Reuters
STATI UNITI
16.01.21 - 17:310

Il boia uccide ancora, ma è l'ultima esecuzione dell'era Trump

Molti membri del Congresso hanno lanciato un appello a Biden per porre fine alla pena capitale

WASHINGTON - Tredici detenuti giustiziati in sei mesi, da quando Donald Trump ha deciso di ripristinare la pena di morte federale dopo una moratoria durata 17 anni. L'ultima vittima del boia è Dustin Higgs, finito la notte scorsa con un'iniezione letale nella camera della morte del penitenziario di Terre Haute, in Indiana.

Tutto ciò a quattro giorni dal giuramento del nuovo presidente degli Stati Uniti. Quel Joe Biden a cui una parte del Congresso ha lanciato un accorato appello per porre immediatamente fine alla morte di stato, condannando «il disprezzo per la vita umana» mostrato da Trump.

Fino all'ultimo si è sperato in uno stop dell'esecuzione, ma dalla Corte Suprema è arrivato il via libera, come era accaduto il giorno prima per un altro afroamericano, Corey Johnson.

Così Higgs, condannato a morte nel 1996 per il rapimento e l'uccisione di tre donne nel 1996 in Maryland, è stato dichiarato morto all'una e 23 minuti della notte tra venerdì e sabato.

Nel corso degli anni passati in isolamento si era pentito, pur negando di essere stato lui a uccidere le tre donne, ma i suoi complici. Era inoltre considerato un detenuto modello, ma anche questo non è bastato a salvargli la vita.

Le associazioni per la difesa dei diritti civili e per la lotta alla pena di morte parlano di crudeltà, e ricordano come mercoledì scorso è stata anche giustiziata Lisa Montgomery, la prima donna ad essere messa al patibolo federale negli Usa in 70 anni.

Eppure è da 37 anni che il numero delle iniezioni letali in America non era così basso, dato che getta ancor più ombre sulla mossa in controtendenza dell'amministrazione Trump.

Il calo delle esecuzioni è legato in parte all'emergenza Covid, ma è altrettanto vero che già prima della pandemia il 2020 si avviava ad essere il sesto anno consecutivo a registrare una diminuzione dell'attività del boia. Con un numero sempre maggiore di americani contrari alla pena capitale: il 43%, secondo l'ultimo sondaggio Gallup che risale allo scorso ottobre.
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
2 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
4 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
7 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
9 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
10 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
11 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
13 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
15 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
19 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
1 gior
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile