Reuters
ITALIA
13.01.21 - 07:540
Aggiornamento : 08:10

Scontro totale in Cdm: la crisi di Governo è dietro l'angolo

Ok al Recovery Plan, ma con l'astensione delle ministre di Italia Viva

Durante il pomeriggio è prevista una conferenza stampa che potrebbe certificare l'addio di Iv al governo

Fonte M.Esposito, S. Mattera / ats ans
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

ROMA - Il Recovery Plan italiano c'è, ma il secondo governo di Giuseppe Conte, fra una manciata d'ore, potrebbe non esserci più. Il Consiglio dei ministri notturno sul Piano di ripresa e resilienza certifica lo scontro totale tra il premier e Matteo Renzi (italia Viva, Iv).

«Se non ci sarà il Mes (Meccanismo europeo di stabilità) le ministre di Iv si asterranno», annuncia l'ex premier in televisione. E il piano passa infatti con l'astensione delle ministre Teresa Bellanova ed Elena Bonetti. La conferenza stampa convocata da Renzi nel pomeriggio alla Camera potrebbe certificare l'addio di Iv al governo. «Decidiamo in mattinata e poi lo comunicheremo alla stampa», annuncia il senatore.

I margini di trattativa, dopo il Consiglio dei ministri (Cdm), si assottigliano ulteriormente. Se ieri nel pomeriggio fonti di maggioranza evocavano ancora la possibilità di un vertice tra i leader per una ricucitura e, prima di entrare a Palazzo Chigi (residenza del presidente del Consiglio dei ministri), il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora vedeva ancora le «condizioni per gesti di responsabilità», alla fine della riunione l'impressione è che non restino molti margini per ricompattare la maggioranza. Tanto che continuano a circolare voci e conteggi sui possibili «responsabili» pronti a prendere il posto di Iv al Senato: si accredita l'uscita di quattro senatori dal gruppo di Renzi e ben otto da Forza Italia.

È sul Mes intanto che si consuma l'ultimo scontro tra Iv, Conte e gli altri partiti alleati. Le ministre "renziane" definiscono «incomprensibile» la rinuncia al fondo salva-Stati, lamentano ritardi sulle urgenze del Paese e sui nuovi ristori. «Il Mes non è compreso nel Next Generation (fondo di recupero di 813 miliardi di franchi del Consiglio europeo), non è questa la sede per discutere il punto», è la replica di Conte, che invita a «non speculare sul numero dei decessi in Italia per invocare l'attivazione del Mes», con «un accostamento che offende la ragione e anche l'etica».

Subito dopo è il ministro dell'economia e delle finanze Roberto Gualtieri a intervenire. Il Mes non ha «nulla a che vedere con il programma Next Generation» dell'Ue e anche se si decidesse di attivarlo, «non avremmo a disposizione risorse per investimenti aggiuntivi», spiega il ministro.

«Il Mes non c'entra, non c'è ragione per astenersi», è il concetto che sottolineano a loro volta il ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia e quello per gli affari europei Enzo Amendola. Mentre il ministro della salute, Roberto Speranza, ricorda quanto fatto per contrastare la pandemia, anche in termini di risorse. Il confronto viene descritto assai teso, lo strappo di Iv non rientra e le ministre si astengono. Ma a Cdm terminato, Gualtieri esulta: «È stato un gran lavoro, più importante d'ogni polemica. Ora via al confronto in parlamento e nella società».

Fra poche ore, però, potrebbe essere la crisi di governo a dominare nella politica italiana. Non a caso Conte decide di correre e convoca un doppio Cdm, uno in serata sul nuovo dl anti-Covid-19 (con lo stato di emergenza che potrebbe essere prorogato al 30 aprile), l'altro giovedì sul nuovo scostamento per i ristori di gennaio. Tentando così di mettere in cassaforte i provvedimenti più cruciali per il Paese in questo momento.

Poi, se le ministre di Iv si dimetteranno, per il premier si potrebbe davvero aprire la strada della conta e del sostegno dei responsabili. «Sarà un governo Conte-Mastella e noi saremo all'opposizione o un esecutivo diverso», attacca Renzi. Clemente Mastella, ex esponente della Democrazia cristiana, è stato fondatore di diversi partiti di ispirazione centrista.

«Ci sono delle forze che vogliono contribuire nel segno di un rapporto con l'Europa e penso che al momento opportuno queste forze possano palesarsi», è la previsione ribadita da Goffredo Bettini (Partito democratico), gran tessitore di questi giorni di pre crisi. Mentre al premier, e al suo argine a un Conte-ter se Iv si sfilasse nelle prossime ore, una sponda arriva da Romano Prodi (già premier, del Partito democratico). «Conte ha fatto bene. A me sembra che Renzi abbia assolutamente lo stesso obiettivo di (Fausto) Bertinotti (nel primo governo di Prodi), cioè rompere», spiega Prodi. E il dado della crisi, ormai, sembra davvero tratto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nikko 1 mese fa su tio
Renzi assolutamente irresponsabile di fronte agli enormi problemi del popolo italiano... Approfitta delle difficoltà tipo pandemia per ricattare il governo al solo scopo di poter avere maggior “peso politico”... Ma se dovessero esserci nuove elezioni rischierebbe di avere un partito vicino allo zero virgola percento... Dovrebbe cambiare il nome del partito: Italia Morta.
Thomseb 1 mese fa su tio
M x m meglio Conte
ctu67 1 mese fa su tio
ooohhh finalmente...ecco la vera polita che ritorna....una bella crisi di governo ci vuole ogni 3 mesi !!!
ctu67 1 mese fa su tio
@ctu67 opps politica
Thomseb 1 mese fa su tio
Come al solito Renzi pagliaccio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
24 min
Quasi 2'000 miliardi per l'economia USA, l'ok della Camera
La Camera ha approvato il pacchetto, ma di misura: 219 voti a favore, 212 contrari
STATI UNITI
1 ora
«Sono saltati dal ponte, per salvarsi»
Ghiaccio e bassa visibilità hanno portato il caos sull'Interstatale 90
FOTO
SPAGNA
2 ore
A Barcellona ancora scontri per il rapper in carcere
Le proteste sono iniziate a metà febbraio. Sinora sono finite in manette 110 persone
STATI UNITI
13 ore
Perché è importante che Robinhood stia pensando alla quotazione in borsa
L'app che nel 2020 ha sconvolto Wall Street potrebbe valere più di 30 miliardi, ma non è finita lì
FOTO
ITALIA
13 ore
Un nuovo tesoro a Pompei, e dalla terra sbuca un carro splendido
Si tratta di un cocchio da parata con decorazioni incredibili e che è salvo per un soffio
FOTO
ITALIA
14 ore
Nell'ultimo sabato in giallo, sui Navigli di Milano scatta il rave
Grande movimento, ma anche tanti controlli, nell'ultimo fine settimana prima che la Lombardia torni arancione
FOTO
BIRMANIA
15 ore
Manifestante uccisa da un colpo esploso dalla polizia birmana
Continua l'uso indiscriminato della forza da parte degli agenti per sedare i cortei di protesta in diverse città
ITALIA
18 ore
Sardegna prima in zona bianca: «Ma non è un "liberi tutti"»
Palestre e cinema aperti. L'assessore regionale alla Sanità, però, mette in guardia da un'eccessiva rilassatezza.
FOTO
FRANCIA
18 ore
All'asta un Van Gogh che non avete mai visto
“Scène de rue à Montmartre” era rimasto nascosto in una collezione privata e ci si aspetta sia venduto per milioni
STATI UNITI
21 ore
Vaccini anti Covid: picchi da record per le azioni dei produttori
Moderna e AstraZeneca hanno conosciuto i valori più alti degli ultimi cinque anni. Pfizer ci è andata vicina.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile