keystone-sda.ch / STF (Czarek Sokolowski)
+2
POLONIA
13.12.20 - 20:040

Migliaia di voci contro la stretta sull'aborto

I manifestanti hanno attraversato Varsavia e chiesto le dimissioni del governo

Secondo la Corte costituzionale, l'interruzione di gravidanza in caso di grave malformazione del feto è incostituzionale. La sentenza vieta di fatto l'aborto tranne nei casi di stupro, incesto o quando la vita della madre risulta in pericolo.

VARSAVIA - Alcune migliaia di persone hanno manifestato oggi a Varsavia per protestare contro una sentenza della Corte costituzionale che impone in Polonia un divieto quasi totale di aborto, e anche per chiedere le dimissioni del governo conservatore.

I manifestanti, per lo più donne e giovani, hanno attraversato la città per raggiungere la casa del vice primo ministro Jaroslaw Kaczynski, considerato l'uomo forte dei conservatori al potere e il vero responsabile della decisione della Corte.

In più occasioni la polizia ha tentato di bloccare la strada alla marcia per impedire ai manifestanti di dirigersi verso la casa di Kaczynski, diventata obiettivo costante delle proteste.

Nella notte un gruppo di contadini che accusa il governo di essere rimasto inattivo di fronte al calo dei prezzi dei generi alimentari ha anche depositato davanti all'abitazione un maiale morto, e ha gettato patate e uova nelle strade.

Il 22 ottobre la Corte costituzionale, riformata dal partito ultra-cattolico Legge e Giustizia (PiS) al potere e ottemperando ai suoi desideri, ha bandito l'interruzione volontaria della gravidanza in caso di grave malformazione del feto, stabilendo che è "incompatibile" con la Costituzione. La sentenza si traduce nel divieto di tutti gli aborti tranne nei casi di stupro e incesto o quando la vita della madre è in pericolo.

Le proteste si svolgono nonostante la pandemia che ha finora ucciso oltre 22'000 persone in Polonia.

keystone-sda.ch / STF (Czarek Sokolowski)
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
2 ore
Bambina di quattro anni scompare durante un campeggio
I genitori hanno lanciato l'allarme al risveglio, quando non l'hanno trovata nella tenda
STATI UNITI
2 ore
La morte di Powell fa il pieno ai "no vax"
L'ex Segretario di Stato americano è morto per complicazioni da Covid-19. Una prova che il vaccino non funziona? No.
STATI UNITI
4 ore
Quelle email inappropriate che Bill Gates mandava a una dipendente
Lo scambio datato 2008 getta nuova luce sulle sue dimissioni, avvenute forse sotto pressione di Microsoft stessa
COREA DEL NORD
7 ore
La Corea del Nord ha lanciato un missile in direzione del Giappone
L'arma balistica è stata sparata questa mattina all'alba e si è inabissata nel Mar Orientale senza fare danni
MONDO
9 ore
Troppa disinformazione «per fare scelte consapevoli riguardo alla propria salute»
Amnesty International attacca i Governi e le aziende di social media: «Fermate l'attacco alla libertà d'espressione»
FOCUS
9 ore
In fuga da tre anni
Tra i migranti in viaggio ci sono famiglie, bambini molto piccoli e donne incinte. Ecco le loro storie e i loro volti
BRASILE
15 ore
Bolsonaro come Hitler: la copertina crea scandalo
Un settimanale brasiliano attacca il presidente definendolo «architetto della tragedia» e «mercante di morte».
ITALIA
19 ore
Un professore alla guida di Roma
In Italia vola il centrosinistra che si è portato a casa tutti i capoluoghi di regione (a parte Trieste).
FOTO
STATI UNITI
19 ore
Esce dal ristorante senza mascherina, è bufera su Joe Biden
Il presidente è stato fotografato a viso scoperto mentre usciva da un ristorante italiano di Washington D.C.
CINA
22 ore
Perché in tantissimi facevano il tifo per un pluriomicida cinese in fuga
Aveva accoltellato un'intera famiglia ma tutti speravano che potesse farla franca, la tragica storia di Ou Jinzhong
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile