Imago
Tamayo Marukawa
GIAPPONE
27.02.21 - 08:000

Niente cognome da nubile una volta sposate, lo dice la ministra delle pari opportunità

La giapponese Tamayo Marukawa è tra i firmatari di una lettera che osteggia la proposta di riforma.

Nel Paese del sol levante marito e moglie devono avere lo stesso cognome. E nel 96% dei casi è la donna a rinunciare al proprio.

TOKYO - La neoministra delle pari opportunità giapponese non ha intenzione di sostenere una riforma che, agli occhi di molti, anche in Giappone, è vista come un progresso proprio nella direzione dell'uguaglianza di genere. Insieme ad altri 50 esponenti del Partito liberale democratico ha firmato infatti una lettera che chiede ai membri della formazione conservatrice di governo di non sostenere una proposta volta a permettere alle coppie sposate di avere cognomi diversi.

Al momento, nel Paese del sol levante i coniugi devono scegliere un unico nome di famiglia. Può essere quello del marito o della moglie, ma nel 96% dei casi a vincere è la tradizione e a rinunciare al proprio cognome da nubile sono le donne. Una scelta "forzata" che può comportare «svantaggi, inconvenienti e una perdita d'identità», segnala il quotidiano nazionale The Asahi Simbun.

Dopo che, in dicembre, il Partito liberale democratico aveva convinto l'esecutivo a stralciare una proposta di riforma, ora un gruppo di parlamentari ha chiesto alla base della formazione di governo di affossare due "opinioni scritte" interne al partito che spingono proprio per introdurre la possibilità di conservare cognomi sparati al momento delle nozze. E tra i 50 firmatari anti riforma c'è anche la neoministra della pari opportunità, Tamayo Marukawa, come riferisce l'agenzia di stampa Kyodo News.

Permettere a marito e moglie di avere cognomi diversi porterebbe al collasso della società, argomentano i politici conservatori nella missiva. 

Marukawa ha preso il posto della sua predecessora il 18 febbraio scorso, dopo che quest'ultima è diventata presidente del Comitato organizzatore dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Alla testa dell'evento sportivo Seiko Hashimoto ha preso il posto di Yoshiro Mori, costretto a dimettersi per aver proferito delle frasi sessiste contro le donne.

«Sfortunatamente è diventato chiaro che il Giappone è solo a metà strada per raggiungere l'uguaglianza di genere», commentava settimana scorsa diventando ministra Marukawa. Interrogata da un deputato dell'opposizione sulla sua lettera contro la riforma dei cognomi, la 50enne si è limitata a dire: «È mio dovere premere per ulteriori discussioni in parlamento».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Galium 6 mesi fa su tio
È giusto che uomini e donne possano mantenere il cognome di nascita. Questo deve anzi essere prevalente, come avviene in Italia.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
11 ore
Dieci civili vittime del drone: il Pentagono ammette
L'episodio è avvenuto poco prima del ritiro delle truppe Usa da Kabul
Egitto
14 ore
In progetto una ferrovia lunga 1'800 chilometri per attraversare il deserto
Firmato l'accordo per la costruzione della prima tratta con la multinazionale tedesca Siemens
STATI UNITI / CINA
16 ore
ll boom del traffico intercontinentale dei falsi certificati Covid
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina
BELGIO
19 ore
Attentati di Bruxelles, Salah Abdeslam rinviato a giudizio
Sei dei 10 imputati sono alla sbarra anche per le stragi di Parigi del 2015
DANIMARCA
21 ore
Verso una nuova regolamentazione sulla caccia alle balene
Non sono mancate le risposte alle accuse sui social: «È solo che il nostro mattatoio è a cielo aperto»
RUSSIA
23 ore
I russi al voto, tra «censure», «scelte limitate» e «attacchi hacker»
Con l'esclusione dei maggiori oppositori, il partito di maggioranza - Russia Unita - punta a riconfermarsi
Stati Uniti
1 gior
In migliaia stipati sotto un ponte aspettano per attraversare il confine
Le condizioni igienico-sanitarie sono al limite, mancano acqua, cibo e una risposta concreta all'emergenza umanitaria
REP. DEMOCRATICA DEL CONGO
1 gior
Traumatizzati e dimenticati: sono gli orfani dell'Ebola
Molti faticano a ricostruirsi una vita a causa dello stigma sociale che circonda il morbo
CONFINE
1 gior
Nubifragio a Malpensa, aerei nel caos
Decine di persone intrappolate in auto. Lo scalo varesino è chiuso e i voli sono dirottati altrove
ITALIA
1 gior
Green Pass per i lavoratori, via libera all'unanimità
La misura entrerà in vigore a partire dal 15 ottobre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile