Reuters
STATI UNITI
16.01.21 - 17:310

Il boia uccide ancora, ma è l'ultima esecuzione dell'era Trump

Molti membri del Congresso hanno lanciato un appello a Biden per porre fine alla pena capitale

WASHINGTON - Tredici detenuti giustiziati in sei mesi, da quando Donald Trump ha deciso di ripristinare la pena di morte federale dopo una moratoria durata 17 anni. L'ultima vittima del boia è Dustin Higgs, finito la notte scorsa con un'iniezione letale nella camera della morte del penitenziario di Terre Haute, in Indiana.

Tutto ciò a quattro giorni dal giuramento del nuovo presidente degli Stati Uniti. Quel Joe Biden a cui una parte del Congresso ha lanciato un accorato appello per porre immediatamente fine alla morte di stato, condannando «il disprezzo per la vita umana» mostrato da Trump.

Fino all'ultimo si è sperato in uno stop dell'esecuzione, ma dalla Corte Suprema è arrivato il via libera, come era accaduto il giorno prima per un altro afroamericano, Corey Johnson.

Così Higgs, condannato a morte nel 1996 per il rapimento e l'uccisione di tre donne nel 1996 in Maryland, è stato dichiarato morto all'una e 23 minuti della notte tra venerdì e sabato.

Nel corso degli anni passati in isolamento si era pentito, pur negando di essere stato lui a uccidere le tre donne, ma i suoi complici. Era inoltre considerato un detenuto modello, ma anche questo non è bastato a salvargli la vita.

Le associazioni per la difesa dei diritti civili e per la lotta alla pena di morte parlano di crudeltà, e ricordano come mercoledì scorso è stata anche giustiziata Lisa Montgomery, la prima donna ad essere messa al patibolo federale negli Usa in 70 anni.

Eppure è da 37 anni che il numero delle iniezioni letali in America non era così basso, dato che getta ancor più ombre sulla mossa in controtendenza dell'amministrazione Trump.

Il calo delle esecuzioni è legato in parte all'emergenza Covid, ma è altrettanto vero che già prima della pandemia il 2020 si avviava ad essere il sesto anno consecutivo a registrare una diminuzione dell'attività del boia. Con un numero sempre maggiore di americani contrari alla pena capitale: il 43%, secondo l'ultimo sondaggio Gallup che risale allo scorso ottobre.
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
3 ore
La Regina scende in campo per il vaccino
In un messaggio pubblico la sovrana chiede di «pensare prima agli altri»
BRASILE / FINLANDIA
4 ore
Gli abiti del futuro saranno prodotti a partire dal legno?
Una fibra vegetale, frutto della partnership tra un colosso brasiliano e una start-up finlandese, arriverà nel 2022.
UNIONE EUROPEA
5 ore
Merkel: «Tutti d'accordo sui passaporti vaccinali nell'Ue»
«Ci aspettiamo che siano pronti per l'estate», ha anche spiegato incontrando i media a Berlino
MONDO
6 ore
Un nuovo strumento per combattere il Sars-CoV-2
Global.health è un database con milioni di dati che potrebbe facilitare la vita degli epidemiologi
CONFINE
7 ore
Oltre confine le cose non promettono bene
In Lombardia boom di contagi: quattro volte quelli registrati in Svizzera in 24 ore. Si parla già di «terza ondata»
COSMO
8 ore
Ecco Marte a 360° e in alta definizione... e i messaggi nascosti
È stata pubblicata una prima immagine panoramica del Pianeta rosso in alta definizione
COREA DEL SUD
10 ore
Fiamme dalla batteria, Hyundai richiama 82'000 veicoli elettrici
Si tratta di un investimento dal costo totale di 900 milioni di dollari
STATI UNITI / GERMANIA
10 ore
Pfizer/BioNTech pensano a una terza dose contro le varianti
Le due aziende stanno inoltre preparando una versione del siero che sia efficace contro la variante "sudafricana"
GERMANIA
13 ore
Coronavirus: a Düsseldorf ora è vietato... fermarsi
Da oggi, in centro città è obbligatorio essere sempre in movimento. L'obiettivo: evitare capannelli.
NUOVA ZELANDA
15 ore
Caduto in acqua, sopravvive 14 ore nell'Oceano Pacifico
Un punto nero all'orizzonte, rivelatosi essere una boa, ha salvato la vita dell'uomo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile