Keystone
AUSTRALIA/CINA
08.02.21 - 11:020

La Cina arresta una giornalista australiana per "spionaggio"

I rapporti tra i due paesi sono sempre più incandescenti

Un caso simile aveva coinvolto l'anno scorso anche il Regno Unito

CANBERRA/PECHINO - Cheng Lei, ex giornalista e volto popolare della Cgtn, il canale statale cinese in lingua inglese, è stata arrestata il 5 febbraio in Cina per spionaggio con l'accusa formale di «aver fornito segreti di Stato all'estero» (all'Australia, ndr).

Cheng, nata nella provincia di Hunan, ma in possesso della cittadinanza australiana dopo essere emigrata da bambina, fu presa in custodia dalla polizia cinese del dipartimento sulla sicurezza nazionale lo scorso agosto senza spiegazioni.

La svolta, riferita questa mattina dalla ministra degli esteri australiana Marise Payne, è stata confermata dal ministero degli esteri di Pechino, secondo cui il suo caso «è in fase di ulteriore elaborazione». «Speriamo che l'Australia rispetti la sovranità giudiziaria cinese e la smetta di interferire nella gestione del caso da parte della Cina in qualsiasi modo», ha affermato in conferenza stampa il portavoce Wang Wenbin.

Il caso è destinato ad infiammare ancora di più i pessimi rapporti tra Pechino e Canberra, in uno scontro a tutto campo dalla diplomazia al commercio, dai tweet ai patti di difesa.

Giornalisti o spie... - Non è il primo caso del genere. L'anno scorso tre giornalisti cinesi che «avrebbero lavorato come spie per Pechino» sono stati invitati a lasciare il Regno Unito, ha riportato sabato la Bbc.

Arrivati con visti giornalistici, i tre sono stati sospettati di essere agenti dell'intelligence cinese. Non è chiaro per quali testate lavorassero, ma la partenza sarebbe avvenuta nel più assoluto riserbo. Il ministero dell'interno britannico non ha voluto rilasciare alcun commento, con un assordante silenzio anche dall'ambasciata cinese a Londra.

La rivelazione è arrivata dopo che Ofcom, l'autorità regolatrice del Regno Unito per la comunicazione, giovedì ha revocato la licenza per operare nel paese all'emittente statale cinese CGTN con la motivazione che la società detentrice della licenza non operava un controllo quotidiano sul canale.

La decisione non sarebbe comunque collegata alla vicenda dei giornalisti, e il ministero degli esteri cinese ha affermato di essere «fermamente contrario» alla sentenza dell'Ofcom.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SUD AFRICA
8 ore
Poliziotta fa strage di parenti per intascare i soldi dell'assicurazione
A processo l'agente che tra il 2012 e il 2017 ha ingaggiato dei sicari per uccidere sei suoi parenti.
STATI UNITI
10 ore
Quanti drammi sui set di Hollywood
La morte di Halyna Hutchins è solo l'ultima tragedia consumatasi durante le riprese di un film a stelle e strisce.
POLONIA
13 ore
Alla ricerca dell'aborto illegale o all'estero
Le associazioni hanno segnalato che in Polonia da gennaio più di 30'000 donne hanno chiesto aiuto
STATI UNITI
17 ore
Baldwin interrogato, il regista «era in condizioni critiche»
L'attore si è presentato alle autorità per rispondere agli inquirenti. Nell'incidente sul set è morta una persona
AUSTRALIA
19 ore
È finito il lockdown più lungo del mondo
Gli abitanti dello Stato di Victoria da oggi possono lasciare la propria abitazione. Levato anche il coprifuoco
STATI UNITI
22 ore
I resti umani sono quelli di Brian Laundrie
Il corpo trovato ieri in una riserva naturale della Florida è quello dell'ex-fidanzato, e assassino, di Gabby Petito
STATI UNITI
23 ore
Un morto e un ferito sul set, a sparare è stato Alec Baldwin
Il dramma sarebbe legato a una pistola usata sul set che avrebbe dovuto essere caricata a salve
Corea del Sud
1 gior
Per i sudcoreani Squid Game è tutti i giorni
La serie Netflix non si discosta poi tanto dalla realtà: i sudcoreani hanno un debito pro-capite pari a 44'000 dollari
UNIONE EUROPEA
1 gior
Senza vaccino e Green pass il Covid dilaga
L'incubo della pandemia è tornato soprattutto nelle nazioni a bassa percentuale di vaccinati e con poche restrizioni.
Germania
1 gior
Volevano formare un gruppo di mercenari, arrestati due soldati tedeschi
Cercavano di assoldare 150 soldati e avevano tentato di contattare l'Arabia Saudita per avere un sostegno economico
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile