Keystone
ITALIA
03.02.21 - 13:250

Abusi nella Chiesa cattolica: le vittime sono anche suore

Parla del tema un'inchiesta del mensile Jesus: «La religiosa abusata viene trasferita, il prete resta al suo posto».

Gli aguzzini, però, non sono solo sacerdoti. Tra i molestatori figurano anche laici e altre suore.

ROMA - Non sono solo i bambini a essere vittime di violenza nella Chiesa cattolica. Ci sono anche suore tra coloro che subiscono abusi, siano essi di autorità, spirituali e sessuali. I molestatori sono preti, laici e anche consorelle che detengono più potere. Le vittime faticano a denunciare perché può succedere che chi parla venga messa alla porta o non sia creduto.

Nel suo numero di febbraio (disponibile in Italia nelle edicole, nelle parrocchie e nelle librerie religiose da domani), il mensile Jesus dedica un'inchiesta della giornalista Vittoria Prisciandaro a questo fenomeno poco conosciuto.

In una stradina nella zona nord di Roma c'è una casa voluta da papa Francesco che ospita donne che sono uscite dagli istituti religiosi. Insomma, ex suore. Hanno dai 30 ai 55 anni e sono arrivate in Italia per lo più dall'Africa e dall'Asia. I motivi per cui hanno lasciato l'abito religioso sono i più diversi. Alcune sono state invitate a farlo, altre hanno capito che non era la loro strada.

Alcune sono state vittime di razzismo quando erano nei loro conventi, relegate a lavori umili, altre hanno subìto veri e propri abusi. Tutte hanno bisogno di curare le loro ferite nella massima discrezione.

Quando si parla di abuso, le religiose rischiano di essere vittime di serie B: sono infatti tra le categorie che con più fatica trovano sostegno e accoglienza. In famiglia, nella comunità religiosa, nella Chiesa.

«La religiosa abusata viene trasferita, accusata di aver sedotto il prete, e il prete resta al suo posto, continuando indisturbato», spiega padre Giovanni Cucci, psicologo e terapeuta.

«Se poi l'abuso viene da una donna, questa forma di colpevolizzazione si fa ancora più forte, come mi raccontava una religiosa che da novizia è stata abusata dalla maestra, la quale nel frattempo è diventata madre generale. A chi può rivolgersi per avere giustizia? Purtroppo molte vittime, soprattutto nel caso di abuso dei preti, hanno potuto ottenere giustizia solo davanti a un tribunale».

«Il primo ad ammettere che il problema esiste ed è grave è stato papa Francesco, rispondendo a una giornalista dell'agenzia Associated Press, Nicole Winfield, il 5 febbraio 2019», spiega Karlijn Demasure, teologa, che dirige il Centro per la protezione dei minori e persone vulnerabili della Saint Paul University a Ottawa.

L'anno prima la UISG, l'Unione internazionale delle superiori generali, costituita da duemila leader delle congregazioni religiose femminili di tutto il mondo in rappresentanza di oltre 500mila suore, aveva espresso dolore e indignazione per le violenze nella Chiesa e aveva pubblicato un appello in cui esortava le religiose vittime di abusi a uscire dal silenzio e a denunciare le violenze. Un atto che ha contribuito a smuovere le acque stagnanti.

La prevenzione, secondo Demasure, richiede prima di tutto che le religiose abbiano una buona formazione, per non essere sedotte e confuse da una falsa teologia sul celibato che sta guadagnando terreno in alcuni ambienti: «I preti abusatori, infatti, spesso dicono che la scelta del celibato equivale a 'non essere sposati'». Il problema di fondo «è che bisogna intervenire con i preti».

Inoltre, perché non pensare anche per le religiose a uno strumento di aiuto simile a quello istituito per i minori dalla Pontificia università Gregoriana, il Centre for Child Protection, dove partendo da ricerche sul campo vengono offerti corsi e seminari su come riconoscere l'abuso e fronteggiarlo?
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
38 min
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
2 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
5 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
7 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
8 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
10 ore
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
10 ore
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
AUSTRIA
22 ore
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
VIDEO
Stati Uniti
22 ore
Uomo armato davanti alla sede delle Nazioni Unite. Minaccia di suicidarsi
Il Palazzo di vetro è stato blindato. La polizia è sul posto. Accorsi anche gli artificieri: c'è una borsa sospetta
GERMANIA
1 gior
Annunciato il lockdown per i non vaccinati
«Il Paese deve unirsi in un atto di solidarietà»: così Angela Merkel e Olaf Scholz in conferenza stampa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile