keystone-sda.ch / STF (DAVE HUNT)
+7
AUSTRALIA
15.03.21 - 19:470

Migliaia di donne in piazza contro gli abusi

I cortei si sono svolti in numerose città australiane

CANBERRA - Al grido dell'hashtag #March4Justice (marciare per la giustizia), decine di migliaia di donne sono scese ieri in piazza in 40 città in tutta l'Australia.

Le donne australiane hanno alzato la voce contro abusi, violenze e disuguaglianze di genere, in un movimento scattato dopo le recenti accuse di stupro che hanno travolto il governo conservatore.

Infatti, il mese scorso, un'ex dipendente del governo ha dichiarato pubblicamente di essere stata violentata da un collega nell'ufficio di un ministro nel 2019. All'inizio di questo mese, poi, il procuratore generale Christian Porter aveva negato con forza l'accusa di aver violentato una ragazza di 16 anni nel 1988 quando erano entrambi studenti, avviando un procedimento di diffamazione contro l'emittente pubblica ABC, che per prima aveva pubblicato le accuse.

Così ieri a Canberra si è tenuta la più grande e più partecipata manifestazione delle tante al grido di #March4Justice: le donne, la gran parte vestite di nero, si sono radunate fuori dal parlamento esponendo cartelli con slogan inequivocabili: «Non stai ascoltando», «Quante vittime conosci?» e «Io le credo». Anche a Melbourne, Perth e Sydney i cortei si sono popolati in fretta, fino a contare oltre 10'000 partecipanti.

Non è inoltre soltanto la piazza a scandire la richiesta di giustizia e attenzione, ma il tema è sempre più presente nella scena politica: le donne del partito laburista all'opposizione hanno creato nei giorni scorsi una pagina Facebook in cui si descrivono le presunte molestie sessuali perpetrate da parte di colleghi e politici maschi.

Il Governo, nel frattempo, ha ordinato un'indagine indipendente sulla cultura del lavoro in parlamento e ha istituito nuovi servizi di supporto per il personale. Il primo ministro conservatore Scott Morrison ha inoltre proposto un incontro alle organizzatrici delle manifestazioni, le quali hanno però respinto l'offerta, tacciandola come «irrispettosa» nei confronti delle vittime di violenza.

keystone-sda.ch / STF (DAVE HUNT)
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ciapp 6 mesi fa su tio
ma quante cose che vogliono ste donne !
Galium 6 mesi fa su tio
@ciapp E hanno tutte le ragioni di questo mondo. Certi commenti non fanno che provarlo
Tato50 6 mesi fa su tio
@Galium D'altra parte, ragiona come il suo Nick ;-))
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LE FOTO
AUSTRALIA
1 ora
A Melbourne trema la terra, e anche la società
Giornata calda a Melbourne: prima, una scossa di terremoto di magnitudo 5.8, poi, le proteste in piazza
STATI UNITI
4 ore
La triste conferma: il corpo ritrovato è quello di Gabby Petito
L'FBI ha confermato che si tratta della 22enne, e anche che si presume si tratti «di omicidio»
MONDO
10 ore
Vaccini, «pesano più i profitti o le vite umane?»
L'accusa ai leader della farmaceutica da parte di Amnesty International, che ha pubblicato un rapporto a riguardo
GERMANIA
13 ore
Presunta presa d'ostaggi su un autobus: un arresto
Durante l'operazione è stato chiuso un tratto dell'autostrada A9
STATI UNITI
16 ore
Dopo il viaggio nello spazio «ciascuno di noi è cambiato»
La vista sulla Terra dalla Crew Dragon «crea davvero dipendenza»
FRANCIA
18 ore
Diffuso online il certificato Covid di Macron
...con tanto di nome, cognome, e altre informazioni private
STATI UNITI
20 ore
«Il mondo è diviso, siamo sull'orlo del baratro»
L'allarme del segretario generale dell'Onu Guterres. E Biden assicura: «Non cerchiamo una nuova Guerra fredda»
AFGHANISTAN
22 ore
Nel nuovo governo afghano non c'è l'ombra di una donna
Non sono state mantenute le promesse alla vigilia della presa del potere: «Potremmo aggiungerle in un secondo momento»
RUSSIA
1 gior
«Quest'elezione equivale ad insultare i cittadini»
Navalny e i suoi alleati, ma non solo, hanno accusato il partito di Putin di aver «falsificato» il voto
UNIONE EUROPEA
1 gior
«Fu la Russia a uccidere Litvinenko»
Lo sostiene la Corte europea per i diritti dell'uomo, ad avvelenare l'ex-KGB con il polonio «agenti dello Stato russo»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile