keystone-sda.ch / STR (Emrah Gurel)
L'Europa deve mostrare più solidarietà sui vaccini, chiede l'Oms.
MONDO
14.01.21 - 16:140
Aggiornamento : 16:53

«Il 2021 sarà un altro anno di coronavirus, ma più prevedibile»

È necessario che «tutti i Paesi in grado di contribuire a un accesso equo ai vaccini lo facciano», secondo Hans Kluge.

Nel contempo c'è ancora allarme sulle varianti del virus in circolazione.

GINEVRA - L'Europa deve mostrare più solidarietà sui vaccini, in un momento in cui il 95% delle dosi è stato utilizzato in soli dieci Paesi. L'appello è stato lanciato dalla direzione regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

È necessario che «tutti i Paesi in grado di contribuire a un accesso equo ai vaccini lo facciano», ha detto il direttore europeo dell'Oms Hans Kluge, sottolineando gli «enormi» sforzi compiuti dall'organizzazione per garantire che ogni Paese possa ottenere i vaccini. Kluge non ha nominato i dieci Paesi, ma secondo il sito Our World in Data si tratta di Usa, Cina, Regno Unito, Israele, Emirati Arabi Uniti, Italia, Russia, Germania, Spagna e Canada.

Le varianti destano allarme - Kluge ha poi ribadito che, nonostante l'inizio delle campagne di vaccinazione anti-Covid-19, la velocità di trasmissione osservata in alcuni Paesi - in particolare a causa di nuove varianti più contagiose, come le cosiddette inglese e sudafricana - è «allarmante». 

Venticinque paesi della zona Europa, compresa la Russia, hanno registrato casi legati a questo nuovo ceppo "VOC 202012/01", ha spiegato Kluge, parlando della "variante inglese". «Con una maggiore trasmissibilità e una simile gravità della malattia, la variante sta destando preoccupazione: senza un maggiore controllo per rallentare la sua diffusione, ci sarà un maggiore impatto sulle strutture sanitarie già sotto stress e sotto pressione», ha avvertito.

Allo stesso tempo Kluge ha sottolineato che è importante rimanere ottimisti: «Il 2021 sarà un altro anno di coronavirus, ma sarà un anno più prevedibile, la situazione sarà più facile da controllare», ha spiegato, ricordando che 31 paesi su 53 in Europa hanno iniziato le vaccinazioni e a febbraio inizieranno anche tra i paesi svantaggiati che beneficiano del meccanismo Covax promosso dall'Oms.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
4 ore
Salva la bimba di 2 anni trovata vicino ai genitori morti
Sono stati gli abitanti della zona a chiamare la polizia, allertati dall'auto in fiamme.
ITALIA
7 ore
La Delta in Lombardia: «Zero decessi tra i vaccinati»
Il coordinatore della campagna vaccinale Bertolaso: «È il punto su cui bisogna insistere. Il vaccino è fondamentale»
GERMANIA
8 ore
Test negativo obbligatorio (da domenica) per entrare in Germania
L'entrata sarà consentita anche a chi può dimostrare di essere vaccinato completamente o di essere guarito dal Covid
MONDO
13 ore
Anche la migliore di sempre può crollare
Invincibile ma fragile. Il caso di Simone Biles ha riportato i riflettori sul problema della salute mentale nello sport
GRECIA
15 ore
Polizia nelle isole greche per aumentare i controlli
Non è esclusa l'applicazione, nuovamente, del coprifuoco in alcune isole
STATI UNITI
18 ore
L'allarme: «Variante Delta causa un'infezione più grave»
Lo rivela uno studio redatto dai CDC, la massima autorità sanitaria federale statunitense.
STATI UNITI
19 ore
Quelli che si vaccinano di nascosto da amici e parenti
Lo fanno per evitare la pressione e il biasimo, specialmente in quelle aree dove la campagna incontra forti resistenze
STATI UNITI
1 gior
Biden: «Cento dollari a tutti i nuovi vaccinati»
Una misura simile è stata già adottata dalla città di New York.
EGITTO
1 gior
Patrick Zaki dal carcere: «Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna»
L'attivista ha consegnato alla famiglia una lettera per la sua ragazza: «Non posso prometterti che uscirò presto».
ITALIA
1 gior
Aumentano casi, ricoveri e decessi: «Di fatto siamo nella quarta ondata»
Il monitoraggio della Fondazione Gimbe parla chiaro, ma i numeri non sono ancora allarmanti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile