Immobili
Veicoli
Keystone
MONDO
24.03.21 - 06:000

Il tackle del Covid sul dramma della tubercolosi

Ricorre oggi, 24 marzo, il "TB Day". L'Oms: «La pandemia ha aggravato le disparità. Serve uno sforzo coordinato»

Nel 2020, 1.4 milioni di persone non hanno ricevuto le cure necessarie a causa delle interruzioni provocate dal Covid.

GINEVRA - Lo abbiamo imparato tutti, chi più duramente e chi meno, sulla nostra pelle. Gli effetti della pandemia si spingono ben oltre al dramma dei malati che riempiono i reparti degli ospedali e degli oltre 2,7 milioni di vittime legate al Covid-19.

L'avvento del coronavirus ha ostacolato (e, in alcuni casi, interrotto) l'erogazione di servizi di importanza vitale nei paesi più poveri. E uno degli esempi più tragici - ce lo ricorda oggi il calendario - è rappresentato dal problema della tubercolosi. Si stima che nel corso del 2020 siano circa 1.4 milioni le persone che non hanno ricevuto le cure necessarie rispetto al 2019.

Secondo le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità, potrebbero essere oltre mezzo milione in più le persone morte nel 2020 a causa della tubercolosi rispetto all'anno precedente. Nel 2019 i decessi sono stati circa 1.4 milioni, con circa 10 milioni di persone che hanno contratto la malattia in tutto il mondo (e di questi, 1.2 milioni sono bambini).

Il Covid è letteralmente entrato in tackle su una situazione già gravissima. Sono cifre «che mettono in evidenza la necessità da parte di tutti i paesi di rendere le coperture sanitarie universali una priorità sulla via del recupero dalla pandemia» ha detto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Obiettivo: 2030
L'obiettivo delle Nazioni Unite è quello di riuscire a sradicare l'epidemia entro il 2030. Tra screening e cure, dal 2000 al 2019 si stima siano state salvate circa 60 milioni di vite. «Per secoli, i malati di tubercolosi sono stati tra i più marginalizzati e i più vulnerabili. Il Covid-19 ha aggravato le disparità nelle condizioni di vita e nell'accesso ai servizi, sia all'interno che tra i paesi», ha sottolineato la dottoressa Tereza Kasaeva, direttrice del programma globale dell'Oms contro la TB. Ora più che mai «serve uno sforzo deciso e coordinato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore
«Sto per sparare in una scuola elementare»
I messaggi su Facebook del 18enne di Uvalde. Nella strage sono morti 19 bambini e due insegnanti
STATI UNITI
8 ore
Strage in Texas, una bambina tentò di chiamare la polizia
Cominciano ad emergere i primi nomi e le prime storie delle vittime della sparatoria di Uvalde
REGNO UNITO
10 ore
«Partygate, molti comportamenti lasciano sgomenti»
Johnson si è assunto la «piena responsabilità», ma si è detto anche «sorpreso e deluso»
RUSSIA / SVIZZERA
13 ore
«Temo per la mia vita»
Boris Bondarev aveva rassegnato le sue dimissioni in segno di protesta contro l'aggressione all'Ucraina voluta da Putin.
SEGUI IL LIVE
UCRAINA
LIVE
Kuleba al WEF: «La Nato non fa letteralmente nulla»
«Bisogna uccidere la politica dell'export della Russia» ha aggiunto il ministro degli Esteri ucraino.
STATI UNITI
17 ore
Sparatoria alle elementari: almeno 19 i bambini morti
Si contano inoltre anche due vittime adulte. Il killer, il 18enne Salvador Ramos, era un ex allievo.
RUSSIA
17 ore
La sorte di chi ha deluso Putin
Spariti, silurati, arrestati: sono diversi i comandanti e politici al fianco dello "zar" che non si sono più visti
UNIONE EUROPEA
18 ore
Sempre più pesticidi pericolosi nella frutta europea
La denuncia arriva da un rapporto del Pesticide Action Network che ha analizzato quasi 100'000 campioni
STATI UNITI
1 gior
Sparatoria alle elementari: morti 14 bambini
School shooting in Texas. La strage è tra le più gravi nella storia recente degli Stati Uniti
SVIZZERA/MONDO
1 gior
«Parlare con Putin? Non vale la pena discutere con un malato»
Il sindaco di Kiev era ospite in remoto del Wef: «Ogni euro dato alla Russia è sporco di sangue ucraino»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile