto uomini e una donna di età compresa fra 19 e 49 anni, colpiti come bersagli indifesi in quattro diversi momenti e in altrettanti punti del quartiere.

Siobhan Keegan ha sottolineato come la sua indagine sia stata la più lunga e approfondita finora condotta in Irlanda del Nord sulle macchie cruente di un passato che non passa. E ha ricordato come quell'episodio abbia rappresentato per decenni motivo di «desolazione» per le famiglie di chi perse la vita.

Immediato, da Dublino, il commento positivo del ministro degli Esteri irlandese, Simon Coveney, che ha parlato di «immenso sollievo» di fronte a una sentenza che «rende giustizia alle famiglie» e ai loro proclami d'innocenza sulla memoria dei propri cari, la cui «uccisione fu ingiustificata». Una giustizia che «ciascuna famiglia colpita dal conflitto» ha diritto di avere anche a distanza di tempo, ha insistito Coveney. 

keystone-sda.ch / STR (Peter Morrison)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
8 ore
«Il razzismo è una crisi di salute pubblica»
Lo ha dichiarato giovedì la sindaca di Chicago, Lori Lightfoot. Per contrastarlo verranno usati quasi 10 milioni.
UNIONE EUROPEA
12 ore
Sentenza sui vaccini: l'Ue esulta, AstraZeneca pure
Il verdetto è stato accolto «con soddisfazione» sia da Bruxelles che dall'azienda anglo-svedese
GERMANIA
14 ore
La Svizzera non è più «un'area a rischio»
L'Istituto Robert Koch ha deciso: gli svizzeri possono entrare in Germania senza restrizioni
REGNO UNITO
16 ore
La «profonda vergogna» dei ministri per gli stupri che restano impuniti
Un numero altissimo di crimini non viene nemmeno denunciato, la politica fa mea culpa
STATI UNITI
17 ore
Niente accusa di schiavitù infantile per Nestlé Usa e Cargill
Lo ha stabilito la Corte Suprema, ma gli attivisti impegnati nel caso non hanno nascosto il loro disappunto
ITALIA
19 ore
Il Green Pass italiano: a cosa serve e come lo si ottiene
Lanciata nelle scorse ore l'apposita piattaforma governativa: la certificazione consentirà di viaggiare, ma non solo.
STATI UNITI
20 ore
Sale in auto, guida e spara: 90 minuti di follia
In otto sparatorie diverse, una persona ha perso la vita e 12 sono rimaste ferite
EUROPA
21 ore
Viaggi in aereo? «Mascherina sempre addosso»
Sono state aggiornate le linee guida europee per i voli turistici
MONDO
21 ore
La pandemia non ferma la migrazione: nel 2020 oltre 82 milioni di persone in fuga
Anche lo scorso anno il numero di movimenti forzati è aumentato. Nel 42% dei casi si tratta di minori
COREA DEL NORD
21 ore
«Con gli Stati Uniti pronti al dialogo ma anche allo scontro»
Così si è espresso Kim Jong-Un delineando la posizione della Corea del Nord di fronte all'amministrazione di Joe Biden
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile