NETFLIX
I partecipanti del Fyre Festival potranno ottenere un risarcimento da 7200 dollari a testa.
STATI UNITI
16.04.21 - 22:450

Accordo raggiunto: 7200 dollari a ogni partecipante del Fyre Festival

La class action dei possessori dei ticket del «peggior festival di tutti i tempi» si chiude con due milioni di dollari

NEW YORK - I partecipanti del Fyre Festival, uno degli eventi più disastrosi degli ultimi decenni, vedono la fine della vertenza giudiziaria avviata negli scorsi anni.

Martedì è stato raggiunto un accordo del valore di due milioni tra gli organizzatori del festival e i 277 possessori di biglietti che avevano avviato una class action. Lo riferisce People, sulla base dei documenti depositati presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti del distretto meridionale di New York.

L'importo finale è soggetto al via libera del giudice, ma sulla base della cifra stabilita ogni partecipante al «peggior festival di tutti i tempi» riceverà circa 7200 dollari (6615 franchi svizzeri). L'esito della controversia soddisfa il principale degli avvocati che hanno avviato la causa, Ben Meiselas: «Billy (McFarland, l'ideatore del Fyre Festival, ndr) è andato in prigione, i possessori dei biglietti possono riavere un po' di soldi e sono stati realizzati alcuni grandi documentari. Questo è ciò che io chiamo giustizia». 

McFarland, uno dei co-fondatori del festival, sta attualmente scontando una condanna a sei anni di reclusione in relazione all'evento fallito dopo essersi dichiarato colpevole nel marzo 2018 per due capi di frode, truffando più di 80 investitori per un totale di 26 milioni di dollari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
39 min
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
8 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
11 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
13 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
16 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
17 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
17 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
19 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
22 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
1 gior
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile