MC/DM
STATI UNITI
18.01.21 - 06:300

Sulla metropolitana deserta per il Covid è boom di aggressioni e violenze

A New York stazioni e vagoni vuoti sono diventate un incentivo per i criminali. Chi ci viaggia: «Prima non era così»

di Redazione
Manuela Cavalieri e Donatella Mulvoni

NEW YORK - Sembrano immagini di un'altra epoca storica quelle della metropolitana di New York affollate ogni giorno da milioni di residenti e turisti che per necessità o piacere la utilizzavano per spostarsi da un punto all’altro della città, a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Si conta che a quasi un anno dall’arrivo della pandemia, il traffico sui treni sia ancora fermo al 30% del periodo pre-covid. Molte persone lavorano da casa, altri hanno lasciato la città, o preferiscono muoversi in altri modi per paura del contagio.

Purtroppo però i numeri dicono che il virus non è l’unico fattore di paura per chi ancora utilizza la metropolitana. Secondo i dati rilasciati dal dipartimento di polizia della città, da quando è iniziata la pandemia sono aumentati furti, aggressioni e omicidi.

Come spiega anche il New York Times, non siamo ancora neanche minimamente ai livelli degli anni 70-80, ma comunque i pendolari della MTA non viaggiano più con la serenità di un tempo: «Ho 27 anni e non ho mai avuto problemi a prendere la metro da sola anche alle tre del mattino», ci racconta Stacey, «ora invece quando aspetto sulla banchina, guardo costantemente a destra e a sinistra e ho sempre paura di ritrovarmi in vagoni vuoti, magari solo con una persona. Penso sempre che se accadesse qualcosa, non ci sarebbe nessuno a difendermi». E poi, continua «non avevo mai visto così tanti senzatetto o persone disagiate che sbraitano e urlano per tutto il viaggio».

Come da più parti ipotizzato, la bassissima affluenza di persone, potrebbe rappresentare un incentivo per i delinquenti che vedrebbero nei treni posti in cui agire senza la presenza di testimoni.

Le statistiche dicono che a essere aggrediti sono anche i dipendenti della MTA: «Ci sono stati dei casi, è vero; però io mi sento di dire che è ancora sicuro viaggiare», racconta Atla che sulle metropolitane ci lavora, «non abbiamo paura, anche se vedere le stazioni spesso vuote, con una o due persone sulla banchina, crea una certa apprensione».

C’è però anche chi esprime ottimismo per i tempi che verranno: «A maggio e giugno, nel pieno pandemia, c’era molta desolazione», ricorda Michele, un cagliaritano che vive a New York da quasi 20 anni, «si sentivano più spesso notizie di crimini in metro. Ora invece la gente riprende a viaggiare, ci sono meno senzatetto e sicuramente, chiudendo all’una del mattino, l’agenzia dei trasporti riesce a trovare tempo e risorse per consegnare la metro pulita e igienizzata ai pendolari la mattina».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE
MONDO
LIVE
In Italia è pronta una base per il vaccino per la Omicron
Intato l'Oms parla di «potenziale elevato di diffusione» della variante
STATI UNITI
4 ore
Minorenni reclutate per Epstein? Ghislaine Maxwell a processo
La 59enne ex compagna di Epstein si è dichiarata non colpevole di tutti i capi d'accusa
FRANCIA
17 ore
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
20 ore
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
ITALIA
1 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
2 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
2 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
2 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
2 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile