Keystone
STATI UNITI
27.01.21 - 14:510

Le donne nell'esercito potranno portare la coda di cavallo e utilizzare lo smalto

Queste e altre modifiche sono state introdotte per «offrire un trattamento equo» a tutti i soldati.

Alle soldatesse sarà anche permesso di tingersi i capelli, a patto che il risultato sia uniforme. Vietati però alcuni colori.

WASHINGTON - L'esercito degli Stati Uniti ha modificato le linee guida riguardanti l'abbigliamento, soprattutto per le donne. Queste misure mirano a sostenere la diversità, l'equità e l'inclusione all'interno dell'esercito. 

In particolare alle donne sarà consentito l'utilizzo del rossetto, dello smalto per le unghie e potranno indossare gli orecchini (non però quando si trovano sul campo, durante un combattimento o in luoghi in cui l'accesso alla normale igiene non è disponibile).

Per quanto riguarda gli uomini invece, sono autorizzati ad utilizzare uno smalto trasparente. 

I cambiamenti riguardano anche le acconciature: le donne non devono rispettare una lunghezza minima dei capelli, e potranno sfoggiare, se lo desiderano, altri tipi di acconciature (non più solo lo chignon), anche contemporaneamente. Tra le acconciature sono incluse: trecce, locs e twists. 
Le donne potranno inoltre utilizzare la coda di cavallo, se non riescono a formare uno chignon. La coda potrà anche essere utilizzata durante gli allenamenti fisici, con le uniformi da combattimento e anche quando indossano l'elmetto. 

Non solo: alle donne sarà anche permesso tingersi i capelli, anche con i colpi di sole, a patto che il risultato sia «uniforme». 

Tuttavia alcuni colori sono vietati, come il viola, il blu, il rosa, il verde, l'arancione, il rosso acceso, e i colori fluorescenti e neon. 

Tra le altre modifiche figura anche una migliorata condizione per le donne che allattano in uniforme (potranno indossare una canottiera aggiuntiva). 

«L'esercito deve continuare a mettere le persone al primo posto, promuovendo un clima di fiducia che accetti le esperienze e il background di ogni soldato e civile», ha affermato il tenente generale Gary Brito, vice capo di stato maggiore per il personale. «La nostra forza lavoro diversificata è un vantaggio competitivo e l'esercito deve continuare a offrire un trattamento equo a tutta la forza».

«Sappiamo che le azioni parlano più delle parole quando si tratta di inclusività ed equità all'interno dei nostri ranghi e crediamo che i cambiamenti che abbiamo annunciato siano un esempio di politiche che mettono le persone al primo posto».

La revisione entrerà in vigore il 24 febbraio. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
18 min
Critica Trump: rimossa la presidente dei Repubblicani al Congresso
Lei dopo il voto: «Mi assicurerò che l'ex presidente non possa nemmeno più avvicinarsi allo Studio Ovale».
ITALIA
3 ore
Ergastolo per i boss stragisti, ecco perché «è incostituzionale»
La Consulta ha depositato l'ordinanza con cui ha affermato l'incompatibilità della misura ideata da Giovanni Falcone
MONDO
4 ore
«La pandemia poteva essere evitata»
Lo si legge in un rapporto che analizza la risposta iniziale al contagio.
STATI UNITI
5 ore
Elon Musk: la sregolata vita di un genio eccentrico
Dal dottorato lampo alle gaffe, ai mille progetti, ritratto di un imprenditore tanto ammirato quanto criticato.
ISRAELE
9 ore
«Stiamo andando verso una guerra su vasta scala»
Continuano gli scontri tra Israele e il movimento palestinese Hamas. Fuoco su Gaza, Tel Aviv e Beersheba.
STATI UNITI
10 ore
Strage di Atlanta, l'accusa vuole la pena di morte
La procuratrice distrettuale, Fani Willis, intende perseguire Robert Aaron Long anche per crimini d'odio
CITTÀ DEL VATICANO
10 ore
«Qualcuno ha sparato al Papa». I retroscena quarant'anni dopo
Il 13 maggio 1981 il tiratore scelto Ali Agca colpiva con due proiettili il pontefice Giovanni Paolo II
FOTO
REGNO UNITO
16 ore
Arresti alla manifestazione contro il brevetto del vaccino AstraZeneca
L'azienda si difende: «Siamo orgogliosi che il nostro vaccino rappresenti il ​​98% di tutte le forniture a Covax»
GERMANIA
19 ore
Centri vaccinali tedeschi alle prese con quanti saltano la "fila": «Sono sempre più aggressivi»
Danno informazioni false per rientrare in un gruppo prioritario: «Purtroppo continua a non essere un'infrazione».
BIRMANIA
21 ore
100 giorni dopo, la «brutale repressione» non si ferma
L'ONU ha oggi nuovamente denunciato «la violenza persistente» in corso nel paese
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile