IMAGO / Xinhua
Persone in coda per farsi testare a Hwaseong, nella provincia di Gyeonggi, il 14 Marzo.
COREA DEL SUD
17.03.21 - 21:300

Tamponi obbligatori per gli stranieri: «Razzismo e discriminazione»

I residenti stranieri di Seul hanno criticato aspramente la decisione del governo cittadino

Oltre alle accuse di discriminazione, molte lamentele giungono per la «pessima organizzazione»

SEUL - Il tampone obbligatorio per tutti i lavoratori stranieri di Seul e della provincia di Gyeonggi ha suscitato forti proteste tra i residenti stranieri, che hanno criticato il programma definendolo «discriminatorio» e «inutile».

Martedì, lo ricordiamo, il governo metropolitano di Seoul ha emesso un ordine per tutti i lavoratori stranieri e i loro datori di lavoro di sottoporsi al test del coronavirus entro il 31 marzo, seguendo una misura intrapresa dalla provincia di Gyeonggi la scorsa settimana.

Tuttavia, come riporta il South China Morning Post, molti stranieri sostengono che l'etichettatura di tutti i lavoratori stranieri come «gruppo ad alto rischio» nel contrarre e diffondere il Covid-19 sia una concezione «razzista e discriminatoria», e si sono anche lamentati delle linee guida poco chiare su chi debba essere testato e anche della pessima preparazione e organizzazione (si sono infatti formate lunghe code) per effettuare test su larga scala per tutti gli stranieri. 

«È estenuante aspettare per ore in coda», ha detto Jin Dianshun, una lavoratrice di 65 anni di un ristorante cinese, al portale Reuters. La donna è stata in fila per quattro ore, dopo essere già stata in fila per ore sabato, prima di essere allontanata.

«Vorrei sapere qual è il piano effettivo del governo, perché in questo momento non abbiamo nemmeno un'idea chiara di chi sia effettivamente considerato un "lavoratore straniero", nè di come vengano decise queste categorizzazioni, o di qualsiasi altro dettaglio», ha detto dal canto suo Jennifer Flinn, una professoressa statunitense della Kyung Hee University di Seul, al Korea Times.

Secondo la docente, «il governo della città sta procedendo senza alcuna prova che gli "stranieri lavoratori" siano in qualche modo a maggior rischio di contrarre o diffondere il virus». «È un piano mal concepito che non fa altro che vittimizzare e stigmatizzare le popolazioni vulnerabili», ha concluso Flinn.

Paul Matthews, un libero professionista che vive a Seoul, ha detto invece che ha fatto il tampone perché non voleva infrangere la legge, ma non ha nascosto la sua perplessità. «Voglio solo fare il mio dovere di immigrato, ma sembra ridicolo chiedere improvvisamente che ogni straniero a Seul faccia il test», ha detto Matthews al quotidiano coreano, «vorrei solo che spiegassero chiaramente la loro decisione in modo che i residenti stranieri possano capire, altrimenti è facile per noi supporre che sia una misura razzista e irrazionale».

Dal canto suo, il direttore dell'agenzia coreana per il controllo e la prevenzione delle malattie (KDCA) Jeong Eun-kyeong ha detto all'agenzia Reuters che la misura è stata introdotta visto l'alto tasso di infezioni tra i lavoratori stranieri, ciò che è percepito come una situazione ad alto rischio.

Sarebbe questa la ragione, e «non pensiamo che» il governo «intenda discriminare o stigmatizzare i lavoratori stranieri, in tal caso questa misura non dovrebbe venir accettata», ha detto Jeong, che ha aggiunto che la KDCA lavorerà con le autorità locali per migliorare le capacità di test per risolvere il problema delle lunghe attese.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 6 mesi fa su tio
Tutte le volte ..... razzismo razzismo è ancora razzismo. Fra poco anche guardare una persona con la pigmentazione della pelle diversa o la forma degli occhi o con il passaporto di in altra nazione ..... si passerà per razzisti. Inaudito. È molto pericoloso usare in questo modo questa parola. Facciamo attenzione prima di innescare il finimondo. I veri razzisti sono per lo più silenziosi e viscidi e manco ci rendiamo conto a che livelli sono. Buona giornata
Tio1949 6 mesi fa su tio
Non lamentatevi,che i tamponi rettali sono dietro l'angolo.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
3 ore
Bombe e morti, torna l'ombra dell'Isis sull'Afghanistan
Sono almeno tre gli ordigni esplosi a Jalalabad. Il ritorno dell'Isis dopo il ritiro degli Stati Uniti?
STATI UNITI
5 ore
Miliardario colpevole di omicidio (dopo vent'anni)
Nel 1982 aveva ucciso la prima moglie. E nel 2000 la donna che l'aveva aiutato a coprire le tracce
PAESI BASSI
6 ore
Cani nel mirino dei malviventi
Il fenomeno si riscontra nei Paesi Bassi, dove le autorità invitano i proprietari a tenere d'occhio i quadrupedi
STATI UNITI
7 ore
Un flop a Capitol Hill
La destra americana si ritrova a sostegno degli assalitori del Congresso. Ma sono in pochi
MONDO
16 ore
Il volto violento della moda
Un mondo solo apparentemente dorato, all'interno del quale si nascondono predatori sessuali
AFGHANISTAN
1 gior
Dieci civili vittime del drone: il Pentagono ammette
L'episodio è avvenuto poco prima del ritiro delle truppe Usa da Kabul
Egitto
1 gior
In progetto una ferrovia lunga 1'800 chilometri per attraversare il deserto
Firmato l'accordo per la costruzione della prima tratta con la multinazionale tedesca Siemens
STATI UNITI / CINA
1 gior
ll boom del traffico intercontinentale dei falsi certificati Covid
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina
BELGIO
1 gior
Attentati di Bruxelles, Salah Abdeslam rinviato a giudizio
Sei dei 10 imputati sono alla sbarra anche per le stragi di Parigi del 2015
DANIMARCA
1 gior
Verso una nuova regolamentazione sulla caccia alle balene
Non sono mancate le risposte alle accuse sui social: «È solo che il nostro mattatoio è a cielo aperto»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile