Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Rich Pedroncelli)
STATI UNITI
27.03.21 - 08:000

Gli Usa s'interrogano: controllare o no vendita e possesso dei fucili d'assalto?

Il disegno di legge presentato dai Democratici consentirebbe ai proprietari di tenere quelle già acquistate.

La questione è tornata d'attualità dopo le stragi di Atlanta e Boulder

WASHINGTON - Le recenti stragi di massa ad Atlanta e a Boulder hanno riacceso l'attenzione dell'opinione pubblica statunitense sull'annoso e mai risolto tema del controllo delle armi.

Quando è accaduto nei giorni scorsi in Colorado ha fatto ancora più scalpore alla luce dello stop alle restrizioni della vendita di armi da fuoco, posto da un giudice pochi giorni prima e che ora è oggetto di un nuovo disegno di legge statale.

Il controllo sui "fucili sportivi moderni" - A livello federale, invece, i Democratici hanno presentato un ulteriore disegno di legge che punta a vietare ai civili la compravendita di centinaia di modelli semiautomatici e, in futuro, la loro produzione. Ma agli attuali proprietari viene garantito il possesso delle armi di assalto che hanno già acquistato. Si stima che dal 1990 al 2018 sono stati fabbricati o importati negli Stati Uniti circa 20 milioni di "fucili sportivi moderni", come li definisce la National Shooting Sports Foundation. Il dato tiene conto sia di quelli in dotazione alle forze dell'ordine, che quelli che si trovano nelle mani di privati cittadini.

Vendite record nel 2020 - Il 2020 ha fatto segnare una vendita record di armi negli Usa: circa 22,8 milioni di pezzi, con le pistole che prevalgono sui fucili. Il motivo di questa corsa degli statunitensi ad armarsi? Ce n'è più d'uno: il crescente senso d'insicurezza legato alla criminalità, la pandemia ma anche la preoccupazione per le tensioni sociali sfociate nelle proteste di piazza di movimenti come Black Lives Matter. Secondo il progetto di ricerca The Small Arms Survey, con sede a Ginevra, lo scorso anno erano 434 milioni le pistole nelle case dei cittadini degli Stati Uniti. Si tratta di una stima, visto che non esiste un censimento federale ad hoc.

Favorevoli e contrari sempre distanti - Le posizioni dei favorevoli e contrari al controllo delle armi da fuoco sono sempre le stesse. I fautori di una politica più stringente propendono per una richiesta di autorizzazione federale, mentre i gruppi per i diritti a essere armati ritengono che i divieti non siano attuabili, perché andrebbero a colpire un enorme numero di cittadini che hanno acquistato il loro fucile d'assalto in maniera del tutto legittima.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 10 mesi fa su tio
Nessuna pribizione ad acquistare armi automatiche e non . questo per quanto rigurda i collezionisti. Proibire di fabbricare le munizioni di ogni sorta riguardanti le armi automatiche. Munizioni solo da usare dagli sportivi facenti parte di una sociétà con relativi documenti di partecipazione.
Ro 10 mesi fa su tio
Che ne fai di un fucile automatico ? Sei forse in guerra con te stesso ? Sembra che negli States il tempo si sia fermato 200 anni fa. Ma il problema è più profondo e bisognerebbe avere il coraggio di puntare il dito sulla società occidentale che si basa sulla violenza ad ogni costo pur di emergere (Morte tua vita mia). La vedo così, giusto o sbagliato che sia.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Bocciato l'obbligo di mascherina a New York
Un bimbo di 10 anni morto di Covid in Piemonte, non aveva gravi patologie pregresse.
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
3 ore
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
ITALIA
6 ore
Da Amadeus, a Vasco e Siffredi: i non "quirinabili" votati
Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.
COREA DEL NORD
7 ore
La Corea del Nord testa nuovi missili
Il Sud avvisa: «Dobbiamo condurre un'analisi dettagliata»
UCRAINA/RUSSIA
15 ore
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
17 ore
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
20 ore
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
23 ore
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
1 gior
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
ITALIA
1 gior
Via la scadenza di sei mesi dal Green Pass dei vaccinati?
Il governo dovrebbe procedere in tal senso, in attesa di una decisione sull'eventuale quarta dose
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile