AFP
UNIONE EUROPEA
10.03.21 - 19:550

L'Ue, tra polemiche e accuse, ha esportato 34 milioni di vaccini

Nel quadro di una situazione vaccinale tutt'altro che rosea, le cifre dell'export fanno discutere

BRUXELLES - L'Unione europea ha finora esportato oltre 34 milioni di vaccini anti-Covid verso 31 Paesi, inclusi 9,1 milioni alla Gran Bretagna, 954 mila agli Stati Uniti e 3,9 milioni al Canada.

In un continente che lamenta una carenza di vaccini e nel pieno della polemiche con alcune case farmaceutiche - accusate di non rispettare gli impegni assunti - sono numeri importanti, soprattutto se rapportati alla fotografia della situazione vaccinale europea: in tutta l'Ue finora sono stati distribuiti 55 milioni di sieri, mentre 42,7 sono state le somministrazioni, secondo gli ultimi dati dell'Ecdc.

Il dato è filtrato da un documento distribuito agli ambasciatori presso l'Ue a pochi giorni dalla decisione dell'Italia, avallata da Bruxelles in base al nuovo regolamento sull'export, di bloccare 250 mila dosi di AstraZeneca verso l'Australia. Ed è destinato a far discutere.

Oltre manica, c'è chi gongola

In tutto questo, il Regno Unito si gode il vantaggio accumulato su qualunque altro Paese europeo e rispedisce al mittente a muso duro le recriminazioni di chi è partito tardi o è rimasto indietro. Negando in tono categorico i sospetti del presidente del Consiglio europeo, il belga Charles Michel, secondo cui Londra e Washington avrebbero allungato il passo anche attraverso un blocco de facto dell'esportazione degli antidoti sfornati nei rispettivi territori.

«Il Regno Unito non ha bloccato un singolo vaccino o una componente» vaccinale, ha replicato il premier britannico Boris Johnson. «Siamo contrari al nazionalismo sui vaccini in ogni forma», ha poi ribadito, intimando perentoriamente a Michel di ritirare le sue affermazioni.

Un vantaggio frutto solo, nelle precisazioni di Londra, della maggiore rapidità con cui il governo e l'agenzia del farmaco d'Oltremanica hanno saputo approvare i primi vaccini e chiudere i contratti con le aziende farmaceutiche coinvolte; oltre che - nel caso del siero AstraZeneca, sviluppato dall'università di Oxford - accollarsi gran parte del finanziamento iniziale della ricerca. Le parole di Michel erano state del resto già bollate nelle ore precedenti come «completamente false», in una lettera ad personam, dal ministro degli Esteri, Dominic Raab.

Le accuse...poi frenate

Una correzione alla fine è arrivata, almeno nei termini d'una frenata, da parte di un portavoce della presidente della Commissione, Ursula von der Leyen: il quale si è ben guardato dallo smentire Charles Michel, ma anche dal difenderne la sparata polemica. E ha anzi ammesso come von der Leyen avesse in effetti avuto già da «qualche tempo rassicurazioni» da Johnson sul fatto che «il Regno Unito non stesse adottando alcuna misura» restrittiva «rispetto alla fornitura di vaccini all'Unione Europea».

Incalzato dai giornalisti britannici su Michel, il portavoce s'è poi limitato a dire di non voler «commentare le dichiarazione di altri». Anche se in generale ha insistito nel giustificare la minaccia di un possibile stop dell'export degli antidoti di produzione europea da parte di Bruxelles in nome di una più vaga reciprocità verso il comportamento di altri imprecisati Stati.

«L'Ue - ha puntualizzato al riguardo - rifornisce ed esporta vaccini in tutto il mondo e questo non è sempre vero per tutti i nostri partner. Vogliamo continuare ad avere questo ruolo, ma a patto che le società farmaceutiche che hanno contratti con noi li rispettino in modo che tutta la catena di rifornimento globale resti aperta».
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ciapp 4 mesi fa su tio
UE un fallimento totale vergogna
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI / SPAGNA
4 ore
Dieci milioni per la «negligenza» che uccise le quattro turiste spagnole
L'accusa ha attaccato la mancata «competenza» dell'autista del camion commerciale che ha provocato l'incidente
REGNO UNITO
6 ore
Il rischio di trombosi rare non aumenta con la seconda dose di AstraZeneca
Lo afferma uno studio pubblicato su Lancet, finanziato e condotto dalla stessa azienda anglo-svedese
COREA DEL SUD
7 ore
Tanto caldo, da rendere verde l'acqua
L'ondata di calore ha provocato anche una fioritura di alghe verdi, che hanno dato colore al lago Daecheong
ITALIA
11 ore
Green pass per lavorare? «Un'idea da tenere nel cassetto»
Il sottosegretario alla Salute italiano Pierpaolo Sileri non la scarta. Ma aggiunge: «Nessuno dovrà perdere il lavoro».
THAILANDIA
13 ore
Pazienti covid spostati con i treni da una città all'altra
Alcuni vagoni vengono convertiti in "mini ospedali". Particolarmente sotto pressione la capitale Bangkok.
GERMANIA
17 ore
Ricoveri su dopo l'aumento dei contagi: «È la quarta ondata»
Il Robert-Koch-Institut tedesco difende l'incidenza come indicatore principale per decidere sulle restrizioni.
POLINESIA FRANCESE
19 ore
Macron promette «verità e trasparenza» sui test nucleari
Parigi non avrebbe mai condotto gli esperimenti in Francia, ha ammesso il presidente. Ma non ha chiesto «perdono».
STATI UNITI
22 ore
Gli Stati Uniti restano spaccati in due... Anche sui vaccini
La frattura tra Stati a maggioranza democratica e repubblicana si riflette anche sul ritmo della campagna vaccinale.
STATI UNITI
1 gior
Vaccinati senza mascherina? Dietrofront degli USA
Secondo l'autorità sanitaria statunitense, in alcuni casi anche i vaccinati dovranno indossarla
ITALIA
1 gior
 Como, la polizia invita a non uscire di casa
La decisione in vista dei temporali previsti nelle prossime ore.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile