keystone
STATI UNITI
08.01.21 - 21:570

Licenziato il capo della polizia, 15 incriminati

Dopo i fatti di Capitol Hill è caduta la prima testa. E scattano i procedimenti penali

WASHINGTON - Quindici persone sono state incriminate a livello federale per gli scontri al Congresso. Lo riferisce il ministero della Giustizia, sottolineando che fra gli incriminati c'è Richard Barnett, il sostenitore di Donald Trump che si è seduto e ha poggiato i piedi sulla scrivania della Speaker della Camera, Nancy Pelosi.

Intanto cadono le prime teste dopo l'assalto al Campidoglio. Il capo del polizia del Congresso, Steven Sund, rassegna le sue dimissioni dopo il clamoroso flop della sicurezza che ha consentito, davanti agli occhi di tutto il mondo, l'invasione dei sostenitori di Donald Trump nell'edificio "tempio della democrazia".

Dimissioni che però non placano le polemiche e non fermano le indagini in corso per capire cosa sia accaduto e per scovare i responsabili e consegnarli alla giustizia. L'Fbi ha lanciato una caccia all'uomo a livello nazionale per rintracciare i responsabili delle violenze, offrendo anche una taglia da 50.000 dollari nel tentativo di ottenere informazioni sulle bombe artigianali rinvenute nelle sedi del partito democratico e di quello repubblicano a Washington.

La caccia all'uomo ha portato all'arresto del sostenitore di Trump che si è seduto alla scrivania della Speaker della Camera, Nancy Pelosi, poggiandovi i piedi sopra. Ma la ricerca continua, anche in seguito alle denunce di laptop e Ipad rubati ai deputati. Furti che alimentano il rischio di fuga di dati e informazioni riservate.

«Abbiamo dispiegato tutte le risorse a disposizione per l'indagine», ha assicurato il direttore dell'Fbi Christopher Wright. Proprio l'Fbi insieme al Pentagono avevano offerto rinforzi alla polizia del Congresso prima della manifestazione. La loro offerta era stata però gentilmente declinata. Sund infatti aveva assicurato, anche ai membri del Congresso che lo avevano interpellato, che tutto era sotto controllo, che i suoi uomini erano pronti e non c'era nulla da temere.

Rassicurazioni che sono cadute nel vuoto: l'invasione e la devastazione negli uffici dei deputati è avvenuta in diretta televisiva, lasciando poco spazio a eventuali giustificazioni e spiegazioni. E questo anche alla luce dei cinque morti negli scontri, fra i quali un agente della polizia del Congresso.

Brian Sicknick è stato colpito in testa con un oggetto di metallo, forse un estintore, all'interno del Campidoglio poco dopo l'invasione. Colpi che inizialmente non lo hanno fermato: ha continuato a compiere il suo lavoro nelle ore successive. Poi, verso le sette di sera del 6 gennaio, si è accasciato a terra, trasporto in ospedale è poi morto. Sicknick era entrato a far parte della polizia del Campidoglio nel 2008.

Dalla pioggia di critiche bipartisan, la polizia cerca di difendersi: nessuno - ripete - poteva immaginarsi che il presidente incitasse i manifestanti. «Chi poteva prevedere una cosa del genere? Era imprevedibile, una cosa a cui nessuno poteva essere pronto», afferma Jose Cervino, ex agente della polizia di Washington, difendendo la scelta degli agenti a non usare le armi . Il mandato della polizia del Congresso, spiega, è quello di proteggere deputati e senatori, non l'edificio.

Mentre le polemiche e le indagini proseguono, e non escludono per Trump l'ipotesi di istigazione alla violenza, la polizia si prepara ai prossimi giorni e soprattutto alla cerimonia di insediamento di Joe Biden il 20 gennaio. Centinaia di militari della Guardia Nazionale, provenienti anche da stati limitrofi, pattugliano già le strade.

Il timore è di una nuova discesa a Washington di "terroristi domestici", così come li ha definiti Biden, nei prossimi giorni. Secondo indiscrezioni infatti non sono escluse nuove proteste alla luce dell'uccisione della "martire" Ashli Babbitt, che è stata come «il primo colpo sparato in una rivoluzione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
NORDEST EUROPEO
2 ore
Rubinetti russi agli sgoccioli in una Moldavia sempre più europea
Tra le autorità moldave e la società russa fornitrice di gas Gazprom è scontro totale per un aumento dei prezzi
MONDO
7 ore
Niente più fame nel mondo? Basterebbe il 2% del patrimonio di Elon Musk
Il direttore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite invita i più ricchi del pianeta a «farsi avanti»
STATI UNITI
10 ore
Di cosa è morto Brian Laundrie? L'autopsia non dà una risposta
La vicenda dei due giovani continua a far parlare di sé, e sono ancora molte le domande senza risposta
FOTO
ITALIA
13 ore
Perché un ciclone ha investito la Sicilia: «Il Mediterraneo è sempre più tropicale»
Cosa si pensa che ci sia dietro al nubifragio che ha devastato Catania e che potrebbe protrarsi fino al fine settimana
TURKMENISTAN
17 ore
Doppio zero. Perché il Covid in Turkmenistan non esiste?
Ufficialmente non sono mai stati registrati casi o decessi. Ma per alcune fonti i morti sarebbero almeno 25'000.
STATI UNITI
1 gior
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
Stati Uniti
1 gior
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
1 gior
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
STATI UNITI
1 gior
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
1 gior
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile