Imago
Tamayo Marukawa
GIAPPONE
27.02.21 - 08:000

Niente cognome da nubile una volta sposate, lo dice la ministra delle pari opportunità

La giapponese Tamayo Marukawa è tra i firmatari di una lettera che osteggia la proposta di riforma.

Nel Paese del sol levante marito e moglie devono avere lo stesso cognome. E nel 96% dei casi è la donna a rinunciare al proprio.

TOKYO - La neoministra delle pari opportunità giapponese non ha intenzione di sostenere una riforma che, agli occhi di molti, anche in Giappone, è vista come un progresso proprio nella direzione dell'uguaglianza di genere. Insieme ad altri 50 esponenti del Partito liberale democratico ha firmato infatti una lettera che chiede ai membri della formazione conservatrice di governo di non sostenere una proposta volta a permettere alle coppie sposate di avere cognomi diversi.

Al momento, nel Paese del sol levante i coniugi devono scegliere un unico nome di famiglia. Può essere quello del marito o della moglie, ma nel 96% dei casi a vincere è la tradizione e a rinunciare al proprio cognome da nubile sono le donne. Una scelta "forzata" che può comportare «svantaggi, inconvenienti e una perdita d'identità», segnala il quotidiano nazionale The Asahi Simbun.

Dopo che, in dicembre, il Partito liberale democratico aveva convinto l'esecutivo a stralciare una proposta di riforma, ora un gruppo di parlamentari ha chiesto alla base della formazione di governo di affossare due "opinioni scritte" interne al partito che spingono proprio per introdurre la possibilità di conservare cognomi sparati al momento delle nozze. E tra i 50 firmatari anti riforma c'è anche la neoministra della pari opportunità, Tamayo Marukawa, come riferisce l'agenzia di stampa Kyodo News.

Permettere a marito e moglie di avere cognomi diversi porterebbe al collasso della società, argomentano i politici conservatori nella missiva. 

Marukawa ha preso il posto della sua predecessora il 18 febbraio scorso, dopo che quest'ultima è diventata presidente del Comitato organizzatore dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Alla testa dell'evento sportivo Seiko Hashimoto ha preso il posto di Yoshiro Mori, costretto a dimettersi per aver proferito delle frasi sessiste contro le donne.

«Sfortunatamente è diventato chiaro che il Giappone è solo a metà strada per raggiungere l'uguaglianza di genere», commentava settimana scorsa diventando ministra Marukawa. Interrogata da un deputato dell'opposizione sulla sua lettera contro la riforma dei cognomi, la 50enne si è limitata a dire: «È mio dovere premere per ulteriori discussioni in parlamento».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Galium 1 mese fa su tio
È giusto che uomini e donne possano mantenere il cognome di nascita. Questo deve anzi essere prevalente, come avviene in Italia.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA
8 ore
La Nato alla Russia: «Ritirate le truppe»
Il Cremlino, dal canto suo, ha accusato gli Stati Uniti e la NATO di trasformare l'Ucraina in una «polveriera»
FRANCIA
8 ore
La battaglia (vinta) con Facebook di un paese dal nome “sconcio”
Ovvero la cittadina francese di Bitche che si è vista bannare la sua pagina social per settimane, poi le scuse ufficiali
EGITTO
10 ore
Per la Ever Given, chiesto un risarcimento da un miliardo di dollari
E intanto la nave, che si trova ancora nel canale, è stata sequestrata. Dai proprietari giapponesi per ora è no comment
MONDO
11 ore
Trombosi con J&J: «Sono eventi estremamente rari»
Lo hanno dichiarato gli esperti dell'FDA e dei CDC in una conferenza stampa congiunta
GIAPPONE / CINA
13 ore
Fukushima, una decisione «che non riguarda solo il Giappone»
Le acque di raffreddamento saranno sversate in mare. Pechino non ci sta e auspica un passo indietro
FRANCIA
13 ore
Come procede l'inchiesta sulla sparatoria di Parigi
Continua la caccia alla persona che ha sparato. È sempre più probabile che sia stato un regolamento di conti
STATI UNITI
15 ore
Trombosi: gli USA mettono in pausa il vaccino Johnson & Johnson
La decisione arriva in seguito a sei casi di formazione di «coaguli di sangue», uno dei quali ha portato a un decesso
MONDO
15 ore
OMS: «Stop alla vendita di animali selvatici vivi»
«...Almeno fino a quando non siano regolati degli standard minimi di igiene e sorveglianza»
FOTO
REGNO UNITO
18 ore
La prima sera al pub dopo mesi: «È stato eccitante»
Locali affollati dopo lo stop di quasi 100 giorni a causa delle restrizioni Covid
FOTO
STATI UNITI
20 ore
La poliziotta voleva usare il Taser, ma ha preso la pistola
Le autorità del Minnesota hanno ricostruito la dinamica dell'intervento che è costato la vita a Daunte Wright.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile