Keystone
PALESTINA
20.12.20 - 17:390

Un Natale diverso senza pellegrini e turisti per Betlemme

Alle nuove regole non sono sfuggite neanche le funzioni e le preghiere nelle chiese

Fonte Massimo Lomonaco, Ansa
elaborata da Alessandra Ferrara
Giornalista

BETLEMME - Betlemme si prepara al Natale, ma certo quest'anno non sarà quello di sempre. La pandemia ha colpito duramente la cittadina della Cisgiordania lasciando la festa cristiana senza turisti e pellegrini e con iniziative ridotte nella presenza per non alimentare il propagarsi dell'infezione, in aumento nei Territori palestinesi come altrove.

Nella Piazza della Mangiatoia l'albero di Natale svetta davanti alla Basilica della Natività (appena restaurata) e il presepe testimonia la tradizione, ma l'atmosfera non è decisamente la stessa degli anni passati, quando già da giorni questi due posti-simbolo di Betlemme erano affollati di gente proveniente da tutto il mondo.

Nelle vie della cittadina i negozi sono in larga parte chiusi e anche il via vai nel suk è un ricordo del passato. Ad una situazione già pesante si sono aggiunte ore le ulteriori restrizioni introdotte dal governo palestinese, inevitabili a fronte degli ultimi picchi di contagi. Per i prossimi quattordici giorni - è stato disposto - ci saranno forti limitazioni agli spostamenti durante la settimana, lo stop nei week end e il mantenimento dell'attuale coprifuoco notturno dalle 19.00 alle 6.00.

Alle nuove regole non sono sfuggite neanche le funzioni e le preghiere nelle chiese (come nelle moschee) assoggettate a speciali protocolli. Compresa ovviamente la tradizionale messa di mezzanotte del 24 dicembre nella Chiesa di Santa Caterina, adiacente la Basilica, e quella diurna del 25. La partecipazione dei fedeli sarà contingentata.

Non ci sarà, come è invece sempre avvenuto finora, il presidente Abu Mazen, mentre saranno presenti i consoli generali a Gerusalemme delle quattro nazioni cattoliche: Francia, Spagna, Belgio e Italia.

I riti avranno inizio il 24 con la tradizionale partenza alle 11.00 da Gerusalemme del patriarca Pierbattista Pizzaballa: prima sosta presso il Monastero ortodosso di Sant'Elia per un incontro con una rappresentanza ridotta della parrocchia di Beit Jala, a poca distanza da Betlemme. Seconda sosta, con le stesse modalità, alla Tomba di Rachele e quindi l'ingresso a Betlemme con la tradizionale accoglienza degli Scout al suono delle cornamuse, del sindaco Anton Salma e dei rappresentati delle Chiese ortodossa ed armena.

A mezzanotte messa della vigilia a Santa Caterina con distanziamento e mascherine. Il giorno di Natale, messa con la parrocchia di Betlemme nella stessa chiesa. Con un'incognita: Pizzaballa nelle settimane passate ha annunciato di essere risultato positivo, sebbene asintomatico. Ora sta meglio e si spera che possa partecipare alle funzioni. Nel caso non fosse possibile - e sarebbe la prima volta per un patriarca - a celebrare sarà un suo delegato.

TOP NEWS Dal Mondo
NORVEGIA
9 min
L'abbraccio liberatorio: «Torniamo alla vita normale»
Niente più distanziamento sociale, basta limiti agli eventi. Una decisione possibile «grazie alla campagna vaccinale»
GERMANIA
1 ora
«Nessuno sta facendo abbastanza per la crisi climatica»
La giovane attivista si è rivolta ai manifestanti dal palco, esortandoli ad andare a votare
AFGHANISTAN
4 ore
Parla uno dei leader talebani: «Tornano esecuzioni ed amputazioni»
Il Ministro responsabile delle carceri ha giustificato le due misure: «Necessarie per la sicurezza»
STATI UNITI
7 ore
Caso Floyd, l'ex agente Chauvin contesta la condanna
L'ex ufficiale, lo ricordiamo, è stato condannato a 22 anni e sei mesi di prigione
STATI UNITI
10 ore
Entra al supermercato e apre il fuoco: un morto e 12 feriti
Per gestire la situazione sono intervenuti gli agenti speciali SWAT, il killer sarebbe morto
MONDO
12 ore
Oggi ripartono gli scioperi per il clima
Fridays for Future torna in piazza con lo slogan #Sradica il sistema
FOTO
SPAGNA
20 ore
La promessa di Felipe agli abitanti di La Palma
Prosegue l'eruzione del vulcano Cumbre Vieja
ITALIA
22 ore
Trattativa Stato-Mafia, ribaltata la sentenza di primo grado
Assolti gli alti ufficiali dei Carabinieri e anche Marcello Dell'Utri
REGNO UNITO
1 gior
L'immunità renderà il Covid simile a una comune sindrome influenzale?
«Il peggio dovrebbe essere passato», assicurano due esperti
SONDAGGIO
GERMANIA
1 gior
Niente stipendio ai No-vax in quarantena: «È corretto così»
La decisione tedesca è stata molto criticata ma il governo la difende: «Non deve pagare la società». Tu che ne pensi?
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile