Keystone
AUSTRALIA/CINA
08.02.21 - 11:020

La Cina arresta una giornalista australiana per "spionaggio"

I rapporti tra i due paesi sono sempre più incandescenti

Un caso simile aveva coinvolto l'anno scorso anche il Regno Unito

CANBERRA/PECHINO - Cheng Lei, ex giornalista e volto popolare della Cgtn, il canale statale cinese in lingua inglese, è stata arrestata il 5 febbraio in Cina per spionaggio con l'accusa formale di «aver fornito segreti di Stato all'estero» (all'Australia, ndr).

Cheng, nata nella provincia di Hunan, ma in possesso della cittadinanza australiana dopo essere emigrata da bambina, fu presa in custodia dalla polizia cinese del dipartimento sulla sicurezza nazionale lo scorso agosto senza spiegazioni.

La svolta, riferita questa mattina dalla ministra degli esteri australiana Marise Payne, è stata confermata dal ministero degli esteri di Pechino, secondo cui il suo caso «è in fase di ulteriore elaborazione». «Speriamo che l'Australia rispetti la sovranità giudiziaria cinese e la smetta di interferire nella gestione del caso da parte della Cina in qualsiasi modo», ha affermato in conferenza stampa il portavoce Wang Wenbin.

Il caso è destinato ad infiammare ancora di più i pessimi rapporti tra Pechino e Canberra, in uno scontro a tutto campo dalla diplomazia al commercio, dai tweet ai patti di difesa.

Giornalisti o spie... - Non è il primo caso del genere. L'anno scorso tre giornalisti cinesi che «avrebbero lavorato come spie per Pechino» sono stati invitati a lasciare il Regno Unito, ha riportato sabato la Bbc.

Arrivati con visti giornalistici, i tre sono stati sospettati di essere agenti dell'intelligence cinese. Non è chiaro per quali testate lavorassero, ma la partenza sarebbe avvenuta nel più assoluto riserbo. Il ministero dell'interno britannico non ha voluto rilasciare alcun commento, con un assordante silenzio anche dall'ambasciata cinese a Londra.

La rivelazione è arrivata dopo che Ofcom, l'autorità regolatrice del Regno Unito per la comunicazione, giovedì ha revocato la licenza per operare nel paese all'emittente statale cinese CGTN con la motivazione che la società detentrice della licenza non operava un controllo quotidiano sul canale.

La decisione non sarebbe comunque collegata alla vicenda dei giornalisti, e il ministero degli esteri cinese ha affermato di essere «fermamente contrario» alla sentenza dell'Ofcom.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
2 ore
Annunciato il lockdown per i non vaccinati
«Il Paese deve unirsi in un atto di solidarietà»: così Angela Merkel e Olaf Scholz in conferenza stampa
REGNO UNITO
6 ore
Un richiamo annuale, «per molti anni a venire»
Senza i vaccini la «struttura fondamentale della nostra società sarebbe minacciata», ha affermato Albert Bourla
VIDEO
STATI UNITI
8 ore
Alec Baldwin dice di «non aver premuto il grilletto»
Prima intervista in tv per l'attore dopo la tragedia di "Rust". Come è finito il proiettile sul set? «Non ne ho idea»
MONDO
11 ore
Chi arriva dall'estero ripudia vivere a Roma
Chi se ne va dal proprio Paese si trova alla grande a Kuala Lumpur, Malaga e a Dubai, malissimo invece a Roma
STATI UNITI
21 ore
Omicron sbarca negli Usa
Un primo caso registrato in California mette in allarme le autorità sanitarie. E anche la Borsa
STATI UNITI
23 ore
Astroworld: metà delle famiglie delle vittime rifiuta l'offerta di Travis Scott
Il rapper si era offerto di pagare le spese per i funerali dei giovani che hanno perso la vita durante il suo concerto
STATI UNITI
1 gior
Donald Trump positivo al Covid già prima del dibattito con Joe Biden?
È la tesi dell'ex-capo del personale della Casa Bianca che ne parla nel suo libro, per il magnate però sono «fake news»
FOTO
GERMANIA
1 gior
Un ordigno bellico è esploso a Monaco
Il bilancio è di quattro feriti, uno dei quali sarebbe in gravi condizioni. Il traffico ferroviario è stato bloccato
STATI UNITI
1 gior
Alice Sebold ha chiesto scusa all'uomo assolto dal suo stupro (40 anni dopo)
Il nome di Anthony Broadwater è finalmente pulito: non è più nel registro degli autori di reati sessuali
STATI UNITI
1 gior
«Il peggior incubo di ogni genitore»
È salito a tre morti e otto feriti il bilancio della sparatoria nel liceo di Oxford. Il racconto di un testimone
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile