Keystone
Una simulazione di prova in una casa anziani nel Brandeburgo
GERMANIA
18.12.20 - 16:140

Vaccinazioni nelle case anziani come una lettera alla posta? «Il diavolo si nasconde nei dettagli»

Parenti irreperibili e un formulario non ideale preoccupano in Germania. In Ticino ci si penserà «a tempo debito».

BERLINO - Suscita qualche preoccupazione tra gli addetti ai lavori la campagna vaccinale contro il Covid-19 che in Germania dovrebbe cominciare prima della fine dell'anno a partire, tra gli altri, dalle case anziani. Si teme infatti che l'ottenimento del consenso da parte dei familiari o dei tutori degli ospiti che non possono dare autonomamente la propria autorizzazione possa rallentare la somministrazione del preparato su larga scala.

«Tutti si aspettano che sia ovvio che le case anziani siano pronte, e lo saranno, ma quanti tutori riusciremo a contattare sotto le feste?», si chiede il direttore dell'Associazione federale tedesca dei fornitori privati di servizi sociali (bpa), Herbert Mauel, sentito dalla Welt. «Quante persone non potremo vaccinare a causa del consenso mancante?», aggiunge.

Uno dei problemi messi in luce da Mauel, è in particolare il formulario predisposto per l'autorizzazione alla vaccinazione, a suo avviso «elaborato da qualcuno che non è pratico di case anziani». Raccoglie infatti su un unico foglio l'espressione del consenso alla vaccinazione, l'anamnesi del paziente e la dichiarazione di aver ricevuto la consultazione di un medico. Tre campi che una persona che va a farsi somministrare il preparato in un centro vaccinale può tranquillamente compilare da sola, ma che per molti anziani devono essere riempiti da almeno due persone diverse.

«Due terzi degli ospiti delle case anziani sono affetti da demenza», fa notare il direttore della bpa. «Senza l'autorizzazione del tutore legale la vaccinazione è esclusa - spiega -. Per quanto riguarda l'anamnesi, i tutori o i parenti non sono però le prime persone di riferimento. Il modulo può quindi essere compilato e firmato solo dal medico, che deve inoltre fornire la consulenza dettagliata e attestarla». 

Un problema, questo, che necessita di maggiori e più «dettagliate» spiegazioni procedurali da parte delle autorità sanitarie, secondo Mauel. Oppure, la vaccinazione degli oltre 800mila ospiti delle case anziani tedesche, un «megaprogetto logistico» secondo il responsabile, potrebbe non andare spedita come sperato. «Il diavolo si nasconde nei dettagli», sottolinea il responsabile. «Bisogna evitare che il vaccino sia pronto da somministrare, ma che per motivi formali non possa essere utilizzato», conclude.

Al contrario della Germania, da noi la campagna vaccinale non dovrebbe partire prima di gennaio e non dovrebbe quindi risentire della difficoltà di reperire i parenti degli anziani sotto le feste. L'ottenimento del consenso da parte di questi ultimi, però, potrebbe determinare rallentamenti anche qui? La tematica verrà affrontata «a tempo debito», assicurano dall'Associazione dei direttori delle case per anziani della Svizzera italiana ADICASI. A stabilire le procedure, in ogni caso, sarà l'Ufficio del medico cantonale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 11 mesi fa su tio
È arrivato il Gesú Vaccino, ma attenti al diavolo...
spike3.0 11 mesi fa su tio
«Due terzi degli ospiti delle case anziani sono affetti da demenza», plausibile, ma se guardi fuori la percentuale aumenta....
Alessandro 69 11 mesi fa su tio
@spike3.0 👏👏
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
3 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
6 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
8 ore
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
9 ore
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
11 ore
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
11 ore
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
AUSTRIA
23 ore
Il cancelliere austriaco vuole già dimettersi
Alexander Schallenberg si è detto pronto a lasciare l'incarico, appena due mesi dopo il predecessore Kurz
VIDEO
Stati Uniti
23 ore
Uomo armato davanti alla sede delle Nazioni Unite. Minaccia di suicidarsi
Il Palazzo di vetro è stato blindato. La polizia è sul posto. Accorsi anche gli artificieri: c'è una borsa sospetta
GERMANIA
1 gior
Annunciato il lockdown per i non vaccinati
«Il Paese deve unirsi in un atto di solidarietà»: così Angela Merkel e Olaf Scholz in conferenza stampa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile