Keystone
ITALIA
03.02.21 - 13:250

Abusi nella Chiesa cattolica: le vittime sono anche suore

Parla del tema un'inchiesta del mensile Jesus: «La religiosa abusata viene trasferita, il prete resta al suo posto».

Gli aguzzini, però, non sono solo sacerdoti. Tra i molestatori figurano anche laici e altre suore.

ROMA - Non sono solo i bambini a essere vittime di violenza nella Chiesa cattolica. Ci sono anche suore tra coloro che subiscono abusi, siano essi di autorità, spirituali e sessuali. I molestatori sono preti, laici e anche consorelle che detengono più potere. Le vittime faticano a denunciare perché può succedere che chi parla venga messa alla porta o non sia creduto.

Nel suo numero di febbraio (disponibile in Italia nelle edicole, nelle parrocchie e nelle librerie religiose da domani), il mensile Jesus dedica un'inchiesta della giornalista Vittoria Prisciandaro a questo fenomeno poco conosciuto.

In una stradina nella zona nord di Roma c'è una casa voluta da papa Francesco che ospita donne che sono uscite dagli istituti religiosi. Insomma, ex suore. Hanno dai 30 ai 55 anni e sono arrivate in Italia per lo più dall'Africa e dall'Asia. I motivi per cui hanno lasciato l'abito religioso sono i più diversi. Alcune sono state invitate a farlo, altre hanno capito che non era la loro strada.

Alcune sono state vittime di razzismo quando erano nei loro conventi, relegate a lavori umili, altre hanno subìto veri e propri abusi. Tutte hanno bisogno di curare le loro ferite nella massima discrezione.

Quando si parla di abuso, le religiose rischiano di essere vittime di serie B: sono infatti tra le categorie che con più fatica trovano sostegno e accoglienza. In famiglia, nella comunità religiosa, nella Chiesa.

«La religiosa abusata viene trasferita, accusata di aver sedotto il prete, e il prete resta al suo posto, continuando indisturbato», spiega padre Giovanni Cucci, psicologo e terapeuta.

«Se poi l'abuso viene da una donna, questa forma di colpevolizzazione si fa ancora più forte, come mi raccontava una religiosa che da novizia è stata abusata dalla maestra, la quale nel frattempo è diventata madre generale. A chi può rivolgersi per avere giustizia? Purtroppo molte vittime, soprattutto nel caso di abuso dei preti, hanno potuto ottenere giustizia solo davanti a un tribunale».

«Il primo ad ammettere che il problema esiste ed è grave è stato papa Francesco, rispondendo a una giornalista dell'agenzia Associated Press, Nicole Winfield, il 5 febbraio 2019», spiega Karlijn Demasure, teologa, che dirige il Centro per la protezione dei minori e persone vulnerabili della Saint Paul University a Ottawa.

L'anno prima la UISG, l'Unione internazionale delle superiori generali, costituita da duemila leader delle congregazioni religiose femminili di tutto il mondo in rappresentanza di oltre 500mila suore, aveva espresso dolore e indignazione per le violenze nella Chiesa e aveva pubblicato un appello in cui esortava le religiose vittime di abusi a uscire dal silenzio e a denunciare le violenze. Un atto che ha contribuito a smuovere le acque stagnanti.

La prevenzione, secondo Demasure, richiede prima di tutto che le religiose abbiano una buona formazione, per non essere sedotte e confuse da una falsa teologia sul celibato che sta guadagnando terreno in alcuni ambienti: «I preti abusatori, infatti, spesso dicono che la scelta del celibato equivale a 'non essere sposati'». Il problema di fondo «è che bisogna intervenire con i preti».

Inoltre, perché non pensare anche per le religiose a uno strumento di aiuto simile a quello istituito per i minori dalla Pontificia università Gregoriana, il Centre for Child Protection, dove partendo da ricerche sul campo vengono offerti corsi e seminari su come riconoscere l'abuso e fronteggiarlo?
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTOGALLERY
REGNO UNITO
1 ora
Filippo, i parenti al castello di Windsor. Harry riuscirà a essere presente?
Fra i primi a incontrare la madre e a rendere l'ultimo saluto al corpo del padre è stato visto il principe Edoardo.
REGNO UNITO
3 ore
La commozione di Carlo: «Per mamma è stato una roccia»
L'eterno erede al trono ha sottolineato l'importanza che ha avuto il Principe Filippo per la Regina.
STATI UNITI
8 ore
«È caduta dal crepaccio», ma non era vero
Per evitare una condanna, una 44enne e il marito hanno simulato la scomparsa della donna
REGNO UNITO
8 ore
Elisabetta non avrebbe intenzione di abdicare
Secondo vari osservatori la sovrana resterà fedele alla sua promessa: «È un lavoro per la vita»
ITALIA
17 ore
La Lombardia torna in zona arancione
La Cabina di Regia ha aggiornato oggi gli indici alla base dei colori delle regioni.
REGNO UNITO
20 ore
Poche dosi ai Paesi poveri, Greta: «Non vado alla Cop26»
La decisione dell'attivista ambientale potrebbe essere un duro colpo per la conferenza dell'Onu sul clima
NORVEGIA
20 ore
Trovato morto nel suo appartamento, dopo nove anni
Il corpo dell'uomo è rimasto in casa nove anni prima di essere trovato
REGNO UNITO
20 ore
Funerali di Filippo, riunione straordinaria dei ministri
Harry potrebbe osservare una quarantena di almeno cinque giorni, se rientrerà dagli Usa per la cerimonia
FOTO
REGNO UNITO
23 ore
Niente funerale di Stato per Filippo
Alla popolazione è stato chiesto di non lasciare omaggi floreali fuori da Buckingham Palace e dal castello di Windsor.
CARAIBI
1 gior
Saint Vincent: potente eruzione del vulcano La Soufrière
Le autorità hanno avvertito nuovamente i residenti a lasciare l'area circostante
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile