Archivio Imago
REGNO UNITO
06.04.21 - 23:450

Un "Pass Covid" domestico? L'idea fa discutere

Secondo alcuni deputati conservatori, un tale progetto potrebbe risultare discriminatorio

Il Governo, però, ci sta pensando: sono in vista i primi esperimenti

LONDRA - Poter andare al pub o a teatro solo se si è in possesso di un certificato immunitario è un'idea che sta raccogliendo molti adepti nel Regno Unito, ma sta anche creando molti malumori.

In particolare, come riferisce la Bbc, un ampio gruppo di parlamentari sostiene che introdurre un Pass Covid domestico per ripartire più velocemente porterebbe alla creazione di una società discriminatoria a due livelli, divisa tra cittadini di Serie A e di Serie B. In Parlamento, il conservatore Mark Harper ha chiesto che si voti sulla questione.

Infatti, mentre l'idea iniziale di tali certificati era intesa a far ripartire i viaggi internazionali, il Governo sta ora considerando se possano essere utilizzati anche per altre attività interne al paese, per rilanciare l'economia locale.

In alcuni documenti governativi rilasciati lunedì si legge che tali certificati potrebbero giocare un ruolo fondamentale nel permettere alle persone di tornare ai pub, nei teatri, negli stadi e nelle discoteche, oltre che a partecipare a eventi come festival e concerti.

Nel dossier si nota infatti come i certificati Covid - che confermano l'immunità di una persona poiché vaccinata, negativa a un tampone recente, o recentemente contagiata - sono destinati a diventare «una caratteristica delle nostre vite».

Secondo Mark Harper e altri deputati conservatori, però, non è accettabile che la fine delle restrizioni sociali dipenda dai passaporti sanitari. «Se il governo vuole introdurre i certificati Covid, deve prima chiedere l'approvazione del Parlamento».  

«Cercare d'introdurre questi passaporti vaccinali domestici dalla porta di servizio, inserendoli nella rimozione delle regole di distanziamento sociale, non sarà accettabile».

Secondo loro, esigere una prova medica per poter partecipare alla vita della comunità locale, per esempio per andare in luoghi come i pub, è «discriminatorio e divisivo».

Recentemente, anche Boris Johnson ha ammesso che ci sono «questioni etiche e pratiche» da risolvere, sottolineando he «bisogna stare molto attenti a come si gestisce la cosa e non iniziare un sistema che sia discriminatorio».

In risposta alle critiche, il ministro responsabile dei vaccini Nadhim Zahawi ha dichiarato che sarebbe "negligente" da parte del governo non considerare un certificato Covid come un modo per riaprire completamente l'economia: «È giusto che guardiamo tutte le opzioni che sono a nostra disposizione per riprendere le nostre vite».

Una revisione del governo è attualmente in corso, e l'idea del governo è ora quella di fare un esperimento in occasione di alcuni eventi previsti nel prossimo futuro, tra cui la finale calcistica della FA Cup.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 mese fa su tio
Anche da noi si potrebbe pensare di riaprire. Con norme restrittive. Solo temporanee. Provare per un paio di settimane e vedere come va... Sarebbe una boccata d'aria per tutti, in prima fila i ristoratori.
Ro 1 mese fa su tio
Perché no ? Almeno fino a che la situazione non è sotto controllo è l’unica via percorribile intelligente. Poi con il tempo si vedrà i togliere questo pass. È una questione di responsabilità ma è merce rara anche tra certi partiti.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
51 min
In Israele e Palestina ostilità «assolutamente spaventose»
Consiglio di sicurezza dell'Onu riunito per valutare la situazione. Fra le parti, però, è muro contro muro.
EUROPA
1 ora
Voglia di viaggiare? Occhio alle regole per entrare nei paesi europei
Le regole per entrare in Italia, Spagna, Grecia o Francia sono diverse: un colpo d'occhio
INDONESIA
2 ore
La barca si ribalta causa selfie: almeno sette morti
Altre due persone risultano disperse, la polizia ha dato la colpa dell'incidente al sovraffollamento del natante
STATI UNITI
5 ore
Innocenti in prigione per 31 anni: 75 milioni di dollari di risarcimento
È quanto ha deciso la giuria nel processo di Henry McCoullm e Leon Brown
REGNO UNITO
8 ore
Un'esplosione squarcia due case, muore un bambino
Almeno altre quattro persone sono rimaste gravemente ferite
TERRITORI PALESTINESI
11 ore
«I raid aerei più intensi degli ultimi sette giorni»
Altra notte di sangue nella Striscia di Gaza e nelle località di frontiera israeliane.
MALDIVE
1 gior
Boom di casi alle Maldive, colpa del turismo "ricco" indiano
Le isole hanno deciso di bloccare gli arrivi: mai così tanti positivi nell'arcipelago
SEYCHELLES
1 gior
Popolazione vaccinata al 61%, ma i casi raddoppiano
Un terzo dei casi rilevati come positivi al virus ha già ricevuto entrambe le dosi del preparato immunizzante.
ISRAELE
1 gior
139 morti a Gaza, colpita la sede dell'Associated Press
In precedenza decine di razzi su Tel Aviv. Sono 2'300 quelli finora lanciati dall'enclave palestinese verso Israele.
SPAGNA
1 gior
22 giorni alla deriva, senza acqua e cibo: 17enne salva per miracolo
Lei e due compagni di viaggio sono gli unici superstiti tra quasi 60 persone, alla deriva nell'Atlantico
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile