Immobili
Veicoli
Non ha mai visto ombra di Covid e sarà la prima a vaccinare la sua popolazione
Depositphotos (optionm)
REPUBBLICA DI PALAU
08.01.21 - 06:300
Aggiornamento : 08:47

Non ha mai visto ombra di Covid e sarà la prima a vaccinare la sua popolazione

È la Repubblica di Palau che ha iniziato proprio questa settimana: «Puntiamo all'80% dei palauani»

NGERULMUD - 0 casi di coronavirus e 0 decessi legati al virus dall'inizio della pandemia, la Repubblica di Palau è una dei pochi Paesi al mondo a essere rimasti "Covid free" nell'ormai trascorso 2020.

L'arcipelago nel Pacifico, che si estende su 459 chilometri quadrati conta all'incirca 18'000 abitanti, potrebbe anche essere il primo a vaccinare tutta la sua popolazione.

Come riportato dalla CNN le prime 2'800 dosi del vaccino realizzato da Moderna, infatti, sono arrivate sull'isola questo sabato. E durante la settimana è iniziato il processo di vaccinazione. I primi destinatari sono state le persone più sensibili e il personale sanitario.

Palau, come nazione indipendente e liberamente associato agli Stati Uniti può beneficiare del programma di vaccinazione di massa, conosciuto con il nome di Operation Warp Speed (OWS): «È una grande fortuna per noi», spiega Ritter Udui del ministero della Salute palauano, «le nostre dimensioni ridotte per una volta giocheranno a nostro favore, il vaccino non è obbligatorio ma speriamo di arrivare a immunizzare l'80% della popolazione».

La scelta del Governo è caduta volutamente sul prodotto di Moderna, quello di Pfizer deve essere conservato a -70 gradi Celsius. Un vincolo che mal si presta al clima caldo e alla morfologia territoriale di Palau.

Un'isola che con il Covid lo è stato ancor di più

Sono misure rigide e introdotte rapidamente, quelle che hanno permesso a Palau di far si che il coronavirus non mettesse piede sul suo territorio. Controlli doganali già a partire da gennaio, poi tramutatisi in un blocco totale a marzo. Alla riapertura l'accesso veniva concesso solo dopo un tampone negativo. Misure che, come confermano le Nazioni Unite, «sono state la chiave del successo della Repubblica».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
50 min
I Talebani e quei passi indietro sempre più grandi
Alcuni dipartimenti governativi sono stati eliminati, a causa della difficile situazione economica
COREA DEL NORD
6 ore
Il coronavirus che dilaga e la (troppa) fame dei nordcoreani
I medici militari sono stati incaricati di portare con urgenza i farmaci di cui Pyongyang ha estremo bisogno
AFRICA
9 ore
«Le stuprano per curarle dall'omosessualità»
Cosa vuol dire essere gay in alcuni paesi africani? Lo spiega Sabrina Avakian, criminologa ed esperta in Diritti Umani
EUROPA
10 ore
Erdogan respinge Svezia e Finlandia
Il presidente turco: «Non perdano tempo a venire qui, a provare a convincerci»
STATI UNITI
12 ore
Buffalo, una strage pianificata da mesi
Il giovane aveva pubblicato online i dettagli in un lungo documento. Lo scorso marzo il sopralluogo nel supermercato
REGNO UNITO
13 ore
Tanto sesso, siamo inglesi. Scandali a Westminster
Molestie, ministri che guardano filmati porno in aula, corruzioni in cambio di favori ambigui.
SPAGNA
20 ore
Una mosca preoccupa la Spagna
Con il cambiamento climatico la presenza di simulidi sta aumentando e potrebbe diventare un problema di salute pubblica
SPAGNA
22 ore
Scontro fra treni, muore un macchinista
Un convoglio che trasportava merci è deragliato, finendo muso contro muso contro un treno passeggeri
STATI UNITI
1 gior
«Ha fatto 320km per uccidere più neri possibile»
L'autore della strage al supermercato ha guidato per ore per raggiungere il posto dove voleva colpire
RUSSIA
1 gior
Putin è stato operato per un cancro?
Nuove voci sullo stato di salute dello "zar": il ricovero; i filmati già pronti e i sosia per sostituirlo in pubblico.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile