Immobili
Veicoli
Proteste e cortei repressi con la forza: «Inconcepibile e illegale»
Keystone
+10
MYANMAR
10.02.21 - 11:580
Aggiornamento : 13:29

Proteste e cortei repressi con la forza: «Inconcepibile e illegale»

La denuncia arriva dall'ONG "Human Rights Watch"

Spicca la creatività dei manifestanti: presenti gruppi di ogni tipo

RANGOON - La polizia del Myanmar dovrebbe porre immediatamente fine all'uso della forza eccessiva e letale contro le persone: è quanto chiede l'ong Human Rights Watch.

«Che la polizia spari a una manifestante è inconcepibile oltre che illegale», ha detto Richard Weir, funzionario dell'organizzazione. «La polizia - ha aggiunto - deve smettere di rispondere con le armi alle proteste e avviare immediatamente delle indagini. La giunta militare del Myanmar revochi i suoi ordini draconiani sulle proteste e ponga fine alla repressione».

Nel frattempo decine di migliaia di persone sono scese in strada - alcune con molta creatività - per il quinto giorno consecutivo in Birmania per protestare contro il colpo di Stato militare, all'indomani di un raid notturno contro la sede del partito di Aung San Suu Kyi, una azione dimostrativa del pugno duro dei generali golpisti a fronte degli appelli a ristabilire i diritti democratici.

La folla ha formato diversi cortei di primo mattino nel centro di Rangoon, la capitale economica del Paese, secondo quanto riferito da diversi testimoni, nonostante la dura repressione delle proteste di ieri, con uso di proiettili di gomma e gas lacrimogeni che hanno provocato anche diversi feriti.

Una manifestazione con diverse migliaia di persone è in corso anche a Naypyidaw, la capitale amministrativa del Paese.

In particolare, spicca la creatività con cui sono scesi in piazza molti manifestanti, mostrandosi in gruppo, in comunità, in costume e con cartelli ironici. L'idea generale è - oltre che attrarre l'attenzione pubblica anche di altri Stati - che il Colpo di Stato tocca tutti.

Keystone
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
RUSSIA / UCRAINA
6 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
8 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
11 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
13 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
16 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
22 ore
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
1 gior
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
1 gior
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
1 gior
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile