Immobili
Veicoli
Keystone
ITALIA
20.04.21 - 12:440

Beppe Grillo difende il figlio: «Non c’è stato stupro»

La furia di Grillo si è scatenata in un video pubblicato online, che ha fatto molto discutere

I genitori della ragazza: «Fare spettacolo sulla pelle altrui è una farsa ripugnante»

GENOVA - Beppe Grillo non ci sta, e con tutta la sua ira si è lanciato sui social a difesa di proprio figlio Ciro, accusato di «stupro di gruppo».

Ciro Grillo, lo ricordiamo, è al centro di un'indagine per quanto avvenuto in Sardegna nell’estate del 2019: a detta dell'accusa - una coetanea conosciuta a Porto Cervo - Ciro e altri tre amici avrebbero perpetrato una «violenza sessuale di gruppo» nei confronti della donna, la cui lucidità era compromessa in quanto l'avrebbero «obbligata» a consumare sostanze alcoliche, riferisce Adnkronos.

«La legge dice che gli stupratori vengono presi e messi in galera, interrogati in galera o ai domiciliari. Sono lasciati liberi per due anni... Perché non li avete arrestati subito?» si sente tuonare il politico nel video pubblicato su Facebook (VEDI SOTTO).

Poi, nega l'esistenza dei fatti: «Non è vero niente, non c’è stato alcuno stupro. Una persona che viene stuprata la mattina, al pomeriggio va in kitesurf e dopo otto giorni fa la denuncia... Vi è sembrato strano. Bene, è strano». In particolare, secondo l'ex comico, la consensualità della giovane è chiara: «C’è un video, passaggio per passaggio, e si vede che c’è la consensualità: un gruppo che ride, ragazzi di 19 anni che si stanno divertendo... sono quattro co****ni, non quattro stupratori».

Le parole di Beppe Grillo sono rimbalzate immediatamente sui social, causando commenti e reazioni diverse: c'è chi lo sostiene, come ad esempio la collega del M5S Paola Taverna, e chi lo attacca, tra cui Maria Elena Boschi, per aver «colpevolizzato la vittima» e per essersi mostrato «sessista e maschilista».

Dal canto loro, i genitori della ragazza si sono espressi all'agenzia Andkronos: «Siamo distrutti. Il tentativo di fare spettacolo sulla pelle altrui è una farsa ripugnante», hanno dichiarato tramite un portavoce: «cercare di trascinare la vittima sul banco degli imputati, cercare di sminuire e ridicolizzare il dolore, la disperazione e l'angoscia della vittima e dei suoi cari sono strategie misere».

A breve, la procura dovrà decidere se chiedere il rinvio a giudizio per i quattro accusati o l'archiviazione del caso. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BRASILE
47 min
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
8 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
10 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
13 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
16 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
19 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
1 gior
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
1 gior
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
1 gior
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile